Christian Eriksen potrebbe essere squalificato dalla Serie A a causa di un dispositivo cardiaco

Il centrocampista dell’Inter Christian Eriksen potrebbe non essere in grado di giocare in Serie A perché è dotato di un dispositivo per avviare il cuore.

Il nazionale danese ha avuto un infarto nella partita di apertura di Euro 2020 contro la Finlandia, ma è stato rianimato in campo ed è ora stabile in ospedale.

Il 29enne è stato festeggiato e applaudito nella sconfitta per 2-1 della Danimarca contro il Belgio giovedì con la palla mandata fuori gioco al 10′, numero di maglia del giocatore.

Il medico della squadra danese Morten Posen ha confermato che Eriksen avrà bisogno di un cardioverter-defibrillatore impiantabile, che potrebbe impedirgli di giocare nella massima serie italiana, secondo il presidente dell’Associazione italiana di cardiologia sportiva.

Christian Eriksen potrebbe non essere in grado di giocare in Prima Divisione

Lucio Moss ha detto Radio Punto Novo: “Ci sono cose che possono sfuggire anche agli esami più approfonditi, anche perché le indagini sono periodiche, quindi un problema del genere può sorgere tra un esame e l’altro.

“La normativa italiana è la più severa al mondo ed è per questo che il numero di morti improvvise durante l’attività fisica è molto più basso che in altri Paesi.

“I protocolli sono molto rigidi, quindi sembra impossibile rivedere Eriksen nella competizione italiana”.

Mentre la possibilità di restare all’Inter è discutibile, l’azione non significa necessariamente la fine della carriera calcistica di Eriksen.

Il giocatore dell’Ajax e dei Paesi Bassi Daley Blind ha installato un dispositivo simile dopo che è crollato durante un’amichevole precampionato nell’agosto 2020 ed è ancora un calciatore professionista.

READ  Sports Digest: il Manchester City licenzia il Paris Saint-Germain e raggiunge la finale di Champions League

Tutto il mondo del calcio ha inviato i suoi migliori auguri e supporto a Eriksen dopo il crollo durante la partita della fase a gironi di sabato scorso.

Con sollievo di tutti, martedì ha inviato il suo primo messaggio ai fan.

Ha scritto su Instagram: “Ciao a tutti. Grazie mille per i vostri bellissimi e fantastici saluti e messaggi da tutto il mondo. Significa molto per me e la mia famiglia.

“Sto bene, in queste circostanze. Devo ancora fare degli esami in ospedale, ma mi sento bene.

“Adesso tiferò per i ragazzi della Danimarca nelle prossime partite. Gioca con tutta la Danimarca”.

Daley Blind gioca da quando è stato dotato di un dispositivo cardiaco از
Daley Blind ha continuato a suonare da quando è stato dotato di un dispositivo che fa partire il cuore

I danesi hanno perso la partita di apertura 1-0 contro la Finlandia e hanno perso 2-1 contro il Belgio giovedì, lasciandoli in fondo al Gruppo B.

Sebbene non abbiano ancora raccolto punti nel torneo, hanno ancora la possibilità di raggiungere gli ottavi di finale dove devono ancora giocare per la Russia.

Anche se i danesi finiscono terzi nel girone, c’è ancora la possibilità che possano raggiungere la fase a eliminazione diretta in cui avanzeranno le prime quattro terze classificate.

L’allenatore della Danimarca Kasper Hjolmand afferma che la squadra non ha terminato il torneo.

Ha detto: “Come ho detto ai giocatori nello spogliatoio, l’unica cosa che mi ha deluso è stato il risultato. Non mi aspettavo molto da questa partita, ma non posso descrivere l’orgoglio che provo per questo gruppo.

“Quello che hanno mostrato, la qualità… Quasi quattro giorni dopo aver perso uno dei loro migliori amici, si sono messi in gioco e hanno giocato a un gioco come questo, è fantastico. Hanno controllato totalmente la migliore squadra del mondo e ho molto rispetto.

READ  La potenza esplosiva di Matteo Berrettini lo rende il leader del difficile girone | Wimbledon

“Con Christian nelle nostre menti e nei nostri cuori, sapendo che è ancora qui, sappiamo che sarà dura per te, Christian, ma noi siamo qui per te.

“Rimarremo uniti e batteremo i russi. Non abbiamo finito con questa competizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *