Calcio: il calciatore sottovaluta il marchio di campione mentre il ritorno di Eriksen rimane poco chiaro

AC Milan, Italia (Reuters) – Il capitano della Danimarca Simon Kjaer ha dichiarato di non essere un eroe nei suoi sforzi per salvare il compagno di squadra Christian Eriksen che ha subito un infarto a Euro 2020, un incidente che ha lasciato il futuro calcistico del centrocampista dell’Inter. Incerto.

Eriksen è crollato a terra durante la partita di apertura del torneo della Danimarca contro la Finlandia a giugno e ha ricevuto cure salvavita sul campo, mentre Kjaer ha iniziato la rianimazione cardiopolmonare (RCP).

“Non sono un eroe, ho solo fatto quello che dovevo fare senza pensare come tutti gli altri”, ha detto giovedì il difensore del Milan Kier al quotidiano italiano Corriere della Sera.

“Ero disposto a stare calmo, come tutti i miei compagni di squadra. È stato un lavoro di squadra e ovviamente avremmo fatto lo stesso se fosse stato un avversario. L’unica cosa importante è che Christian ora stia bene. Questa è l’unica cosa importante.

“L’ho fatto senza pensarci. L’istinto mi ha guidato, e ho fatto quello che dovevo fare automaticamente. Era la prima volta che mi succedeva, e spero sia anche l’ultima”.

Eriksen ha impiantato un defibrillatore cardiaco (ICD), un tipo di pacemaker che può prevenire arresti cardiaci fatali scaricando uno shock per ripristinare un ritmo cardiaco regolare.

Il 29enne è tornato al campo di allenamento dell’Inter all’inizio di questo mese, con gli allora campioni di Serie A che si dicevano “in ottime condizioni fisiche e mentali”.

Tuttavia, il suo futuro nel calcio non è chiaro dopo che Francesco Bracconaro, membro del comitato tecnico scientifico della Federcalcio italiana, ha dichiarato il mese scorso che Eriksen non sarebbe stato autorizzato a giocare in Italia a meno che l’ICD non fosse stato rimosso.

READ  Cristiano Ronaldo ha pubblicato un post su Instagram in codice che suggerisce che lascerà la Juventus

L’Inter ha detto a Reuters giovedì che Eriksen è ora in Danimarca e sarà monitorato dai medici per “alcuni mesi”.

(Segnalazione di Peter Hall; Montaggio di Ken Ferris)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *