Ancora una volta, l’eurozona fa fatica a tenere il passo con il resto del mondo

È solo una coincidenza? In una certa misura. L’ultima volta, la Banca centrale europea si è imbattuta in un catastrofico aumento dei tassi che ha fermato la sua ripresa prima ancora che iniziasse, e poi la crisi greca ha provocato un crollo nei paesi periferici.

Questa volta, il mancato acquisto dei vaccini ha significato che erano relativamente lenti da implementare e, sebbene ciò sia stato finalmente risolto, ha rallentato il ritmo della riapertura. Ma c’è più di quello che è. In effetti, l’eurozona ha tre enormi difetti strutturali e in ogni crisi continuano a riemergere.

Primo, le loro istituzioni sono sempre molto lente a rispondere. Il tentativo di creare un consenso tra i 27 membri è dolorosamente lento e ogni governo impiega più tempo per ottenere un accordo nel proprio parlamento. Lo abbiamo visto di nuovo nella risposta finanziaria a questa crisi.

Il presidente Biden ha già inviato miliardi di dollari in assegni a ogni famiglia americana e il denaro è stato speso. Al contrario, il fondo di recupero del coronavirus da 750 miliardi di euro (641 miliardi di sterline) dell’UE non inizierà a influenzare le economie fino alla fine di quest’anno. Si potrebbe obiettare se è troppo poco, ma di certo non può esserci alcuna disputa sul fatto che sia troppo tardi.

Dopodiché, la crescita del credito limita qualsiasi espansione. La moneta unica resta un progetto incompiuto, senza una vera unione bancaria e senza regole di adeguatezza patrimoniale tra le più severe al mondo per le sue banche. Risultati? Nessuno vuole prestare denaro. È impossibile per qualsiasi economia espandersi senza espandere il credito, ma nell’eurozona ciò rimane quasi impossibile.

READ  Draghi accetta di provare a formare il governo italiano - Politico

Infine, il predominio del surplus commerciale tedesco significa che la domanda viene costantemente assorbita da altre economie. Anche con il commercio globale stagnante, ha ancora un surplus di $ 261 miliardi (£ 188 miliardi) nel 2020. Ha un surplus di $ 45 miliardi con la Francia e un surplus di $ 12 miliardi con l’Italia. L’area avrà sempre difficoltà a crescere con quegli squilibri strutturali incorporati.

Di sicuro, l’eurozona continuerà a lottare. La Banca centrale europea è follemente impegnata a stampare denaro e ha mancato il suo obiettivo di inflazione per creare molto spazio per far funzionare le macchine da stampa negli anni a venire.

Non c’è nessuna crisi immediata incombente. Tuttavia, viene da ogni recessione globale un po’ più debole, un po’ più povera e con problemi più a lungo termine – e al momento non c’è motivo di aspettarsi che tutto cambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *