Attivista dell’opposizione bielorusso massacrato in tribunale, citando minacce alla sua famiglia

Un’aula di tribunale di Minsk stava preparando un’altra dimostrazione di dubbia giustizia, in stile bielorusso, quando l’imputato e attivista dell’opposizione Stepan Latepov si alzò dal molo, si tolse la maschera, disegnò qualcosa di appuntito, quella che sembrava essere una penna, e lo seppellì in profondità. la sua gola.

Nei momenti precedenti, il signor Latipov ha gridato a suo padre di essere stato avvertito che la sua famiglia e i vicini sarebbero stati perseguitati se non fosse stato in tribunale e fosse stato vincolato da una consueta confessione di colpa. Ha anche affermato che le autorità lo avevano messo in una cella di punizione nelle ultime sette settimane.

Il giudice ha ordinato rapidamente l’evacuazione dell’aula, ma gli sforzi per salvare Latipov sono stati caotici, ostacolati dal fatto che è stato rinchiuso nel solito molo nei tribunali dell’ex Unione Sovietica.

Inizialmente gli agenti penitenziari non erano in grado di accedervi. Mentre cercavano le chiavi, Latipov ha continuato a farsi del male e ha perso conoscenza nel processo.

Si ritiene che l’attivista sia caduto in coma indotto all’ospedale Semashko di Minsk mentre i medici lavorano per salvargli la vita.

Il signor Latipov, un chirurgo arboricolo di professione, è l’ultimo delle centinaia che devono affrontare un processo per il loro ruolo nell’organizzazione dell’opposizione al sovrano autoritario Alexander Lukashenko.

È stato arrestato il 15 settembre mentre cercava di proteggere un murale a favore dell’opposizione a Minsk.

Le autorità in seguito hanno affermato di aver scoperto prove che il signor Latipov stava distribuendo veleni complessi per uccidere gli agenti di polizia. Latipov, che possedeva la sua azienda, commerciava abitualmente in sostanze chimiche tossiche come parte della sua attività.

READ  Almeno una persona viene uccisa dopo che un treno è deragliato in Pakistan

Dal momento che probabilmente ha perso le elezioni presidenziali lo scorso agosto, il 27enne leader della Bielorussia ha represso spietatamente le proteste di massa contro il suo governo.

Molti di coloro che hanno continuato a opporsi a lui sono stati spinti ad atti disperati. La scorsa settimana, il diciassettenne Dmitry Stakovsky si è suicidato sotto la pressione dei pubblici ministeri. Almeno la nona vittima della campagna di Lukashenko è diventata lo sfondo crescente per restare al potere.

I manifestanti tengono striscioni e bandiere della Bielorussia, simbolo dell’opposizione, mentre prendono parte a una manifestazione contro la repressione politica, a Vilnius.

(AFP tramite Getty Images)

Nel frattempo, Roman Protasevi e la sua ragazza, Sophia Sabega, rimorchiati dalla Ryanair dirottata, sono le ultime aggiunte a un elenco crescente di quasi 450 prigionieri politici. Sono stati accusati delle stesse accuse di reato di protesta del signor Latipov.

Svetlana Tekanovskaya, la donna che ha vinto in modo schiacciante le elezioni di agosto, ha esortato Lukashenko a porre fine alla repressione.

Ha detto: “Da ora, non è passato giorno in cui il regime non abbia ucciso una vita innocente”.

“Basta uccidere i nostri figli. Basta uccidere i nostri cari. Basta uccidere la tua nazione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *