Charlie Christie – L’Italia ha insegnato ad altri paesi come giocare per vincere il Campionato Europeo

Quindi, dopotutto, il calcio non torna a casa!

L’Italia è campione d’Europa.

Mi riferisco ovviamente alla finale di Euro 2020 molto impressionante ed emozionante a Wembley meno di due settimane fa.

La partita è stata una degna conclusione di quello che è stato un mese eccezionale per il calcio in cui abbiamo avuto grandi folle alle partite per la prima volta in un’epoca ed è stato bello vedere.

Non c’è dubbio che gli italiani abbiano meritato la vittoria, visto che dal 25′ circa in poi hanno imposto la partita quasi ogni secondo tempo in terra inglese.

Quello che mi ha soddisfatto di più della vittoria italiana è stata la pazienza che hanno mostrato anche quando hanno segnato un gol, e non hanno mai sentito il bisogno di lanciare palle lunghe senza meta nella metà inglese.

Invece, hanno continuato con il loro regime esteticamente gradevole che, a volte, ha fatto loro fare 15-20 passaggi senza che la palla lasciasse il terreno!

Le mie riserve pre-partita sul fatto che il duo difensivo centrale di Bonucci e Chiellini potesse reggere il ritmo dell’Inghilterra erano completamente infondate poiché la coppia invecchiava come una roccia assoluta nel cuore della difesa italiana, poiché il primo si è giustamente guadagnato il premio di miglior partita. .

Riflettendoci, la squadra migliore ha vinto il torneo e ci sono state sicuramente lezioni da cui molte nazioni hanno tratto insegnamento durante la loro esperienza nel campionato europeo, compresa la Scozia. Il modo in cui la squadra italiana ha giocato era in netto contrasto con la tattica che abbiamo usato. Anche se sarebbe stato bello giocare di nuovo con il miglior giocatore d’Europa, dobbiamo imparare che, a questo livello, lanciare la palla al centro del campo e provare a giocare potenziali knockout non sarà sufficiente.

READ  Inter in trattativa con l'agente Marcelo Brozovic per il prolungamento del contratto, riporta l'emittente italiana

Ovviamente non abbiamo a disposizione talenti di livello mondiale come gli italiani o gli spagnoli.

Ma nessuno può dirmi che John McGinn, Callum McGregor, Ryan Christie, Billy Gilmore, Scott McTominay e Stuart Armstrong non sono in grado di prendere la palla in spazi ristretti e giocare oltre le linee – lo fanno settimana dopo settimana con i loro club!

Dobbiamo essere pronti ad essere pazienti e coraggiosi sulla palla e fidarci l’uno dell’altro come l’Italia ha dimostrato così bene.

I nostri difensori e portieri devono essere più a loro agio con la palla ed essere in grado di passare e non solo di “pulire le linee”.

Il gioco si è evoluto e dobbiamo muoverci con esso, o rischiare altri due decenni prima che tutti possiamo goderci il meraviglioso clamore che dà la partecipazione all’ultimo evento della nostra nazione.

Charlie Christie è presidente della divisione giovanile dell’Inverness Caledonian Thistle.


Vuoi rispondere a questo articolo? In tal caso, tocca quaggiù Invia le tue idee e potrebbero essere pubblicate in stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *