Amnesty International spoglia Alexei Navalny di “prigioniero di coscienza” | Alexey Navalny

Amnesty International ha detto che smetterà di descrivere Alexei Navalny come un “prigioniero di coscienza”, dopo aver fatto pressioni per condannare le dichiarazioni contro gli immigrati che aveva fatto negli anni 2000 come incitamento all’odio.

Lo staff di Amnesty International ha detto che l’organizzazione ha ricevuto messaggi sulle precedenti osservazioni di Navalny che si sentivano “parte di una campagna concertata per screditarlo all’estero”, ma che tuttavia si sono sentiti obbligati a cambiare il suo nome.

Sì, non useremo il termine “prigioniero di coscienza” in relazione a [Navalny] Per quanto il nostro dipartimento legale e politico, dopo aver esaminato le osservazioni di Navalny dalla metà degli anni 2000, è giunto alla conclusione che soddisfano il livello di “incitamento all’odio”, Alexander Artemiev, direttore della pubblica informazione di Amnesty International per Europa E l’Asia centrale, di TV Rain.

In un tweet inquietante, il capo della rete RT russa finanziata dallo stato, Margarita Simonyan, ha scritto che West stava “piangendo perché questo è avvenuto dopo che il nostro editorialista ha usato esempi concreti che hanno ricordato a tutti che lui” [Navalny] Nazista “.

Ha aggiunto: “Felice difensore della nazione, o figli della nazione!”

Navalny è stato arrestato a gennaio al suo ritorno dalla Germania in Russia, dove si stava riprendendo da un tentativo di omicidio da parte di individui noti come agenti dell’FSB. Il suo arresto e la successiva prigionia hanno scatenato proteste a livello nazionale in Russia, ma i suoi alleati affermano di aver fermato le pericolose manifestazioni fino alla primavera.

I commenti offensivi di Navalny non sono stati identificati, ma il 44enne all’epoca era impegnato nella politica nazionale e ha espresso opinioni fortemente anti-immigrati in diversi video, tra cui uno vestito da dentista e apparentemente paragonando gli immigrati alla corruzione. denti.

READ  Salvare tre persone dopo essere sopravvissute sull'isola per 33 giorni mangiando noci di cocco e topi | notizie dal mondo

Ha evitato la politica di destra negli anni successivi alla produzione dei video, ma ha rifiutato di rinunciare alle sue precedenti opinioni in diverse interviste, tra cui Uno con il Guardian Nel 2017.

La politica di Amnesty International è stata cambiata internamente ed è stata rivelata questa settimana in un’e-mail pubblicata online da Aaron Matte, un giornalista americano che critica Navalny.

“Le speculazioni sull’uso del termine ‘prigioniero di coscienza’ da parte di Amnesty International distolgono dalla nostra richiesta di base che sia chiaro”, ha detto mercoledì sera Julie Verhahr, segretario generale ad interim di Amnesty International, nelle note inviate via email. [Navalny] Subito “.

Ha detto che il termine “prigioniero di coscienza” si riferisce a standard specifici stabiliti da Amnesty International e che “nulla di ciò che Navalny ha detto in passato giustifica la sua attuale detenzione”.

In un altro episodio di mercoledì sera, il capo di Amnesty International sembrava essere vittima di uno scherzo che imitava Leonid Volkov, uno stretto alleato di Navalny. In un tweet rapidamente cancellato, Verhar ha ringraziato Volkov per una “chat dal vivo ora” che ha detto non era mai avvenuta.

“Non la conosco e non le ho mai parlato”, ha detto, indicando che la chiamata potrebbe provenire dallo stesso duo scherzoso dalla Russia che aveva precedentemente Ha preso di mira i politici occidentali e Elton John. Non sarei sorpreso se basassero le loro decisioni sullo stesso tipo di messaggio [about Navalny]Ha detto Volkov.

Alexei Stolyarov, un membro del duo soprannominato Pranker Lexus, ha indicato in un post su Facebook mercoledì sera che era già dietro la chiamata. Ha scritto: “Forse questa conversazione costruttiva e diretta era nella vita di Volkov”.

READ  Sarah Cooper, with her voice

Quando un importante giornalista russo gli ha chiesto se avesse fatto la chiamata, ha scritto: “Chi altri?” Mercoledì non ha risposto immediatamente a una lettera del Guardian.

Un portavoce di Amnesty International non è stato immediatamente in grado di confermare o smentire la notizia della falsa telefonata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *