Biden ordina a un comitato di studiare l’espansione e la riforma della Corte Suprema | Politica americana

Venerdì, Joe Biden ha ordinato uno studio sull’aggiunta di seggi alla Corte Suprema, creando una commissione bipartisan di 36 membri che trascorrerà i prossimi sei mesi a studiare casi politicamente interessanti per espandere la corte e porre limiti ai termini dei suoi giudici.

L’ordine esecutivo mantiene la promessa della campagna di esaminare la riforma della corte, incluso l’aumento del numero di giudici o la fissazione di limiti di mandato, tra le crescenti richieste da parte degli attivisti progressisti di riorganizzare la Corte Suprema dopo che la sua formazione ha virato bruscamente a destra durante la presidenza di Donald Trump. Biden non ha detto se è favorevole all’ampliamento del tribunale, noto anche come “mobilitazione in tribunale”.

Nominato Trump Tre giudici Alla Corte Suprema. Uno di questi era un seggio che i repubblicani hanno impedito al predecessore di Trump, Barack Obama, di occupare. Nonostante le polemiche nel 2016 secondo cui il seggio dovrebbe essere occupato dal vincitore delle elezioni presidenziali di quest’anno, Repubblicani Corri a riempire il seggio lasciato libero della Corte Suprema con la morte di Ruth Bader Ginsburg poche settimane prima delle elezioni del 2020.

Il risultato è stato Uno dei tribunali più ideologicamente conservatori dell’era moderna.

L’ordine esecutivo di Biden impone al comitato di completare il suo rapporto entro 180 giorni dalla sua prima riunione. Ma non è stato incaricato di fare una raccomandazione sotto l’ordine della Casa Bianca che l’ha creata.

La commissione è composta da un “gruppo bipartisan di esperti” che comprende studiosi di diritto costituzionale e giuridico. Ex giudici federali; Praticanti comparsi in tribunale e sostenitori della riforma.

I copresidenti del comitato sono Bob Bauer, professore di pratica e illustre ricercatore residente presso la New York University Law School ed ex consigliere della Casa Bianca di Obama, nonché la professoressa della Yale Law School Christina Rodriguez, ex vice procuratore generale presso l’Ufficio del consulente legale nel Dipartimento di Stati Uniti di Giustizia sotto Obama.

Il comitato terrà riunioni pubbliche per valutare “i meriti e la legalità di specifiche proposte di riforma”, secondo la Casa Bianca.

L’annuncio arriva dopo il giudice della Corte Suprema Stephen Breyer messo in guardia Questa settimana, gli sforzi per espandere il tribunale possono minare “la fiducia del pubblico che il tribunale è guidato dal principio legale, non dalla politica”.

I commenti di Briar, 82 anni, il giudice più anziano della corte e membro del blocco liberale di minoranza, hanno suscitato richieste di dimissioni da parte dei sostenitori della riforma mentre i democratici controllano ancora il Senato e il processo di conferma. Demand Justice, un gruppo progressista incentrato sulla Corte Suprema, ha avviato una petizione online chiedendo il suo ritiro.

“Dillo al giudice Breyer: metti il ​​paese al primo posto. Non rischiare la tua eredità per un futuro politico incerto. Vai in pensione ora”, afferma la petizione.

Se si presentasse un’opportunità, Biden ha promesso di nominare la prima donna nera giudice della nazione.

Venerdì, l’addetto stampa della Casa Bianca Jane Psaki ha detto ai giornalisti che Biden non stava facendo pressioni su Briar per andare in pensione.

“Crede che questa sia una decisione che il giudice Breyer prenderà quando deciderà che è giunto il momento di smettere di lavorare alla Corte Suprema”, ha detto.

Durante la sua campagna presidenziale, Biden ha ripetutamente evitato domande sull’espansione del tribunale. Biden, l’ex presidente della commissione giudiziaria del Senato, ha affermato che il sistema di nomina giudiziaria “sta sfuggendo di mano”, ma non ha detto se preferisce aggiungere seggi o apportare altre modifiche all’attuale sistema di nomine a vita, come l’imposizione del mandato. limiti.

La dimensione del tribunale è stata limitata a nove membri sin dalla guerra civile. Qualsiasi sforzo per cambiarlo sarebbe un’esplosione, soprattutto in un momento in cui il Congresso è quasi equamente diviso. Un cambiamento nel numero di giudici richiede l’approvazione del Congresso.

“Con cinque giudici nominati dai presidenti che hanno perso il voto popolare, è fondamentale considerare ogni opzione per riprendere il controllo politico della Corte Suprema”, ha detto Nan Aaron, presidente dell’Alliance for Justice, un gruppo di difesa giudiziaria liberale.

“La Commissione Biden dimostra un forte impegno a studiare questa situazione e ad agire”.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto

READ  'Molto senza scrupoli': newsmax pro-Trump lancia uno strano attacco al cane Biden 'indesiderato'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *