Alexei Navalny: il critico di Putin perde l’appello | notizie dal mondo

Il critico del Cremlino Alexei Navalny ha detto alla corte che “milioni di persone vogliono la verità – e prima o poi la capiranno”, poiché ha perso un appello contro quella che ha descritto come una pena detentiva politicamente motivata.

Il russo Il leader dell’opposizione, un attivista anti-corruzione e un critico molto critico del presidente Vladimir Putin, è stato incarcerato all’inizio di febbraio per presunta violazione delle accuse di rilascio condizionale.

Il capo Navalny, 44 anni, è stato arrestato il 17 gennaio mentre tornava in Russia dalla Germania, dove ha trascorso cinque mesi riprendendosi da un avvelenamento con un gas nervino incolpato del Cremlino – una richiesta negata dalle autorità russe.

immagine:
Navalny ha posato davanti ai paparazzi in udienza: AP

La sua sentenza deriva da una condanna per appropriazione indebita del 2014 che l’ha respinta come fabbricata e la Corte europea dei diritti dell’uomo l’ha dichiarata illegale.

Navalny aveva chiesto al tribunale della città di Mosca di annullare la sentenza e di rilasciarlo.

Sabato mattina, il tribunale ha respinto il suo appello, nonostante una Corte europea dei diritti ne avesse ordinato il rilascio, ma ha abbreviato la sua pena detentiva originale di sei settimane.

La condanna originale era di 3,5 anni, ma con il tempo effettivamente trascorso agli arresti domiciliari, era di circa due anni e otto mesi.

Secondo quanto riferito, Navalny ha risposto con sarcasmo alla sentenza. “Hanno ridotto la pena di 1,5 mesi. Fantastico!” Secondo lui, secondo Reuters.

Parlando del motivo per cui non è stato in grado di presentare un rapporto al servizio carcerario di Mosca nel 2020, ha ricordato alla corte che si stava riprendendo in Germania.

READ  Soldati francesi affrontano un tribunale militare per una lettera di avvertimento di una "guerra civile" | Francia

“Non voglio mettermi in mostra più di tanto, ma il mondo intero sa dove sono”, ha detto Navalny al giudice. “Una volta guarito, ho comprato un biglietto aereo e sono tornato a casa”.

Iscriviti al podcast giornaliero su Podcast di AppleE il Google PodcastE il SpotifyE il altoparlante

Nonostante la sua prigionia, ha detto di non avere rimpianti per il ritorno in Russia. “Il nostro paese è costruito sull’ingiustizia”, ​​ha detto. “Ma decine di milioni di persone vogliono la verità. Prima o poi la capiranno”.

Dall’arresto di Navalny all’inizio di quest’anno, ci sono state grandi proteste anti-Cremlino in tutta la Russia chiedendo il suo rilascio, e Molti dei suoi sostenitori sono stati arrestati.

Diplomatici di diversi paesi europei sono stati espulsi dal paese per presunta partecipazione alle manifestazioni, un passo che è stato così È stata criticata dal ministro degli Esteri britannico Dominic Raab.

Diversi paesi occidentali hanno condannato il caso e stanno discutendo possibili sanzioni contro la Russia.

All’inizio di febbraio, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov Ha descritto la reazione come “isteria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *