Aggiornamento 2- L’Italia ha bisogno di un sistema giudiziario più veloce per aiutare le banche ad affrontare il problema del prestito – Visco

(Aggiunge citazioni e sfondo)

ROMA (Reuters) – Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Fisco mercoledì ha chiesto un sistema giudiziario più rapido nel Paese per aiutare le banche a gestire i crediti inesigibili.

“Il ritardo nella magistratura civile è ancora il principale ostacolo alla riduzione delle sofferenze nel nostro Paese”, ha detto Visco a una commissione parlamentare. “I progressi su questo fronte consentiranno una più rapida ristrutturazione dell’azienda e, quando possibile, il recupero dei crediti”.

Visco ha aggiunto che le regole per l’appropriazione della valutazione della BCE sui crediti in sofferenza non sarebbero un problema se la durata dei procedimenti civili fosse in linea con quelle del resto d’Europa.

Il governatore ha detto che le sofferenze sono ancora il principale rischio per i prestatori italiani, ma ha aggiunto che il sistema bancario è più forte di quanto non fosse in passato.

Ha detto che i programmi di prestito garantiti dallo stato e le attività fiscali differite per aiutare a cancellare i crediti inesigibili hanno funzionato bene e hanno bisogno di conferme ed estensioni.

Ha detto che le banche italiane hanno convertito 800 milioni di euro (970,24 milioni di dollari) nel 2020 in crediti d’imposta grazie alla vendita di crediti in sofferenza per un totale di 15 miliardi di euro.

Le sofferenze dovrebbero aumentare di meno di 100 miliardi di euro entro la fine del prossimo anno, sulla base delle stime della banca centrale.

Lo scorso anno la borsa europea Euronext ha accettato di acquistare la borsa Italiana, che gestisce sia la borsa italiana che la piattaforma di titoli di Stato MTS, per 4,3 miliardi di euro.

READ  Roberto Mancini è il protagonista della Nazionale italiana a Euro 2020

L’accordo rimane soggetto alle approvazioni normative in diverse giurisdizioni e autorità di regolamentazione.

Visco ha affermato che la Banca d’Italia monitorerà l’attività post-negoziazione di Euronext che gestisce il debito pubblico italiano per garantire che funzioni in modo efficiente. ($ 1 = € 0,8245) (Report di Stefano Burnaby, scritto da Julia Segreti e Giselda Vagnoni. A cura di Jane Meriman)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *