Chinner e compagni complottano per il lavoro italiano al Big Three di Parigi

Tennis – French Open – Roland Garros, Parigi, Francia – Janick Sinner italiano in azione durante la sua terza partita contro lo svedese Michael Yemer REUTERS / Benoit Tessier il 5 giugno 2021.

Rafael Nadal, Novak Djokovic e Roger Federer hanno lasciato a pezzi i loro rivali, ma il trio italiano affamato sarà ansioso di dar loro la caccia nel quarto turno degli Open di Francia lunedì.

Il diciannovenne Janick Sinner ha salutato il collega adolescente Lorenzo Musetti come la prossima grande novità nel tennis, il fantastico tiro al volo dietro di lui come il “colpo della partita” e il semifinalista degli US Open 2019. Matteo Bertini Sabato tutto è progredito con prestazioni incredibili.

Musetti non si è vergognato di fare un secco bilancio del successo degli italiani a Parigi, battendo in cinque set il compagno Marco Chechinado: “Io e Johnny, siamo il futuro del tennis italiano, il tennis in generale”.

Ecco alcune previsioni del diciannovenne Tyro, che questa settimana ha fatto il suo debutto in un Grande Slam.

Per la prima volta da quando il tennis è diventato professionista nel 1968, tre uomini italiani sono tra i primi 16, e affronteranno il Cream de la Creme del tennis maschile – Djokovic, Natal e Federer – accumulando 15 ultimi 16 titoli del Grande Slam e un tour combinato di 58 major.

“Chinner sembrava il nuovo arrivato più promettente in circolazione, e ora probabilmente sei Musetti, e hai Berettini, che è un po’ più grande e come il fratello maggiore e ha ottenuto grandi risultati nelle semifinali degli US Open molti anni fa”, Lo ha detto a Eurosport il campione dello Slam Mats Villander.

READ  Pronostici, contraddizioni e come visualizzare le qualificazioni ai Mondiali d'Europa 2022 negli Stati Uniti

“Quindi questo è un futuro molto luminoso per il tennis maschile italiano. Sono tutti molto diversi nello stile, non sono come hanno fatto questo normale giocatore di glicord italiano, sono tutti così diversi, quindi è molto eccitante.

Tre volte

Nessun italiano ha vinto un Grande Slam da quando Adriano Panata ha vinto il Roland Carros nel 1976, e se Chinner, Mussetti o Berettini avranno qualche possibilità di alzare il trofeo dei Moschettieri quest’anno, affronteranno gli ostacoli più grandi quando affronteranno Nadal, Djokovic e Djokovic , rispettivamente.

Il forte Sinner ha affrontato Natalie nei quarti di finale del Roland Garros dello scorso anno, anche se ha perso in tre set, ha servito nel set di apertura e ha dato agli spagnoli una corsa per i suoi soldi.

Al Masters di Roma del mese scorso, il 19° classificato Sinner non aveva motivazioni poiché è stato turbato 13-5 volte prima di battere il campione del Roland Garros 7-5, 6-4 nel set.

“Da un lato, è difficile giocare contro di loro (i tre grandi). Dall’altro, penso che sia un bene che giochiamo contro di loro”, ha detto.

“Penso che questo sia un buon test. Ho già giocato due volte contro Rafa. Ma questa volta sarà un po’ diverso”.

Musetti, il sesto giocatore maschio dal 2000 a raggiungere il quarto turno di un debutto in un Grande Slam, ha intrattenuto la folla con il suo rovescio a una mano e i lobi senza sforzo sul campo 7, Sinner ha ammesso: “Ha talento, molto, molto talento, forse più di me.”

Ma Chinner, nonostante sia adolescente, è già esperto.

READ  Si dice che Bank of Italy Insider sia la corsa principale per il lavoro n

“È un po’ più avanti di me. Sto solo vivendo quello che ha vissuto l’anno scorso. Stiamo crescendo insieme e giochiamo insieme ogni settimana”, ha detto il numero 76 del mondo Musetti.

“Sono contento che Jonic sia andato bene, ma ovviamente mi vedrò migliorare. Sono così orgoglioso e contento che Jonic stia ancora facendo progressi”.

All’età di 25 anni, Bertini ha già stabilito un comprovato record negli slam, arrivando al quarto turno o al meglio di dieci grandi eventi del tennis.

Sul giornale, ha anche le migliori possibilità di arrivare ai quarti considerando Federer, 40 anni, ad agosto, che è stato chiamato in giudizio in tribunale fino all’1 ora locale di sabato perché ha lottato per ottenere quattro collant in passato senza nome German Dominic Koyper.

I nostri standard: Principi della Fondazione Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *