Aung San Suu Kyi: il tribunale del Myanmar prepara il primo verdetto contro il leader deposto | Birmania

Deposto leader del Myanmar Aung San Suu Kyi Martedì dovrebbe ascoltare il verdetto del suo processo sedizioso, il primo di numerosi casi giudiziari militari che potrebbero portare alla sua reclusione per decenni.

Il premio Nobel è stato detenuto da quando i generali hanno rovesciato il suo governo nelle prime ore del 1 febbraio, ponendo fine a una breve tregua democratica nella nazione del sud-est asiatico.

Secondo un gruppo di monitoraggio locale, più di 1.200 persone sono state uccise e più di 10.000 arrestate in una repressione del dissenso.

Aung San Suu Kyi rischia tre anni di carcere se viene giudicata colpevole di incitamento contro i militari, anche se gli analisti dicono che è improbabile che venga trasferita in prigione martedì.

In alternativa, il tribunale può rinviare la sentenza o commutare qualsiasi pena detentiva in arresti domiciliari al fine di tenere nascosto il leader popolare mentre la giunta lavora per consolidare il suo governo.

I giornalisti sono stati esclusi dal processo nel tribunale speciale della capitale costruita dai militari, Naypyidaw, e anche agli avvocati di Aung San Suu Kyi è stato recentemente impedito di parlare con i media.

Il portavoce della Junta Zaw Min Tun ha dichiarato di recente che l’aula del tribunale rimarrà interdetta ai giornalisti per la condanna.

Giorni dopo il colpo di stato, Aung San Suu Kyi è stata oggetto di misteriose accuse di possesso di walkie-talkie senza licenza e di violazione delle restrizioni sul coronavirus durante le elezioni vinte dalla National League for Democracy (NLD) nel 2020.

Da allora il consiglio militare ha aggiunto una sfilza di altri atti d’accusa, tra cui violazione dell’Official Secrets Act, corruzione e brogli elettorali.

Aung San Suu Kyi ora appare quasi tutti i giorni della settimana nell’aula del tribunale militare, dove il suo team legale ha affermato il mese scorso che il programma frenetico ha avuto un impatto negativo sulla salute del 76enne.

Aung San Suu Kyi ha trascorso lunghi periodi di arresti domiciliari sotto l’ex governo militare nella villa di epoca coloniale della sua famiglia a Yangon, dove si è presentata davanti a migliaia di persone riunite dall’altra parte del recinto del suo giardino.

Il regime di Min Aung Hlaing l’ha confinata in un luogo sconosciuto nella capitale, con il suo legame con il mondo esterno limitato agli incontri preprocessuali con il suo avvocato.

Nella sua prima apparizione in tribunale, l’ha usata per inviare una lettera di sfida, giurando che la NLD si sarebbe alzata e chiedendo ai credenti del partito di rimanere uniti.

Ma a ottobre, la sua squadra è stata oggetto di un ordine di bavaglio dopo aver trasmesso la testimonianza dal vivo del deposto presidente Wayne Myint che descriveva come avesse rifiutato un’offerta militare di dimettersi per salvarsi durante il colpo di stato.

Nelle ultime settimane si sono conclusi i processi ad altri esponenti di alto rango della Lega nazionale per la democrazia guidata da Aung San Suu Kyi, con la giunta che ha pronunciato dure condanne.

Un ex primo ministro questo mese è stato condannato a 75 anni di carcere, mentre uno stretto collaboratore di Aung San Suu Kyi è stato condannato a 20 anni.

READ  Rivolte nel Campidoglio degli Stati Uniti: l'agente Brian Secnick muore per cause naturali dopo il giorno dell'ammutinamento, le regole del coroner | Notizie dagli Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *