Analisi: il piano fiscale globale del G7 potrebbe danneggiare in modo sproporzionato i giganti aziendali

Secondo un’analisi di Reuters, un accordo tra nazioni ricche volto ad aumentare le tasse dalle grandi multinazionali potrebbe colpire duramente alcune imprese lasciandone relativamente indenni altre, compresi alcuni degli obiettivi più comuni dell’ira dei legislatori.

Sabato i ministri delle finanze del Gruppo dei Sette principali nazioni hanno approvato proposte volte a garantire che le aziende paghino le tasse in ogni paese in cui operano piuttosto che trasferire i profitti in paradisi fiscali inferiori altrove.

Una delle misure proposte consentirebbe ai paesi in cui i clienti dipendono di tassare una quota maggiore dei profitti della multinazionale al di sopra di una certa soglia. I ministri hanno anche approvato una seconda proposta che imporrebbe un’imposta minima del 15% sugli utili in ogni Paese in cui le imprese operano all’estero, indipendentemente dal margine di profitto.

Una revisione Reuters dei documenti aziendali da parte di Alphabet Inc., che possiede Google, suggerisce che la società potrebbe vedere aumentare le sue tasse di meno di $ 600 milioni, o circa il 7% in più rispetto alla sua fattura fiscale globale di $ 7,8 miliardi nel 2020, se entrambe le misure proposte fossero implementate . Google è tra le aziende criticate da alcuni legislatori per aver pagato troppo poco le tasse.

Nel frattempo, Johnson & Johnson Medical Group, con sede negli Stati Uniti, potrebbe vedere aumentare le sue imposte di 1 miliardo di dollari, oltre il 50% in più rispetto alla sua spesa fiscale globale di 1,78 miliardi di dollari lo scorso anno, secondo i calcoli di Reuters.

Sia Google che J&J hanno rifiutato di commentare gli account.

In una dichiarazione rilasciata sabato a seguito dell’accordo del G7, il portavoce di Google Jose Castaneda ha dichiarato: “Sosteniamo fortemente il lavoro in corso per modernizzare le norme fiscali internazionali. Ci auguriamo che i paesi continuino a lavorare insieme per garantire che venga concluso presto un accordo equilibrato e duraturo. “

READ  JSW Steel ha completato l'acquisizione di una partecipazione del 31% nell'italiana GSI Lucchini

È difficile quantificare l’esatto impatto che le nuove regole avranno sulle imprese, in parte perché le imprese in genere non rivelano le loro entrate e i pagamenti delle tasse per paese. Gli esperti fiscali affermano che i dettagli chiave su come verranno implementate le regole sono ancora in sospeso, inclusi i paesi a cui verranno riassegnati i profitti e in che misura le tasse generate dalle nuove misure compenseranno le tasse dovute con il sistema attuale.

Anche le stesse norme proposte incontrano ostacoli. Negli Stati Uniti, diversi alti politici repubblicani hanno espresso la loro opposizione all’accordo. Anche il gruppo più ampio di 20 paesi dovrebbe discutere i dettagli dell’accordo il mese prossimo.

Quattro professionisti del settore fiscale sono d’accordo con la metodologia di Reuters, ma hanno notato che rimane incertezza su come attuare le misure, compresi i crediti d’imposta inclusi nel minimo fiscale estero del 15%.

Il G7 include Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti.

“L’accordo garantisce che il sistema sia equo, in modo che le aziende giuste paghino la tassa giusta nei posti giusti”, ha affermato un portavoce del Tesoro britannico, che ha ospitato la riunione del G7. “C’è ancora bisogno di lavorare sui dettagli finali del design e sugli standard di base”.

partecipazione agli utili

La prima azione proposta si concentra su grandi aziende globali che riportano almeno il 10% di margine di profitto a livello globale. I paesi in cui le aziende fanno affari avranno il diritto di tassare il 20% dei profitti globali oltre questo limite nel tentativo di impedire alle aziende di dichiarare i loro profitti nei paradisi fiscali dove fanno pochi affari.

READ  L'Italia ratifica l'accordo di zona economica esclusiva con la Grecia

L’applicazione di tale formula a Google potrebbe comportare fino a $ 540 milioni di tasse aggiuntive, secondo un’analisi di Reuters.

Sulla base dell’utile globale di Google per il 2020 di 48 miliardi di dollari, Reuters ha calcolato quale parte di tale reddito potrebbe essere riallocata in base alla formula G7 proposta. Reuters ha quindi calcolato quanto pagherebbe la società se quella parte di reddito fosse tassata a un’aliquota del 23%, l’aliquota fiscale media per i paesi sviluppati stabilita dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico con sede a Parigi. Invece dell’aliquota fiscale media all’estero del 14% che Google ha dichiarato di aver pagato l’anno scorso.

Applicando la stessa metodologia a J&J e al suo profitto globale per il 2020 di 16,5 miliardi di dollari, l’azienda sanitaria vedrebbe aumentare le sue imposte globali di quasi 270 milioni di dollari come risultato della prima metrica.

L’esatto impatto sulla fattura fiscale di ciascuna società dipende da quanto reddito viene effettivamente riallocato. Inoltre, la controversia è da quale paese vengono trasferiti i profitti e quindi qual è l’aumento dell’aliquota fiscale. Se tutti i profitti riallocati provenissero da giurisdizioni esentasse, l’impatto potrebbe essere maggiore.

Imposta minima all’estero

Funzionari statunitensi e britannici affermano che l’altra misura, che include una tassa minima globale del 15%, avrà un impatto complessivo maggiore sulla quantità di tasse che i governi riscuotono. Ma il suo impatto sulle aziende varierà notevolmente. Negli ultimi anni, Alphabet di Google, come alcuni altri obiettivi dei sostenitori delle tasse, ha riorganizzato le sue strutture fiscali internazionali e lo scorso anno ha registrato più di tre quarti del suo reddito globale negli Stati Uniti rispetto a meno della metà in ciascuno dei tre anni precedenti, secondo documenti aziendali privati.

READ  Super Mario e il ritorno dell'economia dal lato dell'offerta

Lo scorso anno Google ha registrato profitti per 10,5 miliardi di dollari al di fuori degli Stati Uniti e un’aliquota fiscale media all’estero del 14%, un punto percentuale inferiore alle imposte minime proposte per il Gruppo dei Sette.

Se i guadagni esterni di Google fossero tassati al 15%, l’imposta aggiuntiva da pagare sarebbe di 100 milioni di dollari. L’impatto potrebbe essere maggiore se una grande percentuale del denaro fosse prelevata in giurisdizioni esentasse come le Bermuda, dove Google registrava un reddito di oltre 10 miliardi di dollari all’anno. Al contrario, l’impatto delle tasse minime sarà ridotto se la prima azione spingerà Google a riassegnare parte dei suoi profitti non statunitensi dai paradisi fiscali.

Escludendo l’impatto della prima misura proposta, aumentare l’aliquota fiscale sul reddito estero al 15% significherebbe $ 45 milioni di tasse aggiuntive.

La situazione per J&J sarà molto diversa. Ha preso il 76% del suo reddito del 2020 al di fuori degli Stati Uniti e ha pagato una media del 7% di tasse su quei guadagni all’estero. Secondo i calcoli di Reuters, l’applicazione di un’aliquota fiscale del 15% a questa cifra di reddito esterno comporterebbe ulteriori $ 990 milioni di tasse.

Mentre la riallocazione dei profitti nell’ambito della prima misura ridurrebbe questo effetto, il risultato combinato di entrambe le misure sarebbe superiore a $ 1 miliardo.

Gli accademici affermano che le aziende sono abili nel mitigare l’impatto delle misure progettate per ridurre l’evasione fiscale e quindi possono riorganizzarsi per ridurre l’impatto delle misure proposte. In effetti, gli incentivi fiscali offerti dai governi significano che le aziende potrebbero finire per pagare di meno in pratica.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *