Agli insegnanti del Texas viene chiesto di bilanciare i libri sull’Olocausto con i punti di vista “opposti” di un dirigente scolastico | Notizie dagli Stati Uniti

Agli insegnanti di una città del Texas è stato detto che se hanno un libro sull’Olocausto in classe, dovrebbero avere un’opinione che presenti una visione “opposta”.

Le istruzioni date dal capo della scuola al personale di Southlake, che si trova a 26 miglia a nord-ovest di Dallas, sono state segretamente registrate su una registrazione audio ottenuta da NBC News.

Gina Bede, direttore esecutivo del Carroll Independent School District, è intervenuto durante una sessione di formazione che gli insegnanti di libri possono ottenere nelle biblioteche delle classi.

È successo quattro giorni dopo che il consiglio scolastico di Carroll, in risposta alla denuncia di un genitore, ha votato per rimproverare un insegnante che aveva un libro contro il razzismo nella sua classe.

Nella registrazione, la signora Bede ha chiesto al personale di “ricordare i concetti” di una nuova legge statale che richiede agli insegnanti di fornire prospettive diverse quando si discutono questioni “ampiamente discusse e attualmente controverse”.

In particolare, riferendosi al genocidio nazista di sei milioni di ebrei in tempo di guerra, ha detto: “E assicurati che se hai un libro su olocausto Che hai qualcuno con avversari che hanno altri punti di vista”.

In risposta, un insegnante ha detto: “Come ti opponi all’Olocausto?”

La signora Bedi disse loro: “Credetemi, è quello che è successo”.

Parlando in seguito, uno degli insegnanti di Carroll ha detto a NBC News: “Gli insegnanti temono letteralmente che saremo puniti per avere libri nelle nostre classi.

Non ci sono libri per bambini che mostrano la “prospettiva opposta” dell’Olocausto o la “prospettiva opposta” della schiavitù.

READ  L'Australia invia polizia e truppe a Honiara mentre continuano le violente proteste nelle Isole Salomone | Isole Salomone

“Dovremmo sbarazzarci di tutti i libri su questi argomenti?”

Un altro insegnante ha appeso un nastro di avvertimento davanti ai libri in classe dopo la diffusione delle nuove linee guida.

In una dichiarazione rilasciata a seguito delle osservazioni di Bede, la portavoce di Carroll, Karen Fitzgerald, ha affermato che il distretto stava cercando di aiutare gli insegnanti a conformarsi alla nuova legge statale e una versione aggiornata entrerà in vigore a dicembre.

Ha detto: “Il nostro distretto comprende che tutti gli insegnanti del Texas sono in una posizione precaria secondo gli ultimi requisiti legali.

“Il nostro obiettivo nel supportare i nostri insegnanti è garantire che abbiano tutto lo sviluppo professionale, le risorse e i materiali necessari.

“Il nostro distretto non ha e non imporrà la rimozione dei libri e non imporrà che le biblioteche scolastiche non siano disponibili”.

Ha aggiunto che gli insegnanti che non erano sicuri di un particolare libro “dovrebbero visitare l’amministratore del campus, il team del campus e i coordinatori del curriculum per vedere i passaggi successivi appropriati”.

Ma Clay Robison, della Texas State Teachers Association, ha affermato che non c’è nulla nella nuova legge del Texas che si occupi esplicitamente delle biblioteche scolastiche e ha accusato il distretto scolastico di “reagire in modo eccessivo” e “interpretare male” la legge.

READ  Esther Dingley: il parco britannico "è caduto a morte per 100 piedi dopo essersi infilato scarpe consumate" | Notizie dal Regno Unito

“Troviamo riprovevole che un insegnante chieda a un negazionista di essere trattato allo stesso livello dei fatti della storia”, ha detto.

“Questo è ridicolo. È peggio che ridicolo. E questa legge non lo richiede.”

Segui il podcast quotidiano su podcast della mela, Podcast di Google, spotificare, Altoparlante.

Il senatore dello stato Brian Hughes, che ha redatto la legge, ha anche negato che costringesse gli insegnanti a offrire opinioni contrastanti su ciò che chiamava questioni di “bene e male” o a sbarazzarsi di libri che offrono solo una visione dell’Olocausto.

Il sovrintendente Carol Lynn Ledbetter ha successivamente pubblicato sulla pagina Facebook del distretto che i commenti fatti durante l’incontro con gli insegnanti “non implicano in alcun modo che l’Olocausto sia stato qualcosa di meno che un evento orribile nella storia”.

“Inoltre, riconosciamo che non ci sono due lati dell’Olocausto”, ha scritto nel post.

Il dibattito a South Lake su quali libri dovrebbero essere ammessi nelle scuole fa parte di un più ampio movimento nazionale guidato da genitori che si oppongono alle lezioni su razzismo, storia e questioni LGBT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *