Combattenti talebani in Afghanistan entrano nel secondo capoluogo di provincia in pochi giorni | notizie dal mondo

Un politico ha detto che i combattenti talebani sono entrati nella capitale della provincia afgana di Jowzjan e stanno cercando di conquistare la loro seconda capitale provinciale entro pochi giorni.

Muhammad Karim Jozjani ha detto che gli uomini armati hanno raggiunto la città di Sheberghan, ma lo hanno fatto afgano Il governo, pur non negandolo, insisteva che la città non era ancora caduta.

Sheberghan è di particolare importanza perché è la roccaforte del signore della guerra uzbeko Rashid Dostum, la cui milizia è stata rianimata per aiutare le forze governative afghane.

Dostum, un ex paracadutista dell’esercito, è tornato nella provincia la scorsa settimana dopo mesi in Turchia, dove si ritiene abbia ricevuto cure mediche.

Segui il podcast quotidiano su podcast della mela, Podcast di Google, spotificare, Altoparlante

Il suo portavoce, Ihsan Nero, ha detto all’AFP di aver incontrato alti funzionari per parlare della sicurezza a Sheberghan.

I residenti della città hanno affermato che ci sono stati intensi attacchi aerei e che i talebani hanno rilasciato prigionieri dalla prigione.

I militanti hanno approfittato della partenza delle forze straniere dal Paese, hanno preso rapidamente il controllo delle aree vulnerabili e ora stanno rivolgendo la loro attenzione ai capoluoghi di provincia.

Venerdì, i talebani hanno sequestrato Zaranj, la capitale della provincia sudoccidentale di Nimroz, e il governo ha affermato che le sue forze stanno ancora combattendo all’interno della città.

Più della metà dei 421 distretti e centri distrettuali del Paese sono in mano ai talebani e molti capoluoghi di provincia sono minacciati.

Il deterioramento della situazione ha portato a un avvertimento da parte del governo del Regno Unito venerdì sera, Ha consigliato agli inglesi di lasciare immediatamente il paese.

READ  Notizie dall'UE: i capi di Bruxelles scatenano la rabbia per gli "incontri segreti" per salvare l'eurozona | mondo | notizia

Molti dei luoghi minacciati sono remoti, ma alcuni sono di importanza strategica e darebbero ai talebani il controllo dei lucrosi valichi di frontiera con Iran, Tagikistan e Pakistan.

immagine:
Combattenti talebani hanno chiuso il valico di frontiera a Spin Boldak, intrappolato persone e rifornimenti lì e dalla parte pakistana a Chaman (nella foto)

Sempre venerdì, i combattenti talebani hanno chiuso il valico di frontiera con il Pakistan a Spin Boldak, per protestare contro la richiesta del Pakistan che tutti gli afgani che attraversano il confine dovrebbero avere passaporti afgani e visti pakistani.

La traversata è importante in quanto è una delle principali rotte per il trasporto di merci nell’Afghanistan senza sbocco sul mare dalla città portuale di Karachi, in Pakistan.

Fino a sabato, più di 600 camion, molti dei quali trasportavano cibo deperibile, erano stati fermati in entrambi i paesi.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

Il Regno Unito deve “farsi avanti” per aiutare l’Afghanistan

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno affermato che il ritiro delle proprie forze dall’Afghanistan è completo per oltre il 95% e sarà completato entro la fine di questo mese, ma l’aviazione americana continua ad assistere le forze afgane nella difesa di Helmand e Kandahar nel sud, in uno sforzo per impedire la presa del potere da parte dei talebani.

Nella provincia di Helmand, Naviza Faiz, membro del consiglio provinciale, ha affermato che le forze talebane controllano nove dei 10 distretti di polizia della capitale, Lashkar Gah.

Ha aggiunto che i commando afgani e le forze regolari stanno cercando di portare i combattenti fuori dalla città, ma senza molto successo, aggiungendo che le condizioni per i civili sono miserabili.

READ  La condanna di Derek Chauvin non è motivo di celebrazione, afferma il procuratore capo del caso

Molti sono intrappolati in città, impossibilitati a rifornirsi e impossibilitati a raggiungere gli ospedali per assistenza medica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *