Biden concede “porto sicuro” a Hong Kong negli Stati Uniti durante la repressione cinese | Hong Kong

Joe Biden ha concesso asilo temporaneo a persone provenienti da Hong Kong Tra gli sforzi del governo cinese per schiacciare il movimento pro-democrazia e rafforzare il suo controllo su una città un tempo famosa per la libertà.

Biden ha firmato un memorandum che consente alle persone di Hong Kong attualmente negli Stati Uniti di vivere e lavorare nel paese per 18 mesi, una mossa che potrebbe infiammare ulteriormente le relazioni già tese tra Washington e Pechino.

La decisione di fornire un rifugio sicuro temporaneo è stata presa in risposta a Hong Kong Legge completa sulla sicurezza nazionale e altre azioni che hanno minato i diritti promessi quando l’ex colonia britannica è stata restituita alla Cina nel 1997. Vengono anche in un momento in cui Cina e Stati Uniti differiscono sulla politica estera e sul commercio.

“Dati gli arresti e i processi politicamente motivati, il silenzio dei media e la diminuzione dello spazio per le elezioni e l’opposizione democratica, continueremo a prendere provvedimenti per sostenere il popolo di Hong Kong”, ha affermato il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki.

Il governo cinese ha cercato di soffocare il dissenso a seguito delle proteste a Hong Kong nel 2019 contro una proposta di legge che consentirebbe l’estradizione nella Cina continentale. In base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale, entrata in vigore a giugno, la polizia ha arrestato almeno 100 politici, attivisti e manifestanti dell’opposizione.

Sono state apportate modifiche anche alle leggi elettorali di Hong Kong per ridurre il numero di legislatori eletti direttamente e dare una stanza del comitato in gran parte pro-Pechino per nominare i legislatori alleati con il governo del continente.

“Nonostante le manifestazioni su larga scala, che hanno raccolto milioni per chiedere più libertà, la promessa di democrazia di Hong Kong è svanita”, ha detto il segretario di Stato Anthony Blinken, all’annuncio della misura che dà rifugio.

La Cina si scaglia contro le critiche, dicendo che sta semplicemente ripristinando l’ordine nella città e stabilendo misure di protezione della sicurezza nazionale che sono in atto in altri paesi. Ha condannato le sanzioni statunitensi contro i funzionari di Hong Kong, descrivendole come un’interferenza nei suoi affari interni.

Secondo il Department of Homeland Security, diverse migliaia di Hong Kong attualmente negli Stati Uniti potranno rimanere ed evitare la deportazione, in base a quella che è ufficialmente conosciuta come Deferred Forced Departure.

Psaki non ha escluso di estendere il periodo di asilo oltre i 18 mesi quando gli è stato chiesto della possibilità in una conferenza stampa della Casa Bianca. “E’ chiaro che la nostra speranza, il nostro obiettivo e il nostro lavoro nel forum internazionale è quello di cambiare il comportamento che sta accadendo e l’oppressione che vediamo nei confronti della gente di Hong Kong”, ha detto ai giornalisti.

La partenza differita autorizzata dall’amministrazione Biden per le persone di Hong Kong li esenta dalla deportazione tranne in determinate circostanze, comprese le persone che sono tornate volontariamente in città, non hanno risieduto costantemente negli Stati Uniti o hanno commesso uno o più reati o due o più reati mentre nel paese.

READ  Attackers attack and set fire to a Hindu temple in northwest Pakistan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *