Come il degrado della Costa Concordia ha trasformato un’isola italiana

Giglio Porto, Italia – I massi di granito ricurvi dell’isola toscana del Giglio giacevano desolati sotto il sole invernale, minacciando il naufragio turchese di questo santuario marino dieci anni fa e non essendo coperti da una nave attaccata.

Alcuni degli oltre 500 cittadini che vivono nel villaggio di pescatori non dimenticheranno mai la notte di gelo che affondò la nave Costa Concordia il 13 gennaio 2012, uccidendo 32 persone e risollevando la vita sull’isola per molti anni.

Mario Bellegrini, 59 anni, vicesindaco nel 2012, si è detto il primo cittadino a salirci sopra dopo aver colpito le rocce vicino al faro all’ingresso del porto.

L’ospitalità della ristretta comunità degli isolani iniziò con la prima a fornire assistenza di base ai 4.229 passeggeri e membri dell’equipaggio che dovettero essere evacuati da una nave a molti piani come un grattacielo. In breve tempo i residenti del Giglio hanno intrattenuto migliaia di giornalisti, forze dell’ordine ed esperti di soccorso che sono sbarcati al porto. Nei prossimi mesi le squadre di soccorso saranno accampate nel bellissimo porto per impegnarsi nel compito di disfarsi in sicurezza della nave, operazione durata più di due anni.

Il popolo del Kiglio si sentiva come una famiglia per chi trascorreva lunghe giornate nel suo porto per ricevere la notizia dei propri cari arenati sulla nave. Giovedì, a 10 anni dalla tragedia, i familiari delle vittime, alcuni viaggiatori e funzionari italiani hanno assistito a una messa commemorativa e lanciato corone di fiori nelle acque di sosta della Costa Concordia. Alle 21:45, mentre la nave affondava, una processione a lume di candela ha illuminato la grotta nel porto, mentre le campane della chiesa suonavano e le sirene della nave suonavano.

Francesco Dietrich, 48 anni, della città orientale di Angona, è venuto sull’isola nel febbraio 2013 per lavorare con i Divers Divers, aggiungendo che “è un lavoro da sogno”, ha aggiunto: “È come dare a qualcuno di giocare a calcio per la squadra della Parrocchia .

Sig. Dietrich ha dovuto acquistare molte forniture per la riparazione di barche dall’unico negozio di ferramenta della città per il suo lavoro. Appartiene a una famiglia locale, e il sig. Dietrich ora ha un figlio di 6 anni, Pietro, con la figlia di famiglia.

“È stato uno shock per noi”, ha detto Bruna Danny, 42 anni, che è stata segretaria della Coalition for Preserving the Ruins fino al 2018. “Il lavoro di Costa Concordia è stata per me un’esperienza che mi ha cambiato la vita in molti modi”.

Il rendering di Costa Concordia è stato utilizzato dalle squadre di soccorso per recuperarlo, ed è stato appeso alla parete del soggiorno dove giocava la figlia di 22 mesi, Ariana.

“Non sarebbe qui se David non venisse a lavorare nel sito”, ha detto la signora Danny, David Cedoli, 52 anni, un subacqueo esperto di Torino, arrivato sull’isola nel maggio 2012 per aiutare Costa. Concordia – è anche il padre di Haryana.

Da una barca, il sig. Cedoli ha osservato un’operazione di salvataggio senza precedenti che, in un giorno, la nave di 951 piedi è stata in grado di ruotare, alquanto schiacciata contro le rocce, senza rappresentare ulteriori pericoli per l’ecosistema sottomarino dal fondale alla posizione eretta. È stato danneggiato quando è andato a riva.

“Quando il barbagling è finito, abbiamo saltato su e giù per la gioia”, Mr. ha ricordato Cedoli. “Sentivamo di rendere giustizia a questa storia. Ho amato questa piccola comunità e vivo sull’isola.

Il consiglio locale ha votato per trasformare il 13 gennaio nel Giorno della Memoria di Kiglio, ma entro la fine dell’anno ha annullato le commemorazioni pubbliche, dicendo che “senza i media, sarebbe un momento molto più vicino”. disse Ordelli durante la Messa.

READ  Pit Volley parte per un tour di 11 giorni in Spagna, Italia

“Essere qui dopo dieci anni riporta molte emozioni”, ha detto Kevin Rebello, 47 anni, il cui fratello maggiore, Russell, era un dipendente di Costa Concordia.

I resti di Russell Rebello, tre anni dopo il naufragio, furono finalmente recuperati quando la nave fu portata in piedi a Genova da sotto i mobili di una stanza.

“In primo luogo, mi sento vicino a mio fratello qui”, ha detto Kevin Rebello. “Ma per me è una specie di ricongiungimento familiare – non vedo l’ora di vedere la gente di Kiglio”.

Sig. Rebello abbracciò e salutò gli abitanti delle strade della zona portuale, e ricordò che la gente lì in quel momento gli aveva mostrato affetto, gli aveva comprato il caffè e reso omaggio al suo dolore.

“Le altre famiglie delle vittime la pensano diversamente, ma io sono cattolico e sono perdonato”, ha detto. Rebello ha spiegato.

L’incidente della Costa Concordia ha causato la disgrazia nazionale, con il comandante di linea Francesco Sketino che non ha immediatamente emesso l’allarme generale e ha coordinato l’evacuazione, abbandonando invece la nave che affonda.

“Risalire!” Un ufficiale della Guardia Costiera, il sig. urlò Shettino, rendendosi conto che il capitano stava guardando le persone su una scialuppa di salvataggio che lottavano per scappare, e in seguito furono rivelate le registrazioni audio del loro scambio. “Sali sulla prua della nave su una scala di corda e digli cosa puoi fare, quante persone ci sono e di cosa hanno bisogno. Ora! “

L’ufficiale ha intrapreso una carriera di successo in politica, mentre il sig. Shetino sta scontando una condanna a 16 anni nel carcere romano per aver abbandonato la nave prima dell’omicidio e della deportazione. Altri ufficiali e membri della squadra hanno negoziato una riduzione della pena.

Durante il processo il sig. Shettino ha ammesso di aver fatto “ostilità” quando ha deciso di salpare nei pressi dell’isola di Kiglio per salutare la famiglia del capo di stato maggiore della nave. L’impatto della roccia semisommersa vicino all’isola ha creato un gas in superficie fino a 70 metri o circa 76 iarde, che ha portato la nave a oscurarsi e a versare acqua sui ponti inferiori.

READ  Basket-Francia, Australia 3-0 Italia passa alla Nigeria nei quarti di finale

Sig. Shetino ha cercato di spingere la nave verso il porto per facilitare l’evacuazione, ma la nave ha perso il controllo e ha cominciato a capovolgersi mentre si avvicinava al porto, rendendo così inutili molte scialuppe di salvataggio.

“Non posso dimenticare gli occhi dei bambini che sono spaventati a morte e gli occhi dei loro genitori”, ha detto. Bellegrini ha detto di essere salito a bordo della nave per parlare con le autorità e organizzare l’evacuazione. “Il rumore metallico della grande nave, il ruggito del mare negli infiniti corridoi dell’incrociatore.”

Dieci anni dopo, il sindaco di Giglio, Sergio Ordelli, fece una mossa simile. “Nessuno può tornare indietro e annullare le stupide morti di persone innocenti o il dolore delle loro famiglie”, ha detto. “La tragedia sarà sempre con noi come comunità. È stato un disastro per noi.

Eppure il sig. Ortelli ha detto che l’incidente ha salvato la vita a migliaia di soccorritori qualificati e ha raccontato una storia diversa sugli ingegneri che hanno riparato la nave, l’hanno fatta galleggiare di nuovo e l’hanno portata a Scrapboard.

Mentre l’attenzione globale si allontana da Kiglio, i residenti sono temporaneamente in contatto con il mondo esterno attraverso le persone che ci vivevano.

Per diversi mesi, il Rev. P. Lorenzo Pascotti ha ricevuto pacchi di sandali lavati a secco, maglioni e tovaglie regalati ai viaggiatori che quella notte erano rimasti bloccati al freddo nella sua chiesa.

Un’estate, padre Pascotti mangiò biscotti tedeschi con a bordo una coppia tedesca. Ricordano ancora il tè caldo e gli avanzi dei pasti di Natale offerti loro quella sera.

“Molte gare nazionali – il mondo era improvvisamente alle nostre porte”, ha ricordato quella notte. “L’abbiamo aperto naturalmente.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *