Carenza di selenio: c’è una carenza del minerale nel 76% degli adulti

La prevenzione del declino mentale è considerata una delle principali sfide per la salute nel ventunesimo secolo. Prove crescenti mostrano che il cibo svolge un ruolo protettivo contro il deterioramento del cervello e, in alcuni casi, è stato dimostrato che le carenze vitaminiche hanno effetti negativi sulla salute del cervello. Una carenza di una vitamina è presente nel 76% degli adulti ed è più frequente nei pazienti con malattia di Alzheimer.

Il corpo ha bisogno di selenio per produrre le proteine ​​necessarie per prevenire il danno tissutale dovuto all’infiammazione.

Il minerale è inoltre essenziale per il mantenimento del sistema immunitario e della tiroide e svolge un ruolo importante nella riproduzione.

La carenza di minerali è stata collegata a una serie di malattie, tra cui la crescita umana e la debolezza muscolare.

Ma sebbene il minerale sia estremamente importante per la nostra salute a lungo termine, è stato scoperto che i britannici sono cronicamente carenti di selenio.

Per saperne di più: Demenza: come ridurre di un terzo il rischio – Consigli del SSN

Secondo la British Dietetic Association, l’assunzione di selenio è “eccezionalmente bassa in tutte le fasce d’età” ad eccezione dei giovanissimi.

Le cifre mostrano che fino al 76% degli adulti è al di sotto dell’assunzione raccomandata.

Il ruolo del selenio nella salute sembra estendersi ben oltre i suoi effetti sul sistema immunitario e sul sistema riproduttivo.

Un numero crescente di ricerche ha dimostrato che la carenza di selenio può frustrare il mantenimento delle funzioni cognitive, poiché vi sono prove che il selenio può proteggere dal deterioramento del cervello.

READ  Pleistocene medio Homo sapiens da Nesher Ramleh, Israele

non perdere:

Uno studio, pubblicato su Alzheimer and Dementia nel 2017, ha mostrato che i malati di Alzheimer hanno mostrato bassi livelli di selenio nella loro circolazione.

Ulteriori ricerche mostrano che gli antiossidanti presenti negli alimenti e negli integratori possono migliorare la memoria nei malati di Alzheimer.

Uno studio ha dimostrato che mangiare solo una noce del Brasile al giorno può migliorare la memoria nei malati di Alzheimer.

Il selenio si trova in alte concentrazioni nelle noci del Brasile, con i ricercatori che affermano che mangiare da cinque a sei noci del Brasile soddisfa la raccomandazione per gli adulti.

Mentre l’idoneità dell’integrazione dipenderà dai livelli personali di selenio, è importante sottolineare l’assunzione di alimenti ricchi di selenio nella dieta.

Fortunatamente, il selenio è richiesto solo in piccole quantità per una salute ottimale.

Come guida, nel Regno Unito si raccomanda che gli uomini dai 19 anni in su ricevano 75 mcg al giorno, mentre le donne dai 15 anni in su ricevano 60 mcg al giorno.

Mangiare da cinque a sei noci del Brasile fornirà da 64 a 76 microgrammi di selenio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *