China News: il Giappone “arrogante” avverte di non restare fuori dalla disputa di Taiwan o di non affrontare “colpi” Il mondo | notizia

Venerdì scorso, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro giapponese Yoshihide Suga hanno chiesto “pace e stabilità attraverso lo stretto di Taiwan” in una dichiarazione dopo il loro incontro alla Casa Bianca. Era la prima volta dal 1969 che i leader dei due paesi menzionavano Taiwan in una dichiarazione congiunta. La dichiarazione è arrivata in risposta alle crescenti speculazioni e alle preoccupazioni che la Cina potrebbe prendere in considerazione una forte annessione della nazione isola democratica.

Suga in seguito ha insistito sul fatto che l’annuncio della Casa Bianca “non presupponeva alcun coinvolgimento militare di sorta”, dopo il suo ritorno in Giappone.

In un articolo d’opinione per il quotidiano statale cinese “Global Times”, Hu Shijin ha descritto la spiegazione del primo ministro giapponese come una mossa “saggia”, ma ha detto che c’erano ancora alcuni estremisti che volevano “agire con arroganza sulla questione di Taiwan. “

“Dobbiamo dire a questi arroganti estremisti giapponesi: se scoppia una guerra nello Stretto di Taiwan e le forze di autodifesa giapponesi effettuano un intervento militare per inseguire gli Stati Uniti, allora diventeranno sicuramente un obiettivo dell’Esercito popolare di liberazione cinese. “, ha continuato il direttore del giornale.

“Più sono coinvolti in profondità, più diventano potenti, o anche molto di più.

“Se le loro basi sul suolo giapponese sono avanguardie, anche queste basi colpiranno.

“Dovrebbero abbandonare completamente la loro illusione di interferire nella questione di Taiwan”, ha aggiunto.

Ha aggiunto minacciosamente: “Non appena qualcosa va storto nello Stretto di Taiwan, stai alla larga o chiama a scioperare”.

Per saperne di più: “Non io!” Angela Merkel nega di spingere per la vergognosa Wirecard

READ  Salvare tre persone dopo essere sopravvissute sull'isola per 33 giorni mangiando noci di cocco e topi | notizie dal mondo

Pechino non ha mai riconosciuto Taiwan come paese indipendente e insiste sul fatto che fa parte della Cina.

Martedì scorso, il vice ministro degli Esteri cinese Li Yucheng ha lanciato l’ultima serie di severi avvertimenti sull’indipendenza di Taiwan.

In un’intervista con l’Associated Press, ha ribadito che Pechino “non permetterà mai a Taiwan di diventare indipendente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *