Biden ospita la prima conferenza stampa sotto la pressione dell’immigrazione, Guns – Live | Notizie dagli Stati Uniti

I democratici stanno rinnovando i loro sforzi per condurre la revisione più completa delle elezioni statunitensi in una generazione, proteggere i diritti di voto e intraprendere una battaglia con i repubblicani, che in tutto lo stato stanno compiendo enormi sforzi nella direzione opposta per ridurre i diritti di voto.

Sia i Democratici che i Repubblicani vedono la legislazione federale proposta, che tocca quasi ogni aspetto del processo elettorale, come fondamentale per il futuro politico dei loro partiti. Il disegno di legge del Senato, sulla falsariga di quello approvato dalla Camera dei rappresentanti all’inizio di questo mese, potrebbe plasmare i risultati delle elezioni per gli anni a venire, rimuovere gli ostacoli al voto, richiedere una maggiore divulgazione da parte dei donatori politici, limitare la manipolazione partigiana nei distretti del Congresso e migliorare la sicurezza elettorale. ed etica. Legislazione.

Il dibattito su chi ha diritto di voto e su come si terranno le elezioni continuerà per mesi, se non anni. I democratici dicono che stanno cercando di ricostruire la fiducia nei sondaggi dopo due tumultuosi cicli elettorali. I repubblicani accusano il disegno di legge spogliare gli stati al potere e accrescere un ingiusto vantaggio politico per i democratici.

Marie Claire Gallonique ha scritto all’Associated Press che con i repubblicani all’unanimità contrari, la legislazione rappresenta un test cruciale di quanto sia difficile Biden e il suo partito nel combattere per le loro priorità, così come quelle dei loro elettori. A meno che non si uniscano per modificare le regole del Senato, che ora richiedono 60 voti per la maggior parte dei progetti di legge per andare avanti, la loro possibilità di dedicare la protezione del voto estesa potrebbe essere rapidamente persa.

READ  Un americano asiatico di 65 anni ha attaccato a New York mentre i testimoni erano in attesa New York

Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha detto ieri che ci sono voluti “movimenti potenti e decenni di aspra lotta politica” per adempiere alle dignità fondamentali delle attuali leggi elettorali, e “qualsiasi americano che pensa che la lotta per una democrazia piena ed equa sia finita è triste e doloroso . “. Sbagliato.”

I democratici vedono la misura come una forte risposta alle restrizioni dei diritti di voto che promuovono il ruolo dello stato controllato dai repubblicani in tutto il paese sulla scia delle ripetute e infondate accuse di Donald Trump di aver rubato le elezioni del 2020.

“Alla fine, questa rivolta è stata causata da una folla inferocita che lavora per minare la nostra democrazia”, ​​ha detto ieri la senatrice Amy Klobuchar. “Ricorda a tutti noi quanto sia fragile la nostra democrazia e come spetti a tutti noi non solo proteggere quella democrazia, ma assicurarne la prosperità”.

La legislazione del Senato creerebbe la registrazione automatica degli elettori a livello nazionale, consentirebbe agli ex criminali di votare e limitare i modi in cui gli stati potrebbero rimuovere gli elettori registrati dalle loro liste. Espanderebbe il voto per corrispondenza, aumenterebbe il voto anticipato e darebbe fondi agli stati per monitorare le schede assenti.

Il disegno di legge aumenterebbe la supervisione dei venditori elettorali e rafforzerebbe il sostegno per gli aggiornamenti del sistema di voto del governo dopo che la Russia ha tentato di violare alcuni di questi sistemi nelle elezioni del 2016. Correggerebbe la supervisione federale del finanziamento della campagna e incoraggerebbe piccole donazioni alla campagna, richiedendo al contempo una donazioni. Richiederà agli stati di adottare comitati di riorganizzazione distrettuale indipendenti per dividere i distretti congressuali e dare più potere per far rispettare l’etica federale.

READ  La Francia spezza il cuore di Wells tentando gli ultimi momenti della saga del Sei Nazioni

La legislazione mira a contrastare più di 250 proposte di legge introdotte in 43 stati che cambierebbero il modo in cui votano gli americani. McConnell, leader repubblicano al Senato, Mitch McConnell ha detto, tuttavia, descrivendo la mossa proposta al Congresso come “un chiaro tentativo da parte di un partito di riscrivere le regole del nostro sistema politico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *