Altri corpi sono stati trovati nel luogo dell’esplosione di una miniera di carbone in Nuova Zelanda che ha ucciso lavoratori scozzesi

Altri due corpi sono stati trovati nel sito della Nuova Zelanda esplosione di una miniera di carbone in cui sono stati uccisi 29 lavoratori, tra cui due scozzesi, più di un decennio fa.

La polizia ha usato nuove immagini della telecamera per fare la scoperta miniera di luccio del fiumeTuttavia, hanno aggiunto che l’area era ancora troppo pericolosa per entrare, quindi non sarebbero stati in grado di recuperare i resti.

ufficiali La catastrofe provocata dall’esplosione del metano è oggetto di indagine da anni.

Pete Rodger, 40 anni, del Perthshire, e Malcolm Campbell, 25 anni, di St Andrews, sono stati entrambi uccisi in una serie di esplosioni nella miniera nel novembre 2010.

Ordine di servizio per un servizio di ringraziamento per Malcolm Campbell presso la chiesa parrocchiale di St Leonard a St Andrews.

La causa legale delle famiglie è stata risolta prima della sessione del tribunale.

Gli investigatori della polizia ora direttore Peter Reed hanno detto di aver trovato almeno due corpi e forse un terzo dopo che una telecamera è stata inviata in un buco appena scavato nella miniera nella regione della costa occidentale dell’Isola del Sud.

Ha detto che i corpi sono stati trovati in fondo alla miniera, dove i livelli di metano sono ancora alti.

Il signor Reed ha affermato che la tecnologia di imaging è migliorata in modo significativo dal disastro del 19 novembre 2010 e ha aggiunto che questo li ha aiutati a fare la scoperta.

Decine sono stati uccisi
Decine sono stati uccisi

Ha detto che non erano ancora stati in grado di identificare i corpi, sebbene stessero lavorando con esperti forensi per vedere se ciò fosse possibile.

READ  Nessuna conferenza stampa congiunta dopo il vertice Biden-Putin: Casa Bianca | Joe Biden

“Mancano solo due giorni all’undicesimo anniversario dell’esplosione della mina e vorremmo ringraziare le famiglie di tutti gli uomini”, ha detto Reed ai giornalisti.

“È un vero e proprio ricordo del dolore e della perdita”.

Ha aggiunto che la polizia non ha rilasciato le foto per rispetto delle famiglie e ha rifiutato di descrivere le condizioni dei corpi.

“Questo è quello che potresti aspettarti dopo 11 anni, ma non entro nei dettagli su ciò che mostrano le foto”.

È morto il minatore scozzese Pete Rodger
È morto il minatore scozzese Pete Rodger

Anna Osborne, il cui marito Melton è stato ucciso nell’esplosione, ha detto che è stato un peccato che i corpi non siano stati recuperati.

“Sono morti tutti insieme e rimarranno insieme”, ha detto.

Un’indagine precedente ha concluso che Pike River Coal aveva esposto i minatori a rischi inaccettabili mentre perseguivano obiettivi finanziari.

Il rapporto ha rilevato che la società ha ignorato 21 avvertimenti che il metano si era accumulato a livelli esplosivi prima del disastro.

La società fallita non ha presentato ricorso contro le accuse di violazione del lavoro.

Le accuse di violazione del lavoro contro l’ex CEO Peter Whitall sono state respinte dopo che lui e la società hanno raggiunto un accordo finanziario, uno sviluppo che ha fatto arrabbiare molte famiglie in lutto.

La Corte Suprema della Nuova Zelanda in seguito ha stabilito che l’accordo era illegale.

Non perdere mai le ultime notizie da tutta la Scozia e oltre: iscriviti alla nostra newsletter quotidiana Qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *