Antica strada romana e darsena scoperti nel lago di Venezia | Italia

I ricercatori affermano che i resti di una strada romana e di un molo affondati nel Lago di Venezia potrebbero dimostrare che c’erano insediamenti umani permanenti nella zona molti secoli prima della fondazione di Venezia.

I subacquei hanno scoperto rocce costruite sotto il lago negli anni ’80, ma solo dopo le ricerche più recenti è stato confermato che i monumenti facevano parte del sistema stradale.

“Dopo aver parlato con coloro che per primi hanno scoperto queste rocce negli anni ’80, mi sono reso conto che si trattava di qualcosa di significativo che poteva essere antropologico”, ha detto Fondina Matricardo, ricercatrice presso l’Istituto di Scienze Marine (ISMAR) di Venezia. Settimanale sulla rivista Science Reports.

Matricardo e i suoi colleghi hanno utilizzato la mappatura sonar 3D per studiare l’ambiente sottomarino e, con l’aiuto di una squadra di sommozzatori della polizia locale, hanno scoperto 12 strutture archeologiche nell’area di Treporty Channel la scorsa estate.

“Non è del tutto chiaro perché queste pietre sono ricoperte da una vegetazione completamente diversa”, ha detto Matricardo. “Così abbiamo esaminato più di una struttura e abbiamo scoperto che c’erano pietre identiche in esse”.

A 2,7 metri di altezza e 52,7 metri di lunghezza, queste strutture erano allineate a circa 1.140 metri in direzione nord-est. Si ritiene che facessero parte del sistema stradale del Veneto, che potrebbe essere stato utilizzato dalle persone per viaggiare tra l’attuale città di Seogia e l’antica città di Aldino.

I dati raccolti in precedenza mostrano che la strada era situata su una roccia arenaria sopra il livello del mare in epoca romana.

Si ritiene che Venezia sia stata formalmente istituita il 25 marzo 421 d.C. e quest’anno ricorre il suo 1600° anniversario.

READ  Madonna condivide nuove foto della sua festa di 63° compleanno in Italia

“Il terreno che vediamo oggi era molto diverso… il livello del mare era molto basso, almeno 2 metri”, ha detto Matricardo.

Nel frattempo, giovedì Venezia ha perso la lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *