Colpo di stato del Myanmar: l’esercito blocca l’accesso a Facebook mentre cresce la disobbedienza civile | Sviluppo globale

L’esercito del Myanmar ha iniziato a bloccare l’accesso a Facebook nel tentativo di eliminare i segni di dissenso, pochi giorni dopo il rovesciamento del governo democraticamente eletto del Myanmar. Aung San Suu Kyi.

Facebook, uno dei mezzi di comunicazione più popolari in Myanmar, è stato utilizzato per coordinare una campagna di disobbedienza civile che ha visto gli operatori sanitari in dozzine di ospedali lasciare il lavoro mercoledì per protestare contro le azioni dei militari. È stato anche usato per condividere i piani di protesta serali, come hanno fatto i residenti Ai loro balconi a sbattere pentole e padelleUn atto simbolico per bandire il male.

Il ministero delle comunicazioni e dell’informazione ha detto Il sito di social networking FacebookUtilizzato da metà dei 53 milioni di abitanti del Myanmar, sarà vietato fino a domenica, aggiungendo che le persone “disturbavano la stabilità del Paese” utilizzando la rete per diffondere “fake news e false informazioni”.

Facebook ha confermato di essere a conoscenza delle interruzioni, mentre NetBlocks, che monitora le interruzioni di Internet in tutto il mondo, ha affermato che i fornitori di servizi sono in Myanmar Anche l’accesso a Instagram e WhatsApp, anch’essi di proprietà di Facebook, è stato bloccato o limitato.

Reuters ha riferito che i tentativi di bloccare i social media sono stati sporadici, tuttavia, alcuni sono ancora in grado di accedere ai siti. Altri hanno deviato le VPN scaricate per aggirare le restrizioni.

Nonostante il tentativo dell’esercito di reprimere gli attivisti, le proteste sono continuate. Giovedì, nella città di Mandalay, si è svolta la prima manifestazione di piazza contro il colpo di stato militare, con un piccolo gruppo che cantava: “I nostri leader detenuti: rilasciate ora, rilasciate ora”. Il sito di notizie Myanmar Now ha riferito che la polizia antisommossa ha rapidamente espulso il gruppo.

READ  Egitto: 11 morti e 98 feriti dopo un treno deragliato vicino al Cairo | Notizie dal Medio Oriente

Aung San Suu Kyi, Chi è stato arrestato durante il raid lunedì mattinaMercoledì era in possesso di radio importate illegalmente, il che comporta una pena fino a due anni di carcere. Non è apparsa in pubblico dal suo arresto.

I messaggi condivisi su Facebook prima delle proteste serali di questa settimana hanno chiesto alle persone di salire sui loro balconi e gridare: “Pregate per la salute di Aung San Suu Kyi”; “Pregate per la libertà per il Myanmar”. E “preghiamo fino alla fine del controllo militare”.


Il Myanmar canta pentole e padelle contro il colpo di stato militare – video

L’esercito ha giustificato il suo sequestro accusando la Lega nazionale per la democrazia guidata da Aung San Suu Kyi di truccare le elezioni di novembre, richiesta respinta dagli osservatori. Il partito di Aung San Suu Kyi ha vinto 396 dei 476 seggi nell’ultima votazione, una maggioranza più forte di quanto non fosse nel 2015, quando è salito al potere in un’ondata di ottimismo mentre il paese ha tenuto le sue prime elezioni aperte da decenni.

Il Nazioni unite Si è impegnato ad aumentare la pressione internazionale per garantire il rispetto del risultato del voto. “Faremo tutto ciò che è in nostro potere per mobilitare tutti gli attori chiave e la comunità internazionale per esercitare una pressione sufficiente sul Myanmar per assicurarsi che questo colpo di stato fallisca”, ha detto mercoledì al Washington Post Antonio Guterres, il Segretario generale delle Nazioni Unite. “E ‘del tutto inaccettabile dopo le elezioni – elezioni che credo si siano svolte naturalmente – e dopo un grande periodo di transizione”.

Anche gli Stati Uniti hanno descritto la situazione come una priorità e hanno detto che stavano rivedendo potenziali sanzioni in risposta.

Il colpo di stato è avvenuto un decennio dopo solo dopo che l’esercito – che aveva governato il Myanmar per quasi 50 anni – ha accettato di condividere il potere con i leader civili.

Alla domanda sull’incriminazione di Aung San Suu Kyi, 75 anni, Guterres ha detto: “Se possiamo accusarla di qualcosa, [it] È che era molto vicina all’esercito, perché proteggeva molto l’esercito “.

Sebbene Aung San Suu Kyi sia venerata nella sua patria, la sua reputazione internazionale è stata gravemente minata dalla sua decisione. Difendere il Myanmar dalle accuse di genocidio.

“Spero che la democrazia possa fare di nuovo progressi in Myanmar, ma affinché tutti i prigionieri possano essere liberati, l’ordine costituzionale deve essere ripristinato”, ha detto Guterres.

Annan ha anche espresso rammarico per il fatto che il Consiglio di sicurezza non sia stato in grado di concordare una dichiarazione congiunta sul colpo di stato in Myanmar, dopo una riunione di emergenza avviata dalla Gran Bretagna.

Secondo una bozza di testo proposta all’inizio della settimana per i negoziati e ottenuta dall’Agence France-Presse, il Consiglio di sicurezza esprime profonda preoccupazione e condanna il colpo di stato e chiede all’esercito di “liberare immediatamente i detenuti illegali”.

Il consiglio chiederà anche l’abolizione dello stato di emergenza per un anno.

Da mercoledì sera, secondo i diplomatici, stavano proseguendo i negoziati tra i 15 membri del consiglio, in particolare con Cina e Russia, che hanno impedito martedì l’adozione della dichiarazione.

L’esercito del Myanmar ha affermato che il colpo di stato era in linea con la costituzione del paese. Il capo dell’esercito Min Aung Hlaing, ora capo del nuovo governo, martedì ha difeso l’azione dell’esercito definendola “inevitabile”. Ha detto che i leader civili non hanno ascoltato le lamentele dell’esercito sulla frode degli elettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *