Aggiornamento delle notizie in tempo reale: Italia, Danimarca e Svezia espellono i diplomatici russi per problemi di sicurezza

Un alto funzionario della Commissione Europea ha dichiarato martedì che gli Stati membri dell’Unione Europea prenderanno in considerazione l’imposizione di sanzioni energetiche alla Russia, come parte dell’ultima serie di potenziali sanzioni sull’invasione dell’Ucraina.

Valdis Dombrovskis, vice capo esecutivo della commissione, ha affermato che le sanzioni contro il petrolio e il carbone russi sono “certamente un’opzione” per quanto riguarda la commissione, ma che sarebbe necessario raggiungere un consenso tra gli Stati membri. Alcune capitali hanno espresso scetticismo sull’idea.

“Ci sono discussioni su cosa si può fare nel campo dell’energia, come carbone e petrolio”, ha detto Dombrovskis all’arrivo a una riunione dei ministri delle finanze in Lussemburgo. “Ciò che è importante in questa situazione è che stiamo andando avanti con un pacchetto di sanzioni forte e credibile”.

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire, arrivato all’incontro, ha anche affermato che la Francia è aperta a prendere misure contro carbone e petrolio, sottolineando l’importanza di preservare l’unità dei 27 Stati membri sulle sanzioni.

“Penso che ci sia la completa determinazione da parte di tutti i 27 Stati membri di rafforzare le sanzioni, e questo è il punto chiave”, ha affermato.

I ministri delle finanze stanno tenendo colloqui in vista di una riunione degli ambasciatori dell’UE domani a Bruxelles per discutere il quinto pacchetto di sanzioni sulla scia della massiccia invasione russa del suo vicino il 24 febbraio. Mentre alcuni Stati membri vogliono prendere di mira il settore energetico russo, altri, tra cui Germania e Austria, hanno messo in guardia contro una decisione improvvisa di tagliare le importazioni.

L’UE non sta attualmente discutendo di tagliare le importazioni di gas russe, ma i funzionari sembrano più aperti a discutere in privato di petrolio o carbone. Altre sanzioni sul tavolo includono restrizioni su altri tipi di esportazioni in Russia, compresi componenti high-tech, nuovi elenchi di persone legate al Cremlino e colmare le lacune nelle attuali serie di misure.

READ  Verizon e AT&T hanno speso una grossa somma per l'asta 5G della banda C della FCC

La pressione per nuove sanzioni è aumentata dopo le accuse secondo cui le forze russe hanno commesso atrocità contro i civili intorno a Kiev, la capitale ucraina. La Russia ha respinto le accuse come invenzioni.

I ministri delle finanze hanno in programma di discutere le sanzioni martedì mattina, oltre a tenere colloqui con il ministro delle finanze ucraino tramite collegamento video.

Cercheranno inoltre di raggiungere un consenso sull’attuazione da parte dell’UE dell’aliquota minima effettiva dell’imposta sulle società dopo che lo scorso anno è stato raggiunto un accordo globale per l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *