Bangladesh: un “massiccio” incendio nei campi profughi Rohingya costringe 20mila persone a fuggire | Bangladesh

Cinque persone si temono siano morte Almeno 20.000 persone sono fuggite da un incendio che ha travolto le baraccopoli dei campi profughi Rohingya nel sud-est del Paese. BangladeshNel terzo incendio che ha colpito gli insediamenti in quattro giorni.

Quasi un milione di minoranze musulmane del Myanmar vivono in condizioni anguste e squallide nei campi nella regione di Cox’s Bazar, con molti in fuga dalla repressione militare nella loro patria nel 2017.

I funzionari hanno affermato di ritenere che l’incendio sia iniziato lunedì in uno dei 34 campi – che si estende per oltre 8.000 acri (3.237 ettari) di terra – prima di estendersi ad altri due.

In un video diffuso sui social media, sono state viste spesse colonne di fumo fluttuare dalle capanne, mentre centinaia di vigili del fuoco e operatori umanitari stavano combattendo il fuoco e portando i rifugiati in salvo.

“È un incendio enorme. Il direttore di Cox’s Bazar, Mamounor Rashid, ha detto all’Afp che almeno 20.000 persone sono fuggite dalle loro case mentre l’incendio si è diffuso”.

“Abbiamo spento il fuoco in un punto e diffuso in altri luoghi”.

Ghazi Salah al-Din, l’ispettore di polizia, ha detto che l’incendio è stato spento intorno a mezzanotte e gli agenti hanno sentito che cinque persone, tra cui tre bambini e due donne, erano morte nell’incendio.

“Abbiamo sentito che cinque persone sono state uccise nell’incendio e i loro corpi erano nei campi”, ha detto Salahuddin all’AFP, aggiungendo che la polizia non poteva rilasciare alcuna dichiarazione a meno che i corpi non fossero stati recuperati.

Saladino ha detto che il fuoco era inizialmente piccolo e limitato a una stretta striscia, ma è cresciuto e ha marciato verso altri campi dopo che le bombole di gas usate per cucinare sono esplose.

I funzionari hanno riferito all’AFP che una valutazione preliminare ha rilevato che più di 900 capanne – che ospitano circa 7.400 rifugiati – erano state bruciate e il fuoco era ancora acceso.

Mohammad Yasin, a Rohingya Un uomo che ha contribuito a spegnere gli incendi ha detto all’AFP che l’incendio era ancora in corso otto ore dopo l’inizio ed era il peggiore che avesse visto dal 2017.

“La gente urlava e correva in giro”, ha detto Taiba Begum, un volontario di Save the Children [and] Anche i bambini correvano dispersi, piangendo per le loro famiglie “.

L’ufficiale antincendio, Secker, che ha un solo nome, ha detto all’AFP che è stato il terzo incendio a colpire i campi in quattro giorni.

I funzionari hanno detto che due fuochi separati nei due campi venerdì hanno distrutto dozzine di capanne.

La causa degli incendi non era ancora nota, ha detto Secker.

A gennaio, anche due grandi incendi hanno colpito i campi, provocando lo sfollamento di migliaia di persone e la distruzione di quattro scuole dell’UNICEF.

“La frequenza degli spari nei campi è stata molto casuale, soprattutto quando i risultati delle precedenti indagini sugli incidenti sono sconosciuti e continuano a ripetersi”, ha twittato Saad Hammadi, difensore dell’Asia meridionale di Amnesty International.

Nel frattempo, il governo sta spingendo i rifugiati a trasferirsi in un’isola remota nel Golfo del Bengala, dicendo che i campi sono troppo affollati.

Finora, 13.000 Rohingya Sono stati portati su un’isola soggetta a inondazioni che, secondo i critici, ostacola gli uragani mortali.

READ  Ratko Mladic, "macellaio bosniaco", perde l'appello contro la condanna per genocidio | Ratko Mladic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *