Chelsea Salah scioccato con interesse, la prossima finale di Champions League, Haaland

Chris e Mac Up

Christian Eriksen ha rivelato che desiderava disperatamente rimanere all’Inter solo sei mesi dopo aver implorato il club di venderlo.

All’inizio di questa stagione circolavano voci su Tottenham, Manchester United, Wolves e Leicester.

Ma ora che ha trovato i suoi piedi sotto la guida dell’italiano e ha aiutato il club a vincere il primo titolo di Serie A in 11 anni, Eriksen ha un disperato bisogno di aiutare “a costruire qualcosa di bello” a San Siro.

All’inizio della sua dura vita all’Inter, Eriksen ha detto alla Gazzetta dello Sport: “Ero pronto a imparare cose nuove quando sono arrivato. Non capivo che dovevo seguire il regime di Conte tutto il tempo.

“Prima ero libero di prendere decisioni in base a ciò che vedevo. Era molto sull’intuizione. Ora, c’è un piano generale che dobbiamo seguire … Dobbiamo essere preparati, sapere dove sono i nostri compagni di squadra e dove possono muoversi. Ho dovuto imparare tutto questo. “E adattarmi a un ritmo diverso.

“Abbiamo parlato a gennaio e ho dimostrato quello che so fare. Non ho vendetta, gioco solo a calcio. A volte va bene, a volte no. Questo è uno sport che si sviluppa rapidamente, quasi ogni settimana, sei mesi. fa ero in Diverso, ora abbiamo una coppa e posso dire di essere davvero felice qui all’Inter.

“È stato difficile vincere quel titolo, ma ce l’abbiamo fatta a quattro partite dalla fine. È un buon punto di partenza, ora possiamo iniziare un nuovo torneo … Sarà difficile vincere nove titoli di fila, ma lo faremo. Cerca di costruire qualcosa di bello, Conte è importante “. Tanto per ognuno di noi, oltre che per il modo in cui giochiamo, lo seguiamo e lo si vede in campo.

READ  Monster sta cercando di tornare rapidamente a vincere

“Tutti sono molto contenti di vincere con lui … ma la sua residenza non è la mia specialità, dipende dal club e da chi è”.

Christian Eriksen sembra pronto a rimanere all’Inter dopo che era disperato per lasciare sei mesi fa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *