Aumento delle morti di rifugiati e migranti nel Mediterraneo centrale | Voice of America

GINEVRA – Le agenzie delle Nazioni Unite hanno segnalato un forte aumento dei decessi nel Mediterraneo centrale tra rifugiati e migranti in fuga da conflitti, persecuzioni e difficoltà economiche nei loro paesi di origine.

Finora quest’anno, secondo le agenzie delle Nazioni Unite, almeno 500 persone hanno perso la vita in mare mentre cercavano di raggiungere l’Europa attraverso la pericolosa rotta del Mediterraneo centrale.

Questo rispetto ai 150 morti in mare nello stesso periodo dell’anno scorso.

Il mese scorso circa 130 persone sono state uccise in un naufragio al largo delle coste libiche. Un rapporto dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha incolpato la loro morte per l’incapacità delle navi di soccorso marittimo di rispondere alle richieste di soccorso.

Fortunatamente, le richieste di soccorso di circa 1.500 altre persone che hanno recentemente compiuto il pericoloso viaggio hanno ricevuto risposta, ha detto la portavoce dell’UNHCR Carlotta Sami. Si dice che più di mille persone siano sbarcate nel porto di Trapani, in Sicilia, il 1 ° maggio dopo essere state soccorse dalla guardia costiera italiana.

Dice di essere stata lì per sorvegliare oltre 450 rifugiati e altri migranti salvati dalla nave delle ONG Guarda il mare Vieni in spiaggia martedì. Dice che la maggior parte degli arrivi ha lasciato la Libia su navi fragili e non idonee alla navigazione e ha effettuato ripetute chiamate di soccorso.

“Abbiamo notato un gran numero di minori e molti di loro non sono accompagnati. La maggior parte degli arrivi proviene da Mali, Sahel / Africa occidentale, Eritrea e Nord Africa. Molte persone che attraversano il mare provengono da paesi produttori di rifugiati”, ha detto. disse.

READ  Draghi ha un ampio sostegno per la leadership del governo italiano, per il momento

Molti stanno fuggendo da guerre e conflitti, dice Sami, come nel caso della regione africana del Sahel. Molti altri fuggono dalla persecuzione e vengono trafficati e venduti come merci. Dice che i recenti sbarchi in Italia portano il numero di arrivi via mare quest’anno a oltre 10.400. Sottolinea che ciò rappresenta un aumento del 170% rispetto allo stesso periodo del 2020.

Dice che l’UNHCR ei suoi partner stanno lavorando con il governo italiano ai punti di sbarco per aiutare a identificare le esigenze dei nuovi arrivati ​​e supportare il sistema di accoglienza dei richiedenti asilo.

“Negli ultimi giorni raccogliamo anche molte testimonianze di minori che parlano di carcerazione e brutalità senza rispetto dei diritti umani in Libia, mentre i sopravvissuti soffrono anche di problemi di salute mentale”, ha detto.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati esorta la comunità internazionale a rafforzare la protezione per migranti e rifugiati che cercano di attraversare il Mediterraneo e per fornire alternative sicure a questi viaggi pericolosi.

L’agenzia invita gli stati a espandere i percorsi legali come i corridoi umanitari, le evacuazioni, il reinsediamento e il ricongiungimento familiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *