Antonio Conte: la nuova direzione dell’Inter è incoerente con l’ex tecnico del Chelsea

Con Conte (a sinistra) andato e dubbi sul futuro di Andrea Pirlo alla Juventus, la Serie A potrebbe essere molto diversa nella prossima stagione.

Solo tre settimane dopo aver vinto il primo titolo di Serie A in 11 anni, Inter e Antonio Conte si separano dalle loro strade.

Potrebbe non essere comprensibile ai fan, soprattutto dopo che i due hanno deciso di restare insieme all’inizio della stagione per poi scambiarsi messaggi d’amore nel viaggio del successo.

La realtà è diversa, e Inter e Conte vedono due lunghezze d’onda molto diverse.

Allora perché è successo e da dove viene l’Inter e tutta la scena del campionato italiano?

Perché Conte è andato?

Il club ei suoi proprietari sono stati duramente colpiti dalla pandemia e dalle sue conseguenze economiche.

Negli ultimi mesi sono circolate voci sui proprietari cinesi dell’Inter che cercavano di vendere, e recentemente è stato richiesto un prestito di 275 milioni di euro a una società di investimento statunitense per aiutare il club in questo periodo estremamente difficile.

Il denaro verrà utilizzato per coprire i costi e gli stipendi per questa stagione, oltre a fornire poco spazio per la prossima stagione. Dovrà essere rimborsato.

Ma nascondere il problema non lo elimina: l’Inter è a corto di soldi e ha bisogno di ridurre subito le ambizioni, il che non è in linea con gli obiettivi di Conte.

Conte ha incontrato i dirigenti del club prima della finale contro l’Udinese di sabato ed è stato informato dei loro piani.

L’Inter intende aumentare le proprie riserve di cassa e ridurre del 20% il conto salariale.

Una delegazione di tifosi dell’Inter ha ottenuto dalla società la certezza che non sottovaluterà il valore dei propri giocatori né rinuncerà a difendere il titolo, figuriamoci male in Europa.

Tuttavia, cambiare le loro opinioni porterà a risultati straordinari.

Tutto quello che l’Inter ha creato in questa stagione sta crollando?

Sarà necessario vendere almeno uno dei loro migliori giocatori, e alcuni si preoccupano anche di loro.

Alessandro Bastoni ha dimostrato di essere uno dei migliori difensori della Serie A all’età di 22 anni, Stefan de Vrie è stato il difensore centrale più costante per tutta la stagione e Achraf Hakimi ha dimostrato il suo valore.

Poi ci sono l’attaccante Romelu Lukaku e il suo compagno in attacco, Lotaro Martinez, che ha corteggiato il Barcellona la scorsa estate e ora sembra essere un obiettivo per il Real Madrid.

Che mi dici di Niccol Barrilla? Alcuni dicono che al momento sia il miglior centrocampista d’Europa e che l’allenatore dell’Italia Roberto Mancini sarebbe solo d’accordo.

A meno di tre settimane dalla fine degli Europei, alcuni dei giocatori più importanti potrebbero essere distratti da future opportunità.

E mentre la maggior parte dei giocatori ha contratti che dureranno fino al 2023 o al 2024, i loro agenti hanno bussato alla porta dell’Inter per avere risposte.

La reputazione di Conte è più forte?

Agli occhi dei tifosi italiani, la reputazione di Conte è più debole che più forte.

Conte ha obiettivi e ambizioni legittime e comprensibili, ma c’è chi crede che il denaro e la gloria personale siano le sue principali motivazioni.

Alcuni tifosi della Juventus hanno questa visione del loro ex allenatore, mentre alcuni Inter lo condividono.

L’Inter si rende conto, giustamente, di quello che Conte ha fatto negli ultimi due anni: un posto nel campionato italiano e secondi in campionato europeo e campionato europeo, e lo sviluppo tecnico, tattico ed economico di tanti giocatori.

Questo è il motivo per cui si sarebbero lasciati con delusione e persino tristezza da entrambe le parti, per quello che avrebbe potuto essere ma non lo è mai stato.

E il campionato italiano nel suo complesso?

Tutti i fan italiani hanno una strana sensazione nello stomaco adesso.

L’Inter ha finalmente vinto dopo 11 anni e il suo manager e protagonista è andato via; La Juventus è sul punto di licenziare un’icona come Andrea Pirlo e perdere il giocatore più importante di Cristiano Ronaldo.

Il primo portiere italiano Gianluigi Donnarumma è a un passo dal lasciare il Milan, nonostante si sia finalmente qualificato per la UEFA Champions League – e tutto questo dopo una delle stagioni più emozionanti degli ultimi 10 anni.

A questo si aggiunge la Juventus, ha continuato Ha rifiutato di denunciare la Premier League europea, Spinti da un panorama finanziario che trovano insostenibile, le domande abbondano.

Qual è il prossimo? Sarà un’estate problematica per tutti i top club italiani, non certo un’estate.

A proposito della BBC - pingInformazioni sul piè di pagina della BBC - ping

READ  Per le moto, sveglia l'Italia !! Non è stato così male nelle prime gare dal 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *