Apple ha pagato milioni di donne dopo che i tecnici hanno usato il suo iPhone per pubblicare video spontanei | una mela

Apple ha pagato un accordo multimilionario a una donna dell’Oregon dopo che i tecnici di riparazione di iPhone hanno caricato online foto e video spontanei da un telefono che aveva inviato per la riparazione.

depositi legali, menzionato per la prima volta Al Telegraph, la donna senza nome ha rivelato di aver inviato il suo iPhone per la riparazione il 14 gennaio 2016 a un appaltatore di riparazioni autorizzato Apple chiamato Pegatron Technology Service in California. I documenti affermano che i tecnici hanno poi caricato “materiale molto personale e privato” sull’account Facebook della donna e su altri siti web.

I video sono stati caricati per apparire come se fossero stati intenzionalmente condivisi dalla donna stessa, secondo i documenti, causando alla donna “estrema sofferenza psicologica”. La donna è venuta a conoscenza dell’incidente quando i suoi amici hanno visto i video e le foto su Facebook.

La donna ha fatto causa ad Apple e alla fine si è accordata con l’azienda per una somma di milioni di dollari. Ma Apple non è stata nominata direttamente nella causa nel tentativo di mantenere la questione riservata.

L’incidente è diventato pubblico solo quando gli avvocati erano in a Stato più recente e irrilevante Apple e Pegatron hanno incluso riferimenti allo stato precedente nei loro documenti legali, affermando che il cosiddetto cliente “chiaramente Apple”

Apple ha confermato l’incidente in una dichiarazione al Guardian lunedì. I legali della donna non hanno risposto a una richiesta di commento.

“Prendiamo molto sul serio la privacy e la sicurezza dei dati dei nostri clienti e disponiamo di una serie di protocolli per garantire che i dati siano protetti durante tutto il processo di riparazione”, ha affermato un portavoce di Apple.

READ  Fantastico, ora anche i picchiatori di carte Pokemon stanno distruggendo le pillole

“Quando siamo venuti a conoscenza di questa clamorosa violazione delle nostre politiche presso uno dei nostri fornitori nel 2016, abbiamo preso provvedimenti immediati e da allora abbiamo continuato a rafforzare i protocolli dei nostri fornitori”, ha aggiunto il portavoce.

Questo non è il primo incidente in cui un tecnico è stato accusato di aver rubato e pubblicato le foto di un cliente. Nel 2013, il cliente Best Buy aveva 27 anni Fare causa al rivenditore Dopo aver distribuito le immagini da un computer, l’ho portato via Internet per la riparazione.

Ma, come osserva il Telegraph, il caso mina la ripetuta argomentazione di Apple per consentire solo ai rivenditori autorizzati di riparare i dispositivi, un problema che ha ricevuto maggiore attenzione tra Esperimenti antitrust. Apple ha ripetutamente sottolineato la sicurezza dei suoi servizi di riparazione rispetto ad altri e ha contestato le leggi che consentirebbero ai consumatori di effettuare le proprie riparazioni, preferendo il proprio programma di riparazione autorizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *