Booking.com sarebbe accusato di aver evaso 153 milioni di euro di tasse italiane

Il gigante dei viaggi olandese Booking.com è sospettato di non aver pagato l’imposta sulle vendite su circa 700 milioni di euro di denaro guadagnato attraverso le prenotazioni effettuate sul sito. Con un valore di circa 153 milioni di euro non consegnati alle autorità italiane dal 2013 al 2019, Secondo la Guardia di Finanza, un’agenzia delle forze dell’ordine che indaga sui reati finanziari in Italia.

L’agenzia non ha menzionato direttamente Booking.com, ma ha semplicemente detto:Agenzia di viaggi online multinazionale con sede nei Paesi Bassi” è stato coinvolto. Fonti vicine all’inchiesta hanno confermato il coinvolgimento di Booking.com nei principali media italiani come La Repubblica, Corriere Della Sera e Newsswire AGI, oltre a Reuters.

Secondo gli inquirenti, dall’esame dei registri fiscali dei bed and breakfast nelle zone turistiche di Genova è emerso che “la società olandese emetteva fatture senza imposta sul valore aggiunto”. Queste fatture indicheranno l’applicazione del meccanismo di inversione contabile dell’UE, il che significa che gli alloggi erano responsabili del pagamento dell’imposta sulle vendite all’Italia.

Tuttavia, le autorità italiane hanno affermato che molti di questi stabilimenti non hanno un codice fiscale. Ciò ha comportato “il risultato della mancata dichiarazione o pagamento dell’imposta in Italia”. L’imposta sulle vendite non viene pagata nemmeno nei Paesi Bassi. Accusano quindi la società olandese di non aver dichiarato l’imposta dovuta.

Questa è la seconda controversia multimilionaria tra Booking.com e un governo nazionale che è venuta alla luce nelle ultime settimane. Booking.com ha annunciato la scorsa settimana che rimborserà i 65 milioni di euro ricevuti in aiuti dal governo olandese per aiutare a sopravvivere all’iniziale tracollo economico causato dalla pandemia di coronavirus. La società ha richiesto i soldi nel 2020 nell’ambito del regime di sussidi NOW per incoraggiare la fidelizzazione dei lavoratori, anche se ha generato più di quattro miliardi di euro di profitti nel 2019.

READ  La filiale italiana DHL indaga su un caso di frode fiscale

In seguito è emerso che la holding statunitense con sede ad Amsterdam aveva pagato l’equivalente di 28 milioni di euro in contanti e bonus in azioni ai suoi tre alti dirigenti. Sebbene non abbia violato i termini della prima fase dello schema NOW nell’assegnazione dei bonus, la società è stata ampiamente criticata per averlo fatto. I parlamentari olandesi hanno chiesto un’indagine e un possibile divieto futuro di partecipare a schemi di finanziamento dell’innovazione e schemi di finanziamento a basso interesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *