BioWare parla di tripli aggiustamenti e revival del franchise • Eurogamer.net

Apparve Mass Effect. La leggendaria edizione dell’amata trilogia BioWare è stata lanciata il 14 maggio e le avventure di Shepherd nello spazio non sono mai state così belle. Abbiamo molti dettagli su tutti gli aggiornamenti che questo potenziatore apporta a Mass Effect 1, 2 e 3 di seguito.

Ma, ovviamente, c’è di più oltre a tutto questo imminente risveglio. Seduto con BioWare a discutere dei cambiamenti e guardare al futuro, il fatto che Mass Effect sia tornato nei tempi previsti sembra qualcosa che vale la pena festeggiare, considerando dove sembrava che il franchise fosse partito alcuni anni fa. Per i fan, c’era un’attesa ansiosa di notizie sulla continuazione di Mass Effect, fino a quando i gemelli annunci alla fine dell’anno scorso – sulla trilogia ridisegnata e la nuovissima (ancora troppo lontana) continuazione della serie – hanno lasciato che i fan respirassero di nuovo facilmente. Di seguito parliamo anche a BioWare di tutto ciò.

Innanzitutto, alcuni dettagli. La leggendaria Triple Mass Effect Edition include supporto 4K e compatibilità HDR, oltre a 60 fps in avanti su PC e console PS4 Pro / Xbox One Series X in avanti. Su PC, aggiunge il supporto per console e display widescreen 21: 9. Come previsto, sono inclusi tutti e tre i giochi e tutti i singoli DLC. Non esiste una modalità multiplayer, nessun elemento della storia bonus, né una versione (ancora) per Nintendo Switch.

Diamond Effect 1, considerato il più datato in questa trilogia, è stato oggetto di una rielaborazione particolarmente ampia, con importanti miglioramenti in alcuni dei suoi ambienti. I risultati su pianeti come Eden Prime, Ilos e Feros a una prima impressione sembrano molto più vicini a un remake completo. L’ME1 ha anche visto altre modifiche, inclusi miglioramenti richiesti dai fan all’esperienza di guida spesso irregolare del Mako, vari cambiamenti di combattimento e ascensori Citadel molto più veloci (grazie a Dio).

Le variazioni nell’intera trilogia includono i modelli di personaggi ridisegnati, un generatore di personaggi globale espanso e l’opzione per utilizzare il modello femminile predefinito di Shepard di ME3 tutto il tempo. Ci sono notevoli miglioramenti nella gamma di tonalità della pelle, acconciature e opzioni di trucco disponibili di Shepard, per una serie più diversificata di possibilità. Nel complesso, BioWare afferma che ci sono “decine di migliaia” di texture, ombreggiature, effetti visivi e cambiamenti di illuminazione aggiornati, oltre a una nuova profondità di campo in stile bokeh.

Questo contenuto è ospitato su una piattaforma esterna, che lo visualizzerà solo se accetti cookie mirati. Si prega di abilitare la visualizzazione dei cookie.

Il lavoro sulla versione leggendaria è iniziato all’inizio del 2019, quando un piccolo team all’interno di BioWare ha finalmente ottenuto il via libera. Ci sono stati colloqui iniziali all’interno dello studio per mezzo decennio al fine di ottenere una versione 3D rielaborata – che alcuni hanno superato a vicenda – ma è stato il ritorno del capo dello studio Casey Hudson, un veterano di Mass Effect, che alla fine ha spinto il progetto in esistenza.

“Dobbiamo farlo?” , “e adesso?”

Mac Walters, scrittore e produttore di lunga data e project manager di Mass Effect, ricorda: “Probabilmente sono stato in una mezza dozzina di riunioni per quasi molti anni chiedendo, ‘Lo facciamo? “,” e adesso? “Dalla versione leggendaria.” Semmai, direi che il ritorno in studio di Casey Hudson in quel momento, era chiaramente molto entusiasta della trilogia per ovvie ragioni ed era estremamente favorevole. Penso che abbia davvero aiutato a superare lo stallo iniziale, [where you just] Hai bisogno di spostare qualcosa e poi farlo. Sembrava che avesse cliccato questa volta e siamo andati via “.

Da dove iniziamo con un progetto così vasto? BioWare ha deciso rapidamente di non creare nuovi contenuti o aggiungere nulla precedentemente lasciato sul pavimento della sala montaggio per preservare l’esperienza che le persone avrebbero ricordato. Lo studio ha anche discusso con Epic Games la possibilità di trasferire l’intera trilogia su Unreal Engine 4, sebbene questa idea sia stata scartata dopo aver realizzato che molti dei sistemi del gioco non sarebbero compatibili. Walters ha paragonato i primi mesi di lavoro al progetto all’avvio del restauro su un’auto d’epoca, scoprendo poi “quell’auto è sepolta nel cemento, e ogni volta che ho provato ad estrarla ero preoccupato di rimuovere la vernice o di strappare lo specchio”.

Entro la primavera del 2020, il lavoro sulla versione leggendaria era “rivoluzionario” in cui tutto funzionava e il primo round di miglioramenti in BioWare si era concentrato specificamente sul cast iconico di Mass Effect, con miglioramenti ai modelli, ombreggiatura degli occhi e illuminazione, insieme a Con nuove tecnologie visive come la mappatura, l’occlusione ambientale e la dispersione nel sottosuolo. Il team ha trascorso del tempo a discutere la necessità di mantenere i miglioramenti nel design dei personaggi coerenti in tutta la trilogia, sebbene rifletta anche i cambiamenti che ogni personaggio subisce. Uno sguardo a un modello aggiornato di Liara da ME1, ad esempio, mostra che i suoi occhi sono rivolti verso il basso, un cambiamento che riflette meglio la sua personalità e la direzione del modello nei tre giochi.

Anche la Legend Edition è ora dotata di tutte le funzionalità, con un nuovo launcher che racchiude tutti e tre in uno, oltre a tutti i DLC correlati e altri oggetti sbloccati. Vale la pena notare che l’elenco degli extra inclusi qui è a dir poco un pacchetto completo per giocatore singolo, da semplici pacchetti missione a espansioni complete come Lair of the Shadow Broker, da singole armi promozionali a pacchetti di costumi da collezione e compagni di squadra. Ricompense dell’edizione. Se è adatto per un singolo giocatore nella trilogia, sarà incluso (Con una piccola eccezione). Anche i fumetti sul recupero sono là fuori.

Le modifiche al gameplay in ME2 e ME3 suonano relativamente poco, sebbene ci sia un intero elenco di variazioni per rimuovere l ‘”attrito” da ME1. L’ADS aggiunge adesione per tenerti legato ai nemici, mentre “Quick Shot” dirigerà la tua attenzione sul bersaglio durante la mira. Ogni fucile ME1 è bilanciato e dotato di una sensazione individuale simile a quella che si trova nei giochi successivi. La velocità del mako è stata migliorata e la fisica aggiornata, mentre la lunghezza delle schermate di caricamento nascoste negli ascensori è stata notevolmente ridotta. Il filmato di confronto per una corsa fino al livello Castle Headship dura solo 14 secondi nell’edizione leggendaria, rispetto ai 52 secondi nell’originale.

2

Ma anche con i principali cambiamenti nella trilogia, Mass Effect 1 è chiaramente in ritardo rispetto alla grafica degli altri due giochi. I suoi livelli avevano invece bisogno di una riconfigurazione completa, per essere all’altezza del resto della trilogia, o c’era un compromesso da trovare? “Non volevamo sbarazzarcene e ricominciare da capo”, ha spiegato il direttore dell’ambiente e dei personaggi Kevin Meek, ricordando come per lui la mappatura dell’area originale fosse parte integrante dell’esperienza quando si giocava per la prima volta, prima di entrare BioWare ha recentemente lavorato su Anthem. Così il team ha chiamato Derek Watts, l’art director dell’originale Mass Effect, per dipingere le immagini di ME1 così com’è con nuovi dettagli ed effetti, e poi ha iniziato a crearli. Eden Prime, ad esempio, ora ha una nuova illuminazione per mostrare lo skybox completato e le trame in rilievo, insieme a effetti aggiuntivi come fumo, nebbia sul terreno, cenere ardente e detriti sparsi.

L’elenco di altri miglioramenti di ME1 indica modifiche e formazioni dell’IA nemica, rimozione delle restrizioni sulle armi basate sulla classe (sebbene alcune consentano solo l’addestramento a livelli più alti), riequilibrio degli XP in modo da poter raggiungere il limite di gioco senza New Game Plus e punti più coerenti Salvataggio automatico, miglioramenti del contatore dei boss, riduzione dell’attesa di pronto soccorso, minigiochi ridotti al minimo e HUD aggiornato.

3

“ Aprendo gli editor e guardando il contenuto com’era, mi sono reso conto di quanto fosse impressionante – decisamente quando guardi Mass Effect 1 – quello che siamo stati in grado di ottenere lì. [was]”Walters ricorda, quando gli ho chiesto come ci si sentiva a lavorare di nuovo al franchise dopo alcuni anni difficili”. Mi sono ricordato come eravamo così innovativi e un po ‘pessimisti … Mi sembra di avere quel sentimento indipendente che siamo un po’ pessimisti, e lo capiremo. Ognuno indossa cappelli diversi e risolviamo i problemi tutto il tempo, mi ricorda l’evoluzione di allora.

“Sembra che ci sia un’atmosfera indipendente, che siamo un po ‘pessimisti e lavoreremo su questo”.

“Quando ero in Jade Empire e Mass Effect 1, eravamo molto [did that]. Ero uno scrittore, ma lavoravo con la troupe musicale e cinematografica. Spesso immergiamo le dita dei piedi in una varietà di cose. Lo adoro e mi metto alla risoluzione dei problemi. E questo è quello che ho sentito di nuovo. Ero entusiasta di farlo. Non ero necessariamente entusiasta di trovarmi faccia a faccia con i contenuti che ho realizzato nel corso della giornata, perché tutto ciò che vedi sono difetti, ma nel complesso, è stato effettivamente più positivo di qualsiasi cosa negativa.

Su Switch, Walters non esclude la leggendaria versione per console Nintendo in futuro (forse quando avrà un hardware più potente per aiutare a far emergere una nuova tripla grafica?) Ma ha detto che il progetto di rimasterizzazione era iniziato su PC e console esistenti, e era compito di BioWare far sì che queste cose funzionassero prima. Ha detto: “Personalmente, mi piace”. “Ma alla fine, penso che abbiamo un percorso definito e cioè, facciamolo, e poi vediamo dove siamo”.

Il prossimo nuovo gioco di Mass Effect rimane ancora sfuggente – oltre Dragon Age 4, che non arriverà prima del 2022 – ma con la leggendaria uscita della trilogia all’orizzonte e il futuro del franchise apparentemente garantito ancora una volta, volevo sapere come funziona sembrava il ritorno della serie su basi solide anni dopo in Wild. Walters ha mai pensato che Mass Effect avrebbe potuto esaurirlo?

“Devi tornare indietro e ovviamente hai degli occhi nuovi, e non ti sentirai sopraffatto da nessun progetto che potrebbe essere l’ultimo.”

Dice in risposta: “Cerco di partecipare a molte convenzioni quando posso, e se c’è una cosa che so è questa: c’è una passione per la continuazione di questo franchise all’interno dello studio e con i nostri fan. nessun dubbio che il franchise continuerà a vivere in forma o in forma. In un certo senso. Sono così eccitato. “

“Lo slancio dell’IP non è qualcosa che si fermerà”, aggiunge Meek, “BioWare ha ottimi indirizzi IP e marchi abbastanza noti. Ma a volte penso che la gente pensi che siamo più grandi di noi. E se ne avessimo alcuni progetti durante Navigate, e abbiamo bisogno che il team passi a un progetto, forse uno degli indirizzi IP sarà inattivo per un anno o due, ma come sviluppatore, quel tempo passa perché sei impegnato a lavorare su qualcosa, e poi ti riposi molto, devi tornare e ovviamente hai degli occhi nuovi e non ti sentirai sopraffatto da qualunque altro progetto potrebbe essere. Queste sono le cose che penso che le persone dovrebbero essere gentili di aspettarsi di tanto in tanto, giusto? Non è la fine del mondo “.

Allora, che mi dici del futuro di Mass Effect, chiedo? Ci saranno indizi di lei nella versione leggendaria, anche la strana nota lasciata intorno a lei che allude a una trama futura? No è la risposta breve. “Penso che sia più facile per il futuro del franchise guardare indietro e trarne vantaggio, piuttosto che cercare di tracciare un percorso per qualcosa che richiede tempo per pensare e prospera da solo”, conclude Walters.

READ  TikTok DOWN: gli utenti sono arrabbiati perché l'app video sta bloccando gli account dopo un problema tecnico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *