Come NI ha frustrato i campioni d’Europa con la “tipica prestazione italiana”

Così vicino ma così lontano: Conor Washington avrebbe potuto vincere la partita per l’Irlanda del Nord

La dice lunga quando affronti i campioni d’Europa che devono segnare nelle qualificazioni ai Mondiali, e sono delusi da un pareggio a reti inviolate.

È esattamente come si sono sentiti l’Irlanda del Nord e Ian Baraklough dopo il risultato di lunedì contro l’Italia, che a sua volta ha perso automaticamente un posto nella fase finale dei Mondiali in Qatar il prossimo inverno.

“Ho scambiato due parole con Gianluca Vialli alla fine e mi ha detto che questa è stata una tipica prestazione difensiva italiana”, ha detto Barakloff.

“Lo prendo e i ragazzi possono esserne orgogliosi. E per confrontare le prestazioni che di solito danno gli italiani, sai che probabilmente stai facendo qualcosa di giusto”.

L’enorme elogio del secondo giocatore Vialli a Roberto Mancini, un gigante del gioco a sé stante, la dice lunga sullo spettacolo dell’Irlanda del Nord a Belfast.

Guardando le statistiche prima della partita, c’era molto da temere per l’Irlanda del Nord che non aveva molto per cui giocare. È stata questa grande squadra italiana che ha perso solo una volta nelle ultime 40 partite, di cui 37 consecutive, e ha guadagnato ulteriore slancio come campioni d’Europa.

La grande macchina italiana Mancini avrebbe dovuto uscire allo scoperto ed eliminare ogni possibilità di perdere contro la Svizzera nella gara di qualificazione automobilistica, ma quando gli svizzeri hanno preso il comando contro la Bulgaria, gli italiani non hanno avuto risposta.

Si potrebbe sostenere che il loro posto ai Mondiali del prossimo inverno avrebbe dovuto essere già riservato. Jorginho ha sbagliato i suoi due calci di rigore, in entrambe le occasioni contro la Svizzera, alla fine costandoli.

Tuttavia, dall’esibizione drammatica di entrambi gli inni, del soprano italo-britannico Carly Pauli, vestita con un completo dell’Irlanda del Nord, i perdenti erano quelli che cercavano di combattere.

Ci sono stati un paio di rasoi ravvicinati quando Federico Chiesa e Giovanni Di Lorenzo Bailly Peacock Farrell hanno provato, ma l’Irlanda del Nord, che aveva avuto occasioni in precedenza attraverso George Savile e Stewart Dallas, avrebbe dovuto vincere la partita quando Conor Washington ha parato una rete di Leonardo Bonucci striscia nei minuti di recupero.

Il soprano Carly Pauli ha rubato la scena con i jingle
Il soprano Carly Pauli ha rubato la scena con i jingle

Nel complesso, la campagna dell’Irlanda del Nord è stata altalenante sotto il nuovo allenatore, ma il punteggio contro l’Italia si rifà ai giorni di gloria sotto Michael O’Neill e alle famose notti ispirate a David Healy al Windsor Park contro Inghilterra e Spagna.

Il clamore e l’emozione tra la folla di 16.000 persone sono state chiassose, infatti i visitatori sembravano un po’ scioccati. Ci si aspettava che questa squadra dell’Irlanda del Nord, con il supporto dell’esercito bianco e verde, in agguato, avrebbe quasi causato il più grande sconvolgimento.

Jonny Evans ha guidato la linea difensiva in modo aggressivo e ha dimostrato la sua classe con due impressionanti abilità di cui i visitatori sarebbero orgogliosi. Craig Cathcart era il solito affidabile e Tom Flanagan, nonostante i suoi momenti traballanti, era un eccellente vice prima di Dan Ballard e poi di Paddy McNair. Dietro a tutti, Peacock-Farrell era una roccia, come lo era stato per gran parte della campagna.

“Non credo che ci siano abbastanza parole per descrivere come mi sento dopo”, ha detto Baraklough.

“È davvero deludente, se non fosse stato per Bonucci in linea avremmo parlato di una vittoria storica.

“Con il piano di gioco, i ragazzi hanno lavorato per indossare i loro calzini migliori in assoluto e tutto il merito va a loro”.

Stephen Davis e Jorginho
L’esercito bianco e verde stava ruggendo a Windsor Park ed erano i dodicesimi uomini nell’Irlanda del Nord

Il terzo posto nel girone non è molto entusiasmante, ma dà all’Irlanda del Nord qualcosa su cui costruire e Baraklough ha guadagnato così tanta fiducia nel fatto che la sua squadra non ha subito un gol in casa nella stagione.

“Non sono sicuro di quante squadre giocheranno le partite casalinghe senza subire un foglio”, ha aggiunto.

“Stiamo parlando di battere uno dei grandi paesi ed essere competitivi, che è il ritmo di lavoro e il lavoro di squadra che stiamo cercando di costruire con l’arrivo di nuovi giocatori.

“Stiamo cercando di costruire per la Nations League e l’Euro, e possiamo competere ogni notte. Come gruppo insieme, insieme ai tifosi, possiamo fare molto.

“Non ci lasceremo trasportare da noi stessi. Per noi è un ottimo risultato, poteva andare meglio, ma ce la faremo”.

Stefano Davis
Stephen Davis ha messo in scena uno spettacolo incredibile quando aveva 36 anni con il suo cappello #132 NI

Nonostante le domande in preparazione della partita sul futuro del capitano Stephen Davis, Baraklough crede che aggiungerà alle sue 132 presenze e che il pareggio di lunedì con l’Italia “non è stato il suo ultimo colpo” con una maglia verde.

“Volevo solo ringraziarlo ancora una volta per i suoi sforzi in una grande serata. Merita i riconoscimenti che riceve da tutti nel gruppo”.

“Tutti lo amano e sanno quanto sia importante per tutti noi. Può giocare fino a quando non ha almeno 40 anni”.

Era solo una chiamata spazzatura – Washington

Washington, che era entrato in campo nel secondo tempo, è entrato e ha dato all’Irlanda del Nord un secondo vento mentre i calci d’inizio iniziavano a stancare. La sua ultima occasione è stata un’occasione mancata per scrivere se stesso nel folklore NI, ma l’attaccante del Charlton Athletic dice che prende ancora gli aspetti positivi dal suo cameo.

“È uno di quelli come attaccante, quando lo superi pensi che dovrei premere il grilletto, ma se è il modo in cui ho colto l’occasione, nessuno lo metterebbe in dubbio”, ha detto.

“Questa è solo la vita di un attaccante. Il mio lavoro è prendere quelle posizioni e mettere la palla in rete, ovviamente non l’ho fatto ma sono entrato e sono riuscito a entrare in diverse buone posizioni. Cercherò di prendere quelle positivi.”

“Scommetto su di lui [Baraclough] Vorrei averlo afferrato adesso. Era uno di quelli in cui ti trovi in ​​questa situazione e pensi di aver fatto tutto bene, ma era solo una connessione di merda, non ne ho avuto abbastanza. È quasi entrato di soppiatto, qualsiasi cosa nell’angolo o sopra entra. Sono deluso, ma è stato bello arrivarci e mantenere la calma fino a quel momento.

“Dopo che l’ho passato, stavo guardando attraverso quello e ho pensato che qualcuno doveva essere lì per approfittare di questo, ma per essere onesti, i ragazzi hanno messo su un tale cambiamento che non potevano nemmeno avvicinarsi a me.

“Mi sentivo davvero come se avessi fatto tutto bene ed ero in grado di arrivare alla mia sinistra, ma era un problema di connessione. E che tipo di colpo pulito va dentro.”

Così vicino, ma finora riassume il mandato di Baraklough finora, e ora la sfida, con la serie positiva della prestazione italiana, è andare avanti da qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *