Andrew Pozzi chiede la residenza in Italia per evitare la burocrazia della Brexit

Andrew Pozzi della Gran Bretagna richiederà la residenza italiana per evitare la burocrazia Brexit e aumentare le sue speranze sulle Olimpiadi.

Il 28enne si prepara per i 60m ostacoli ai Campionati Europei Indoor in Polonia questo fine settimana.

Punta a riconquistare il titolo vinto nel 2017 dopo un anno tumultuoso che lo ha impedito di lasciare l’Italia a causa della pandemia di Coronavirus.

Pozzi vive e si forma a Formia, sulla costa mediterranea, da poco più di due anni, ma le regole della Brexit entrata in vigore a gennaio gli permettono ora di trascorrere solo 90 giorni su 180 nell’Unione Europea.

Ciò renderebbe impossibile allenarsi con l’allenatore Santiago Antonez a meno che non cambi posizione.

Pozzi ha detto: “Ho intenzione di continuare in Italia. Sarà sicuramente difficile. Se qualcuno di voi (i media) vuole usare i propri poteri per aiutare a spingere per visti sportivi o cose del genere, non esitate”.

Ad essere onesti, è un lavoro in corso. Ottenere informazioni sul modo migliore per continuare in Italia è stato molto difficile. Sembra che riceverò la residenza a tempo pieno per continuare ad allenarmi completamente lì.

“Sai, la regola attuale è che puoi stare in Europa solo 90 giorni su 180. Ovviamente per un atleta è insostenibile e non è il modo per prepararsi, quindi ci stiamo lavorando proprio ora.

“È dura ma penso che ottenere la residenza in Italia, dove sono stato negli ultimi due anni, dovrebbe rendere le cose un po ‘più facili.

“Quello che capisco in questo momento è che ho trascorso due anni con un contratto di alloggio e fatturato a mio nome e il fatto che mi alleno a tempo pieno per andare alle Olimpiadi. Quindi penso che attraverso le autorità locali sia possibile”.

READ  Luca Corberi è stato sospeso per 15 anni dopo aver lanciato un ammortizzatore a un concorrente di go-kart

Pozzi ha vinto il suo primo titolo importante quando ha vinto la medaglia d’oro al Campionato Europeo Endors a Belgrado quattro anni prima.

Ciò è avvenuto dopo anni di problemi di infortunio, inclusi problemi persistenti ai piedi, e 12 mesi dopo ha vinto il titolo World Series 60m hurdles a Birmingham.

“Vincere la prima partita è stata sicuramente la più difficile. Vincere la prima mi ha dato tanta fiducia”, ha detto Bozzi, che sabato correrà nelle qualificazioni con la finale di domenica.

“Ha abbastanza convalidato tutta la mia fiducia che avevo durante i miei anni di infortuni, lo stavo solo facendo per tornare in cima e questo era il punto di tutto davvero.

“Quella medaglia mi ha davvero dato molta fiducia che stavo pensando bene e che ero sulla strada giusta.

Allo stesso modo, guardando il Birmingham dopo un anno, ho avuto un allenamento molto difficile in questo, ma l’esperienza che ho avuto da Belgrado e la vittoria del campionato hanno effettivamente cambiato la mia mentalità sull’andare a Birmingham.

“Sono andato lì con più fiducia che, al momento giusto, avrei avuto l’esperienza per competere come volevo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *