Benvenuti a Raccoon City Il regista dice che la parte più difficile è vivere all’altezza dell’eredità dei film sugli zombi

Resident Evil: Welcome to Raccoon City, l’ultima IP di sopravvivenza live-action di CAPCOM, può ora essere visto nei cinema in Francia, Canada, Germania, Italia, Libano, Messico, Nuova Zelanda e Stati Uniti, con altri paesi che seguono l’esempio poco dopo .

Prima dell’uscita del film, il regista Johannes Roberts ام Ho parlato con Game Informer Sulla parte più impegnativa della produzione cinematografica. Secondo lui, è stato all’altezza dell’enorme eredità dei film di zombi.

Resident Evil: i trailer di benvenuto a Raccoon City mostrano personaggi e altri rischi biologici

sai cosa? La sfida più grande, e quella che ho temuto più di quanto abbia mai fatto quando lo facevo, era il lato degli zombi – e non me ne sono mai reso conto fino a quando non abbiamo assediato la stazione di polizia. Il film è fortemente influenzato da Assault on Precinct 13 e lo usa spesso come fulcro della narrazione. Abbiamo questo grande assedio alla stazione di polizia. All’improvviso ero lì, sono arrivati ​​tutti gli zombi e all’improvviso mi sono reso conto che hai il peso di 60 anni di film sugli zombi su di te. Devi fare queste cose nel modo giusto, devi portare qualcosa di nuovo e devi avere di nuovo paura. Quando la gente ha visto gli zombi, li ha trovati spaventosi e poi li ha trovati non così spaventosi di nuovo, è diventato parte della commedia. Sono diventati tutto. È stato davvero difficile riuscire a creare una storia con un tema drammatico e radicata fino a un certo punto. Voglio dire, è molto influenzato da John Carpenter, quindi ha il suo mondo. Ma in questo mondo, dovevi essere credibile nella realtà di quel mondo e ancora una volta spaventare le persone e renderle davvero spaventate dagli zombi e dalla flotta di creature che abbiamo lanciato. Quindi, è stato molto spaventoso. Ricordo bene quel giorno. Ricordo di aver pensato: “Oh mio Dio, se non lo faccio, sono davvero nei guai. La gente mi ucciderà”. Il peso era enorme. Era enorme.

L’accoglienza iniziale per Resident Evil: Welcome to Raccoon City non è stata eccezionale. Il punteggio critico di RottenTomatoes è del 27%, mentre le recensioni dei fan sono del 61%. Il Metascore di Metacritic è 44, mentre la valutazione degli utenti IMDB è 5,7 su 10.

READ  Guarda: Perché la troupe cinematografica di 007 ha coperto le strade di una città italiana con una bibita? - Notizie

CAPCOM può almeno godersi il continuo successo di Resident Evil Village, che ha recentemente vinto l’Ultimate Game of the Year ai 39th Golden Joystick Awards insieme ad altri premi nelle categorie audio, PlayStation e prestazioni. La stessa Capcom ha vinto lo Studio dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *