Collezione Nioh su PlayStation 5

La collezione Nioh di PlayStation 5 vede Tecmo Koei combina entrambe le epopee PS4 in un unico pacchetto completo con tutte le espansioni scaricabili, fornendo un’enorme quantità di contenuti. Inoltre, l’editore promette anche miglioramenti alle attuali versioni PS4 / PS4 Pro, con entrambi i titoli che offrono le cosiddette modalità 4K native, oltre al supporto per i giochi a 120 Hz. Inoltre, c’è una nuova “PlayStation 5 Standard Mode”, una modalità di qualità efficiente che mira a nuove funzionalità hardware per un’esperienza massicciamente aggiornata. Quindi, come funziona e che tipo di miglioramento stiamo osservando rispetto all’attuale versione PS4 Pro – che offre un supporto di frame rate elevato per la risoluzione 4K, è una domanda interessante a cui rispondere perché in pratica, le versioni precedenti di Nioh hanno introdotto la PS4 Pro un grande grado di flessibilità con le loro prestazioni e le modalità di qualità, e poiché erano molto inclini a frame rate sbloccati e all’espansione della risoluzione dinamica, puoi effettivamente ottenere un’esperienza migliorata dai giochi attuali semplicemente eseguendoli con compatibilità con le versioni precedenti sulla nuova piattaforma Sony .

Tuttavia, questi sono aggiornamenti e sebbene gli aggiornamenti non siano miglioramenti diurni e notturni, sono ottimi. Per i principianti, Tecmo Koei ha spogliato il display della scacchiera un po ‘ingannevole dalla versione PS4 Pro (che ha problemi tra cui aliasing chiaro e effetti di trasparenza a doppia larghezza) e ha optato per un display a risoluzione nativa su PlayStation 5. Non fraintendere qui: scacchiera can Sembra impressionante, ma l’app Nioh non era particolarmente buona, quindi il passaggio al rendering originale fornisce una spinta alla qualità dell’immagine che non si otterrebbe dalla compatibilità con le versioni precedenti. In secondo luogo, almeno su Nioh 1, la modalità 4K fornisce proprio questo, con solo un accenno di scala di risoluzione dinamica, mentre la modalità standard PS5 massimizza le impostazioni ma espande la finestra DRS, il che significa 1800p e possibilmente la risoluzione più bassa possibile.

READ  La maggior parte di noi non sarà in grado di visitare Super Nintendo World, quindi qualcuno lo ha fatto in Minecraft • Eurogamer.net

Poi c’è la modalità 120Hz: la risoluzione diminuisce, ma il miglioramento del ritardo di input e della risposta visiva è davvero impressionante – per il Nioh 1, è il mio modo preferito di giocare, soprattutto perché il livello di dettaglio (che supera il numero di pixel) sembra simile alle altre modalità. Stavo approfondendo il video per un’analisi più dettagliata di come i diversi formati di visualizzazione si impilano in termini di un esempio specifico, ma pensala come una versione completa e più raffinata di un gioco per PS4 davvero eccellente e capirai come Lo considero così altamente.

John Linneman e Alex Battaglia si tuffano nella collezione di Nioh su PlayStation 5: che aspetto ha, come si gioca e quali modalità di gioco sono le migliori per ogni titolo?

Nioh 2 è un gioco più impegnativo in termini di requisiti di visualizzazione – forse non sorprende tenere presente che è stato lanciato di nuovo a marzo 2020 – quindi mentre le stesse tre modalità sono pubblicate (e mantengono la decisione originale), i risultati non sono del tutto così incontaminato. La modalità 4K non funziona davvero in Full HD, ma si avvicina, variando da 1944 pixel a 2160 pixel completi per la maggior parte della durata, mentre DRS è ingrandito maggiormente nella modalità PS5 standard, ma sfrutta ombre e disegni migliorati distanze. La modalità 120Hz non ha lo stesso successo del Nioh 1: la perdita di dettagli è grande e la qualità delle ombre è scarsa.

Le prestazioni sono importanti per la serie Nioh, ed è molto facile coprirlo: il Nioh 1 blocca principalmente fino a 60 fps sia in modalità 4K standard che in modalità PS5, mentre l’uscita a 120 Hz è altrettanto coerente, con la stragrande maggioranza del suo tempo che serve 120 fotogrammi al secondo completi. È un grande miglioramento rispetto alla PlayStation 4 ed è molto divertente da giocare. Il più impegnativo Nioh 2 non ha del tutto successo: le modalità standard 4K e PS5 sono per lo più buone, bloccando il frame rate target ma non proprio come il primo gioco. La modalità a 120 Hz è anche meno coerente e spesso scende a 90-100 fps nelle aree più aperte.

READ  La massiccia guida ai giochi Smyth significa che le scorte di PS5 potrebbero "diminuire" domani

Ecco dove la mancanza di supporto VRR sulla piattaforma PS5 è deludente: un calo di fotogrammi a 120Hz è uno stutter di 8,3 ms e quando si verifica troppo in un lasso di tempo così ridotto, lo stutter è evidente. Ma allo stesso tempo, la continuità per fotogramma tra 90 fps e 120 fps è inferiore a 3 ms e con VRR sarà molto difficile catturare le variazioni del fotogramma temporale da parte dell’occhio umano. Spero davvero di vedere l’app VRR a livello di piattaforma aggiunta a PS5: la tecnologia è piuttosto interessante e si è già dimostrata sulle console Xbox Series.

Tornando alla collezione Nioh in particolare, i tempi di caricamento – o la loro mancanza – sono eccezionalmente impressionanti, tanto che entrambi i titoli si caricano così velocemente, è quasi come l’esperienza di usare una cartuccia. È un miglioramento giorno e notte rispetto alle console di ultima generazione e persino un enorme miglioramento rispetto al codice di ultima generazione eseguito con retroilluminazione compatibile su PS5. È un’ulteriore revisione di quello che è già un gioco ben ottimizzato e che ti consiglio vivamente di dare un’occhiata. E un’altra cosa per i fan dei dischi fisici: la collezione Nioh è un contenuto completo su Blu-ray, con un disco per gioco e non sono necessari download aggiuntivi per ottenere l’esperienza completa. Bello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *