Come sono stati realizzati i vaccini mRNA: fermare il progresso e incidenti felici

“Ho detto, sono uno scienziato dell’RNA. Posso fare qualsiasi cosa con l’RNA”, la dottoressa Carriko ricorda di aver detto al dottor Wiseman. “Puoi fare un vaccino contro l’HIV?” le chiese.

“Oh sì, oh sì, posso farlo”, Dr. Cariko Egli ha detto.

Fino a quel momento, i vaccini commerciali avevano trasportato virus modificati o frammenti di essi nel corpo per addestrare il sistema immunitario ad attaccare i microbi invasori. Invece, il vaccino mRNA contiene istruzioni – codificate nell’mRNA – che consentono alle cellule del corpo di iniettare le proprie proteine ​​virali. Il dottor Wiseman ritiene che questo approccio imiterebbe meglio le infezioni reali e stimolerebbe una risposta immunitaria più forte rispetto ai vaccini convenzionali.

Era un’idea marginale che pochi scienziati pensavano potesse funzionare. Una molecola fragile come l’mRNA sembra essere un candidato vaccino improbabile. Neanche i revisori delle sovvenzioni sono rimasti colpiti. Il suo laboratorio doveva funzionare con denaro iniziale che l’università stava dando a nuovi membri della facoltà per iniziare.

A quel punto, era facile sintetizzare l’mRNA in laboratorio per codificare qualsiasi proteina. Dott.. Weissman e Karikó hanno inserito molecole di mRNA nelle cellule umane che crescono nelle piastre di Petri e, come previsto, l’mRNA ha incaricato le cellule di produrre determinate proteine. Ma quando hanno iniettato l’mRNA nei topi, gli animali si sono ammalati.

“La loro pelliccia si è gonfiata, si sono chinati, hanno smesso di mangiare, hanno smesso di correre”, ha detto il dottor Weissman. “Nessuno sa perché.”

Per sette anni, la coppia ha studiato il modo in cui funziona l’mRNA. Innumerevoli prove fallite. Vagarono in un vicolo cieco dopo l’altro. Il loro problema era che il sistema immunitario percepisce l’RNA messaggero come un frammento di agenti patogeni invasori e lo attacca, facendo ammalare gli animali mentre distrugge l’RNA.

READ  Perché alcuni fisici dubitano dell'esperimento sui muoni che allude alla "nuova fisica"

Alla fine, hanno risolto il mistero. I ricercatori hanno scoperto che le cellule proteggono il loro mRNA attraverso specifiche modificazioni chimiche. Quindi gli scienziati hanno cercato di apportare la stessa modifica all’mRNA che era stata apportata in laboratorio prima che fosse iniettato nelle cellule. Ha funzionato: l’mRNA è stato assorbito dalle cellule senza innescare una risposta immunitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *