All Blacks: Ian Foster prevede che i grandi battitori irlandesi poseranno a Dublino

Opinione: Il neozelandese Joe Schmidt ha copiato un calcio piazzato dagli Highlanders per innescare la vittoria per 16-9 dell’Irlanda quando gli All Blacks hanno visitato Dublino per l’ultima volta nel 2018.

Il tentativo di tenere Jacob Stockdale fuori dalla serie è stato un punto di svolta per gli irlandesi quando finalmente hanno rotto la striscia di 113 anni di imbattibilità degli All Blacks in casa, dopo di che Schmidt ha ammesso di aver portato l’idea di un Super Rugby fuori dalla sua patria . .

È improbabile che il Wing George Bridge abbia fatto abbastanza per tenere un punto di partenza contro l'Irlanda a Dublino.

Alessandra Tarantino/AFP

È improbabile che il Wing George Bridge abbia fatto abbastanza per tenere un punto di partenza contro l’Irlanda a Dublino.

“Per lo più rubo da altre persone”, ha detto Schmidt, che lavorerà con l’allenatore dei Blues Leon MacDonald l’anno prossimo in un ruolo di assistente, dopo la famosa vittoria sugli All Blacks.

“Sono sempre all’erta. Di recente mi sono presentato agli allenatori dell’Highlander e ho detto ‘Forse possiamo farcela'”.

Per saperne di più:
* All Blacks: dove si inserisce Akira Ewan nel lavoro italiano a Roma?
* Jordy Barrett degli All Blacks sul vincitore del match: “Ho trattenuto un po’ il respiro”
* Valutazioni dei giocatori degli All Blacks: Jordie Barrett supera gli Springboks

I fan irlandesi sperano che la vittoria porti al successo ai Mondiali un anno dopo.

Ma presto divenne chiaro che l’Irlanda aveva raggiunto il picco, e non appena iniziarono a scendere lungo il pendio, il pendio si rivelò troppo scivoloso per essere negoziato.

Quando le due squadre si sono incontrate di nuovo, nei quarti di finale dei Mondiali a Yokohama, la partita non aveva rivali. Gli All Blacks hanno umiliato l’Irlanda 47-9, un modo deludente per Schmidt di porre fine al suo regno.

I volti noti rimangono responsabili. Schmidt è stato sostituito dall’allenatore della difesa Andy Farrell e Ian Foster, dopo otto anni di lavoro come assistente di Sir Steve Hansen, è il capo allenatore degli All Blacks.

Entrambi prepareranno le loro squadre dopo una prestazione mista nel fine settimana.

Mentre gli All Blacks si facevano strada verso una vittoria per 47-9 sull’Italia a Roma, l’Irlanda ha celebrato il capitano e primo Test 100 Johnny Sexton al quinto posto con una vittoria per 60-5 sul Giappone a Dublino.

Foster non ha affrontato gli aspetti negativi dopo la vittoria all’Olympico Stadia.

Se avesse voluto criticare pubblicamente la sua squadra, sarebbe potuto davvero andare in città perché quest’anno ha avuto la peggior prestazione degli All Blacks.

Tanti errori di manovra, un paio di vittorie consecutive, 16 penalità annullate. Aggiungi che sembra che gli All Blacks non fossero proprio lì, mentalmente.

Sam Whitelock festeggia mentre una squadra corre

Matteo Ciampelli/Photosport

Sam Whitelock festeggia mentre gli All Blacks si imbattono in un altro tentativo contro l’Italia a Roma.

Con due settimane rimanenti su questo lungo periodo, iniziato quando gli All Blacks si sono recati a Perth alla fine di agosto, Foster potrebbe pensare di avere poco da guadagnare disciplinando pubblicamente i suoi giocatori.

Alcuni non giocheranno mai più, e l’ultima cosa di cui qualcuno ha bisogno prima dei grandi test contro l’Irlanda e la Francia sono i dirt tracker scontenti.

I giocatori di Serie II trascorreranno molto tempo tenendo in mano le borse per il placcaggio o giocando con l’avversario in esercitazioni, magari con sorrisi capovolti.

Dopo una rotazione completa di XV nel Test Italia, dopo la vittoria per 54-16 sul Galles a Cardiff il 31 ottobre, è probabile che Foster corra rischi minimi a Dublino.

In vista della partita di domenica contro l’Italia, è probabile che cambino la seconda linea, i cinque-otto giocatori e le posizioni di centrocampo.

non adesso. È improbabile che gli attaccanti liberi Ethan Blackdeer, Dalton Papale e Ardi Savia vengano espulsi per far posto a Luke Jacobson, Sam Kanye e Hoskins Sototo.

Quinn Tobia e Brydon Enor non hanno fatto abbastanza per assalire i centrocampisti David Haveli e Anton Lennert Brown e Richie Muonga hanno perso contro il regista Boden Barrett.

Damien Mackenzie e la maglia n°15 potrebbero non ricongiungersi in tournée dopo un traballante tentativo a Roma.

McKenzie, che ha iniziato come linebacker a Dublino nel 2018, ha perso terreno contro Jordi Barrett. Foster voleva risposte a Roma. Li ho. Le discussioni sulle scelte non dovrebbero continuare.

READ  Gove, Ramez, Murray, Cardinals, 49ers, Mixon, Bengals, Watkins, Chiefs, Edelman, Patriots

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *