Biden ordina la declassificazione dei documenti di indagine sull’11 settembre Notizie su Al Qaeda

Il presidente era sotto pressione da parte dei sopravvissuti e delle famiglie delle vittime che credevano che l’Arabia Saudita avesse aiutato gli aggressori di al-Qaeda.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato al Dipartimento di Giustizia e ad altre agenzie di avviare un processo di sei mesi per declassificare i documenti relativi alle indagini dell’FBI sugli attacchi dell’11 settembre 2001.

La mossa di venerdì arriva pochi giorni prima del 20° anniversario degli attacchi di al-Qaeda e un mese dopo che i sopravvissuti dell’11 settembre, i primi soccorritori e i familiari di quasi 3.000 vittime hanno scritto una lettera forte al presidente. Hanno accusato gli Stati Uniti di aver deliberatamente tenuto segreti i documenti – che dicono dimostrino che i funzionari del governo saudita hanno aiutato gli aggressori di al-Qaeda.

Quando mi sono candidato alla presidenza, mi sono impegnato a garantire la trasparenza riguardo alla declassificazione dei documenti degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 in America. “Mentre si avvicina il 20° anniversario di quel tragico giorno, onoro questo impegno”, ha detto Biden in una dichiarazione venerdì.

“Oggi ho firmato un ordine esecutivo che ordina al Dipartimento di Giustizia e ad altre agenzie competenti di supervisionare una revisione della declassificazione dei documenti relativi all’indagine dell’FBI sull’11 settembre. L’ordine esecutivo richiede al procuratore generale di rilasciare pubblicamente i documenti declassificati entro il prossimo sei mesi.”

Nella loro lettera di agosto, circa 1.700 persone direttamente colpite dagli attacchi dell’11 settembre hanno invitato Biden a saltare gli eventi commemorativi la prossima settimana a meno che i documenti non vengano rilasciati.

“Dalla conclusione della Commissione sull’11 settembre, sono state scoperte molte delle prove investigative che implicavano funzionari del governo saudita nel sostenere gli attacchi”, affermava la lettera.

READ  Combattenti talebani in Afghanistan entrano nel secondo capoluogo di provincia in pochi giorni | notizie dal mondo

“Attraverso più dipartimenti, il Dipartimento di Giustizia e l’FBI hanno attivamente cercato di mantenere riservate queste informazioni e impedire al popolo americano di conoscere tutta la verità sugli attacchi dell’11 settembre”, ha affermato.

Il Dipartimento di Giustizia di Biden ha aperto una revisione dei documenti classificati poco dopo l’invio della lettera.

I familiari delle vittime dell’11 settembre hanno cercato a lungo i documenti del governo degli Stati Uniti riguardo al fatto che l’Arabia Saudita abbia aiutato o finanziato qualcuno dei 19 individui legati ad al-Qaeda che hanno effettuato il devastante attacco.

Gli agenti di Al Qaeda hanno fatto schiantare tre aerei di linea commerciali contro le torri del World Trade Center a New York e il Pentagono fuori Washington, DC. Un quarto aereo dirottato che si ritiene avesse preso di mira il Campidoglio degli Stati Uniti si è schiantato in un campo della Pennsylvania.

Quindici dei 19 dirottatori provenivano dall’Arabia Saudita. Una commissione del governo degli Stati Uniti non ha trovato prove che l’Arabia Saudita abbia finanziato direttamente al-Qaeda. Ha lasciato aperta la questione se i funzionari sauditi lo avessero fatto.

L’Arabia Saudita è stata citata in giudizio per miliardi di dollari dalle famiglie di quasi 2.500 delle persone uccise, più di 20.000 ferite, aziende e varie compagnie assicurative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *