Berrettini sui motivi dell’ascesa italiana

Matteo Berrettini È cresciuto sulla terra rossa della Roma, ma è diventato un giocatore di tutte le superfici.

Berrettini ha fatto la storia raggiungendo i quarti di finale del Roland Garros questo mese, diventando il primo giocatore italiano nella storia a raggiungere gli ottavi di finale o meglio in tutti i Grandi Slam.

Di più: Djokovic si qualifica per il 19° Grande Slam

Berrettini, nono in classifica, guida un gruppo di 10 uomini italiani che sono classificati nella Top 100 dell’ATP, che eguaglia le potenze del tennis di Spagna e Stati Uniti, ciascuna con 10 uomini nella top 100.

L’Italia ospiterà le ATP Finals a Torino a novembre, con due dei migliori giovani talenti dello sport Yannick Sener e Lorenzo Mussetti ed è uno dei principali contendenti per vincere la prima Coppa Davis dal 1976.

La testa di serie superiore italiana Berrettini indica alcuni fattori per la rinascita del tennis italiano:

  • La Federazione Italiana Tennis ha investito nell’ospitare eventi Challenger, consentendo ai giocatori italiani di gareggiare e guadagnare punti classifica senza le alte e costose spese di viaggio.
  • Precedentemente conosciuta come la nazione della terra battuta, i giocatori italiani hanno abbracciato tutte le superfici poiché Berrettini, Fabio Fognini, Andreas Seppi, Sener e Mossetti hanno dimostrato di poter competere su ogni superficie.
  • La sana competizione tra i nazionali, tra cui Fognini, che ha battuto Alexander Zverev e Rafael Nadal in rotta verso il Monte Carlo Masters 2019, e Marco Cecchinato, che ha sconvolto Novak Djokovic per raggiungere le semifinali al Roland Garros 2018, ha ispirato i giovani italiani ad essere così. Puoi controllare.

“Penso che sia tutto insieme un po’ è opera del sindacato, un po’ di fortuna, il fatto che ci siano così tanti giocatori che si aiutano a vicenda per arrivarci in un modo che ci motiviamo a vicenda, così” Berrettini ha detto dopo aver vinto la partita di apertura per Queen’s Club. “Ci alleniamo insieme, miglioriamo, alla maggior parte di noi piacciono i giovani. Penso che la mentalità sia cambiata un po'”.

READ  'Dedicarmi anima e corpo' - L'ex portiere del Leeds United Marco Silvestri firma per gli ex top player italiani dopo l'ultima convocazione in nazionale

“Penso che la mentalità sia un po’ cambiata”, ha detto Berrettini. “Ora sappiamo tutti che possiamo giocare su ogni superficie. Erba, fango, duro, non importa. Sei mentalmente pronto per qualsiasi situazione difficile, non lo so. Questo è ciò che ti rende, credo, un migliore tennista, è quello che stiamo cercando di fare.

“Penso che lo prendiamo anche dagli altri giocatori, come ho detto. Il 2018 credo che Cecchinato abbia iniziato tutto. Fabio c’era già. Poi abbiamo pensato che potevamo farcela anche noi”.

Credito immagine: Mutua Madrid Open

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *