Alcune aziende si ritrovano a violare le strutture della ristorazione all’aperto

SAN DIEGO – I funzionari della città questa settimana hanno identificato otto attività commerciali che stanno violando le strutture di ristorazione all’aperto, che si ritiene operino senza autorizzazione temporanea per le operazioni commerciali all’aperto.

La città concede a queste società 10 giorni per conformarsi e presentare i permessi necessari. Se non lo fanno, gli imprenditori dovranno affrontare multe giornaliere di $ 100 per violazione e verrà data una data di udienza. Se tutte le irregolarità vengono risolte prima della data dell’udienza, la tassa sarà esentata.

Per le aziende con i permessi necessari, i controlli di conformità iniziano dopo il Labor Day per garantire che le strutture per la ristorazione all’aperto soddisfino le leggi della città e degli incendi.

A Little Italy, i tetti dei ristoranti all’aperto sono ancora visibili in tutto il quartiere, una delle violazioni elencate dalla città.

“Se venite qui a Little Italy, sono tutti molto simili e lo fanno tutti in una forma”, ha detto Joey Busalacci, uno dei proprietari di Barbusa. “E ci siamo assicurati di averlo fatto bene e abbiamo ottenuto le approvazioni, ora non so che lascia l’amaro in bocca a tutti”.

I primi malintesi sugli spazi esterni sono ora un duro colpo per i ristoranti, ha detto Busalacci.

READ  Longtime New Orleans Fortune 500 CEO Jim Bob Moffett has passed away, the family says

“Costa soldi a tutti, quindi è un po’ frustrante, in realtà è molto frustrante”, ha detto.

Busalacci ha detto di aver speso $ 15.000 per rendere accogliente il suo spazio esterno. Ha detto che altri hanno speso fino a $ 70.000.

Inoltre, non sarebbe economico che le strutture vengano codificate.

“Abbiamo ottenuto prezzi da cinque a diecimila dollari, voglio dire che è un grande successo”, ha detto. “Ho avuto molto successo nei ristoranti, soprattutto al giorno d’oggi. Dobbiamo trovare appaltatori e gli appaltatori sono impegnati, quindi sai che sarà molto difficile per tutti”.

Per un elenco delle normative specifiche che le aziende sono tenute a seguire, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *