Aggiornamenti sui vincitori degli Oscar 2022: un elenco completo dei vincitori degli Oscar

La 94a cerimonia di premiazione degli Academy Awards È tornato al Dolby Theatre di Hollywood il 27 marzo, dove gli Academy Awards si sono svolti interamente di persona per la prima volta dall’inizio della pandemia. Le star si sono presentate con i loro abiti più carini mentre celebravano alcuni dei grandi lavori dell’anno passato. Con Amy Schumer, Regina Hall e Wanda Sykes come ospiti, ecco tutti coloro che sono riusciti a vincere l’ambita statua d’oro quest’anno.

Il potere del cane ha 12 nomination. Sul retro c’era Dion con 10, e Belfast e West Side hanno pareggiato con sette ciascuno. Re Riccardo ha ottenuto sei nomination.

Guarda l’elenco completo dei vincitori della 94a edizione degli Academy Awards. I nomi dei vincitori degli Academy Awards 2022 in grassetto:

La migliore immagine:

kuda

Belfast
non cercare
guidando la mia macchina
Duna
Re Riccardo
Pizza alla liquirizia
vicolo da incubo
potere del cane
Storia del lato ovest

Migliore attrice:

Jessica Chastain – Occhi di Tami Fey

Olivia Colman – La figlia scomparsa
Penelope Cruz – Madri parallele
Nicole Kidman – Essere i Ricardo
Kristen Stewart – Spencer

miglior attore:

Will Smith – Re Riccardo

Javier Bardem – Essere i Ricardo
Benedict Cumberbatch – Il potere di un cane
Andrew Garfield – Tagga, tagga…Boom!
Denzel Washington – La tragedia del Macbeth

Miglior regista:

Dog Power – Jane Campion

Kenneth Branagh – Belfast
Guida la mia macchina – Ryosuke Hamaguchi
Pizza alla liquirizia – Paul Thomas Anderson
Storia del lato ovest – Steven Spielberg

Miglior canzone originale:

non c’è tempo per morire – non c’è tempo per morire; Musica e testi di Billie Eilish e Phineas O’Connell

READ  'Atila' alla Sarasota Opera mette in evidenza grandi spettacoli

Sii vivo – Re Riccardo; Musica e testi di Dixon e Beyonce Knowles-Carter
Dos Oruguitas – Encanto; Musica e lirica Lin-Manuel Miranda
Giù per la gioia – Belfast; Musica e testi di Van Morrison
in qualche modo lo fanno – quattro bei giorni; Musica e testi di Diane Warren

Miglior documentario:

Summer of the Soul (… o quando la rivoluzione non poteva essere trasmessa in TV)

Imbarco
Attica
fuggire
scrivere con il fuoco

Miglior sceneggiatura adattata:

Coda – Sceneggiatura di Sian Heder

Drive My Car – Sceneggiatura di Ryusuke Hamaguchi e Takamasa Oe
Sand Dunes – Sceneggiatura di Jon Spaihts, Denis Villeneuve e Eric Roth
La figlia scomparsa – di Maggie Gyllenhaal
Il potere di un cane – di Jane Campion

Miglior sceneggiatura originale:

Belfast – Di Kenneth Branagh

Non guardare – sceneggiatura di Adam McKay; La storia di Adam McKay e David Sirota
Re Riccardo – di Zack Palin
Pizza alla liquirizia – Scritto da Paul Thomas Anderson
La persona peggiore del mondo – di Eskil Vogt, Joachim Trier

Miglior design di moda:

Jenny Bevan – Crudelia

Massimo Cantini Parini e Jacqueline Duran – Cirano
Jacqueline West e Robert Morgan – Dune
Luis Squeira – Vicolo dell’incubo
Paul Tazwill – Storia del lato ovest

Miglior film internazionale:

Drive My Car (Giappone)

Fuga (Danimarca)
Mano di Dio (Italia)
Lunana: Thor Yak in classe (Bhutan)
La persona peggiore del mondo (Norvegia)

Miglior attrice non protagonista:

Ariana Deboss – Storia del lato ovest

Jesse Buckley – La figlia scomparsa
Judi Dench – Belfast
Kirsten Dunst – Il potere di un cane
Aunjanue Ellis – Re Riccardo

READ  Ricordi delle riprese di Goodbye Mr. Chips a Sherborne

Miglior attore non protagonista:

Troy Kotsur – Koda

Cerve Ciaran – Belfast
Jesse Plemons – Il potere di un cane
JK Simmons – Essere Ricardos
Cody Smit McPhee – Il potere di un cane

Miglior film d’animazione:

incanto

fuggire
Luca
Mitchell contro le macchine
Raya e l’ultimo drago

Miglior risultato originale:

Hans Zimmer – Duna

Nicholas Brittle – Non cercare
Germaine Franco – Encanto
Alberto Iglesias – Madri parallele
Johnny Greenwood – Il potere di un cane

Miglior fotografia:

Greg Fraser – Le dune

Dan Laustson – L’incubo del robot
Ari Wegner – Il potere di un cane
Bruno Delbonil – La tragedia del Macbeth
Janusz Kaminsky – Storia del lato ovest

I migliori effetti visivi:

Dune di sabbia – Paul Lambert, Tristan Miles, Brian Connor e Gerd Nevers

Jay libero – Swain Gilberg, Brian Grill, Nikos Kalitzidis e Dan Sudick
Non c’è tempo per morire – Charlie Noble, Joel Green, Jonathan Faulkner e Chris Corbould
Shang Chi e la leggenda dei dieci episodi – Christopher Townsend, Joe Farrell, Sean Noel Walker e Dan Oliver
Spider-Man: No Way Home – Kelly Porte, Chris Wagner, Scott Edelstein e Dan Sudick

Miglior montaggio:

Joe Walker – Duna

Hank Corwin – Non cercare
Pamela Martin – Re Riccardo
Peter Skippers – Il potere di un cane
Myron Kerstein e Andrew Weisblom – Tagga, tagga… Boom!

Miglior suono:

Dune – McRoth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill e Ron Bartlett

Belfast – Dennis Yarde, Simon Chase, James Mather e Neve Adair
Non c’è tempo per morire – Simon Hayes, Oliver Tarney, James Harrison, Paul Massey e Mark Taylor
Dog Power – Richard Flynn, Robert Mackenzie, Tara Webb
West Side Story – Todd A Maitland, Gary Rydstrom, Brian Chomney, Andy Nelson, Sean Murphy

READ  Il Galles è passato alla fase a eliminazione diretta per differenza reti nonostante la sconfitta per 1-0 contro l'Italia

Miglior scenografia:

Dune – Scenografie: Patrice Vermette; Gruppo decorativo: Zsuzsanna Sipos

Nightmare Alley – Scenografie: Tamara Deverell; Gruppo decorativo: Shin View
Dog Strength – Scenografie: Grant Specializzazione; Set decorativo: Amber Richards
La tragedia di Macbeth – Scenografie: Stephane Deschant; Gruppo decoratore: Nancy Haig
West Side Story – Scenografie: Adam Stockhausen; Gruppo decorativo: Rena DeAngelo

Miglior trucco e acconciatura:

Gli occhi di Tami Fey – Linda Dodds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh

In arrivo 2 America – Mike Marino, Stacy Morris e Carla Farmer
Crudelia – Nadia Stacy, Naomi Dunn e Julia Vernon
Dune – Donald Moat, Loew Larsson e Eva von Bahr
Casa di Gucci – Goran Lundstrom, Anna Karen Lock e Frederic Asperas

Miglior cortometraggio dal vivo:

lungo addio

Alaa Kacho – Prendi e paga
vestire
nella mia mente
Attendere prego

Miglior cortometraggio d’animazione:

Parabrezza Piper

affari d’arte
Pestia
Boxball
Robin Robin

Miglior cortometraggio documentario:

regina del basket

udibile
Portami a casa
Tre canzoni di Benazir
Quando eravamo prepotenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *