Alain Trudel porta avanti l’eredità di Boris come direttore artistico ad interim del Pruitt Music Festival

Lo spettacolo deve continuare e l’eredità deve continuare.

Appena un mese dopo la tragica morte del famoso direttore d’orchestra e direttore artistico Boris Pruitt, il Pruitt Music Festival ha annunciato che Alan Trudel sarebbe stato il suo direttore artistico ad interim per il 2022 in una conferenza stampa martedì presso la First Ontario Concert Hall.

“Sono onorato di unirmi al Prut Music Festival e di continuare gli straordinari contributi di Boris alla musica”, ha detto Trudel in un comunicato stampa. “Non vedo l’ora di conoscere Hamilton e incontrare l’incredibile folla che il festival ha costruito in tre decenni e mezzo”.

Trudel, 55enne residente in un’orchestra di Montreal, talento del trombone e compositore, non è estraneo alla BMF, essendo stato un ex ospite che ha diretto, diretto e suonato con la BMF National Academy Orchestra. Trudel è amichevole e cortese, parla correntemente francese, inglese e spagnolo ed è attualmente il direttore musicale dell’Orchestre symphonique de Laval in Quebec e della Toledo Symphony in Ohio.

Ha anche diretto tutte le principali orchestre in Canada, inclusa l’Orchestra Filarmonica di Hamilton, dove è stato nominato due volte come Direttore della musica, così come orchestre negli Stati Uniti, Regno Unito, America Latina, Svezia, Brasile, Italia, Russia, Giappone, Hong Kong e Malesia. È anche candidato a Juneau sei volte e nel 2019 è stato insignito del Chevalier de l’Ordre national du Québec.

Insieme al presidente del Brott Music Festival Jodi Marsalis, alla vedova di Brott e CEO di BMF, Ardyth Brott, e al sindaco Fred Eisenberger, direttore e capo allenatore di BrottOpera c’erano Emily Hamper, Vitek Wincza dell’Hamilton Institute of the Arts, la pianista Valerie Tryon e altri.

READ  Le MINI del film d'azione italiano del 2003 sono state le prime piccole auto elettriche al mondo

“Ci sforziamo di continuare per il maestro, Boris Pruitt”, ha detto Marsalis nelle sue esilaranti osservazioni di apertura sul defunto visionario, creatore e forza trainante del festival. “Quando abbiamo perso il nostro amato maestro Boris Pruitt, abbiamo continuato a programmare la stagione che immaginava”.

Il sindaco Fred Eisenberger ha citato l’adagio: “Lo spettacolo deve andare avanti” prima di aggiungere che “Boris non lo capirebbe in nessun altro modo. L’eredità deve andare avanti”.

Sebbene Pruitt non abbia intenzione di ritirarsi, l’equilibrata Ardith Pruitt ha parlato del desiderio del suo defunto marito che Trudel un giorno gli succedesse alla sua omonima celebrazione.

“Sì, abbiamo avuto discussioni in passato, ma è lontano nel futuro”, ha fatto eco Trudel.

Trudel ha condiviso con The Spectator che lui e Pruitt parleranno al telefono, forse una volta al mese, per parlare di cantanti e strumentisti.

“Non è fantastico essere così grandi amici come bandleader”, ha scritto Pruitt in quello che si è rivelato essere l’ultimo messaggio di testo di Trudel.

“Sembra una scelta naturale”, ha detto Trudel della sua nomina. “Spero di essere all’altezza dell’eredità creata da Boris e Ardath”.

La 35a sala concerti annuale della BMF è stata aperta giovedì 30 giugno presso la FirstOntario Concert Hall con un concerto intitolato “Indomitable Soul: Festival in Memory of Boris Pruitt”, guidato da Trudel NAO, Bach Elgar Choir e assolo della monumentale “Symphony no” di Beethoven. 9. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *