Ancora nascosta dopo tutti questi anni, la storia ufficiale indiana degli archivi INA e Netaji del Giappone

Poco dopo l’indipendenza, nel 1949, il primo ministro Nehru incaricò il famoso storico Pratul Chandra Gupta di scrivere una storia dell’Indian National Army (INA) e delle sue operazioni militari nel nord-est dell’India per evidenziare adeguatamente Netaji Subhas Chandra Bose e l’INA. Questa doveva essere la prima “data ufficiale” per l’INA.

Nehru ha fornito a Gupta 950 file INA segreti creati dal governo britannico. (Questi file, insieme a 40 file DoD, sono stati infine declassificati per renderli pubblicamente accessibili dal governo del Fronte Unito nel 1997. Questo è stato il primo set di declassificazione dei file Netaji e INA.)

Lo storico Pratul Chandra Gupta (1910-1990). Foto: https://boundlessoceanofpolitics.co.in

Per tre anni, Gupta ha svolto ricerche approfondite e prodotto un manoscritto di 490 pagine intitolato “Storia dell’esercito nazionale indiano 1942-1945”. Ma Nehru non ha autorizzato la pubblicazione del libro.

All’epoca, alcuni dei suoi critici accusarono Nehru (e il partito del Congresso) di minare il ruolo dell’INA e di nascondere il suo contributo – e quello di Bose – all’indipendenza dell’India. Se questa fosse stata l’intenzione di Nehru, in primo luogo non avrebbe incaricato Gupta di scrivere il libro. Né il governo del Congresso ha onorato Gupta con il Padma Pusan ​​nel 1975.

Ma questo pone la domanda: cosa c’è nel libro di Gupta che ha costretto Nehru e ogni successivo primo ministro a negarne la pubblicazione?

Nel 2011, il governo di Manmohan Singh ha concesso al maggiore generale (in pensione) Prabir Chakrabarti e allo storico Purapi Roy l’accesso al manoscritto Gupta per uno studio completo. Ma ora si sa cosa è venuto fuori da questo esercizio.

L’esercito nazionale iracheno in un’operazione militare

Gupta è morto nel 1990 ma è morto nel 2016 Tempi dell’India Un notiziario che cita Purabi Ray ci fornisce alcune informazioni su ciò che contiene il manoscritto.

Bose credeva che l’India potesse essere liberata solo attraverso un intervento militare organizzato e che movimenti come la disobbedienza civile avrebbero avuto solo effetti limitati. Conosceva e capiva bene anche l’Europa, il che lo ha aiutato a raccogliere sostegno per l’INA, ma i suoi rapporti con i giapponesi potrebbero essere stati un’altra questione.

READ  Come le sanzioni economiche colpiscono la Russia

Il resoconto di Gupta evidenzia chiaramente una serie di problemi scomodi emersi dalla sua strategia giapponese:

1. Bose usò il suo carisma per avvicinarsi al giapponese Hideki Tojo e lo convinse a unirsi all’operazione INA nel nordest dell’India. Ma l’intervento giapponese è rimasto parziale e selettivo.

2. I GIAPPONESI AVEVANO IN MENTE DI ENTRARE IN GUERRA. Fu una guerra logisticamente impossibile che i giapponesi combatterono e realizzarono.

3. Fu l’esercito giapponese a guidare l’offensiva nel Manipur e nella battaglia di Kohima, non l’esercito nazionale irlandese. INA ha suonato il secondo violino.

4. L’esercito giapponese si ritirò dal campo di battaglia subito dopo, lasciando l’esercito nazionale indiano ad affrontare l’esercito indiano britannico. Di conseguenza, l’INA ha subito pesanti perdite.

5. La valorosa guerra condotta dalla Coalizione nazionale irachena non ha seguito una strategia ben congegnata.

6. Bose potrebbe non aver mai discusso della sua strategia militare nemmeno con gli anziani dell’INA.

Gupta ha anche spiegato come Bose, nonostante le sue differenze ideologiche con Gandhi e Nehru, fosse tenuto in grande considerazione da entrambi. Ha persino chiamato i reggimenti dell’Alleanza nazionale irachena in onore di Nusayrin al Congresso. Ciò indica che li teneva in grande considerazione.

Il manoscritto di Gupta non affrontava la morte / scomparsa di Netaji nel 1945, sebbene nelle sue memorie del 1985 avesse espresso i suoi dubbi sull’incidente aereo, Dingoli Moore.

Sukhendu Shekhar Roy, parlamentare, Causa intentata presso l’Alta Corte di Delhi nel 2018 Per la pubblicazione immediata del libro. Non è ancora successo niente, neanche lì. In precedenza, il ministero della Difesa ha rifiutato di rilasciare il documento ai sensi del diritto all’informazione (RTI) sulla petizione Danneggerebbe gli “interessi economici” del governo.

READ  I borghi italiani offrono migliaia per invogliare i tuoi figli a trasferirsi e avviare attività commerciali

Se è così, non è difficile concludere – da quel poco che è emerso dal libro di pubblico dominio – che Gupta non ha dipinto i giapponesi e il ruolo che hanno svolto nel modo in cui il governo indiano avrebbe voluto vederlo. È possibile che governi successivi – da Nehru a Narendra Modi – abbiano ritenuto saggio non mettere in imbarazzo il Giappone, uno dei principali partner economici, pubblicando il libro Gupta. Forse questo è stato il motivo per cui la tutela degli “interessi economici” dell’India è stata considerata un motivo per impedirne il lancio.

Trasferirsi in Giappone

Il Giappone era un alleato della Gran Bretagna durante la prima guerra mondiale. I giapponesi volevano conquistare le colonie tedesche nell’Estremo Oriente per espandere il loro dominio in Asia. Il 7 dicembre 1941, il Giappone attaccò la flotta del Pacifico degli Stati Uniti alle Hawaii e contemporaneamente lanciò attacchi contro Malesia, Singapore, Hong Kong e tutte le colonie britanniche. La Gran Bretagna dichiarò immediatamente guerra al Giappone.

Con la sconfitta che si avvicinava nel 1945, il Giappone cercò di far rivivere i suoi vecchi legami con la Gran Bretagna. Alcuni sostengono che le figure chiave dell’esercito e dell’intelligence giapponese fossero favorevoli a sacrificare il mio prodotto per placare gli inglesi e acquistare sicurezza per la famiglia reale giapponese.

Il piano di Netaji di iniziare la Seconda Guerra d’Indipendenza con l’aiuto dell’Unione Sovietica era ben noto al Giappone. Non c’è motivo di credere che ciò che resta dell’imperialismo giapponese accetterebbe di sponsorizzare l’emergere dell’India indipendente come alleato comunista permanente. C’erano ampie ragioni per le agenzie di intelligence britanniche e giapponesi per sviluppare un programma minimo congiunto contro quello che credevano essere l’agenda filo-comunista di Bose.

READ  L'Italia afferma che le offerte per il cloud center nazionale sono attese questo mese, Telecom News, ET Telecom

Il rifiuto del Giappone di concedere a Netaji un passaggio sicuro per fuggire in Unione Sovietica gli fu trasmesso nel giugno 1945. Invece, consigliato “La ferma determinazione di mostrare lo spirito di vivere o morire insieme di India e Nippon” nella sua “lotta per la liberazione dell’India”.

Mentre molti leader giapponesi furono processati come criminali di guerra e impiccati, la famiglia reale giapponese rimase intatta. Come gli Stati Uniti, Chiang Kai-shek vedeva un certo valore nell’imperatore Hirohito come ufficiale contro il comunismo. L’esercito giapponese ha anche riconosciuto l’importanza dell’anticomunismo come strategia di sopravvivenza.

File Bose segreti giapponesi

Mentre Stati Uniti, Gran Bretagna, Austria, Germania, Italia e Russia hanno annunciato che tutti i loro file segreti su Subhas Chandra Bose sono stati resi pubblici, il Giappone rimane l’unico paese che ha conservato tre file su Netaji “Segreto” nonostante le numerose richieste dell’India di la loro declassificazione.

Il 9 marzo 2017, il ministro degli Affari esteri indiano, Sushma Swaraj, ha informato il Parlamento che il governo giapponese aveva affermato che i documenti “riservati” erano stati declassificati secondo le sue politiche dopo il periodo di tempo specificato sulla base di un “meccanismo di revisione interna”. Nessuna eccezione può essere per l’India.

Questo può essere interpretato come un’indicazione del ruolo sospetto del Giappone nella morte/scomparsa di Netaji. Questa possibilità è stata chiarita dall’ala amministrativa civile dell’INA, la Indian Independence League (IIL), nel loro rapporto investigativo del 1953.

Quando mettiamo fianco a fianco le due questioni – il libro nascosto di Pratul Gupta e gli archivi giapponesi “segreti” – è ragionevole presumere che Tokyo sia la causa di tutti gli insabbiamenti su entrambi i lati del Netaji.

Someru Roy Choudhury è laureato in architettura all’IIT, Kharagpur. Era il capo architetto di CPWD. Ha studiato in dettaglio i file Netaji e i relativi documenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *