Antonio Conte smentisce il “tecnico difensivo” dell’Inter che scherza sul punteggio, il dibattito sui media italiani


Un rapporto sui media italiani oggi ha affermato che il tecnico dell’Inter Antonio Conte non merita di essere espulso dalla sua posizione di allenatore difensivo.

Mentre molti si affrettano a sottolineare la preferenza di Conte per il contropiede, l’edizione cartacea della Gazzetta dello Sport lo ha difeso dalle accuse con cautela e negatività.

Il giocatore dell’Inter Conte ha segnato 57 gol in 23 partite di campionato in questa stagione, il maggior numero di reti di qualsiasi squadra nerazzurra dalla stagione 1950-1951, quando Benito Lorenzi e Stefano Nairs dominarono il campionato italiano.

“C’è ancora chi mette questo comportamento difensivo alla testa di Conte e chi si rifiuta di rivalutare le proprie opinioni”, spiega il quotidiano milanese.

“Ma le loro parole non sono supportate dai fatti, perché i numeri dell’Inter raccontano una storia completamente diversa”.

Il report evidenziava che le squadre vincenti di Helenio Herrera, Jose Mourinho, Giovanni Trapattoni e Roberto Mancini hanno segnato meno gol della squadra di Conte a questo punto della campagna.

La Gazzetta ha detto che l’attacco dell’Inter è stata l’unica costante in questa stagione Romelu Lukaku e Lotaro Martínez si sono presentati settimana dopo settimana Per Conte con Alexis Sanchez solo in riserva.

I nerazzurri hanno però più possibilità di gioco offensivo rispetto alla prima stagione Ivan Perisic e Christian Eriksen Entrambi trovano la forma.


READ  La doppietta di Lukaku aiuta l'Inter a mettere pressione al Milan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *