Aggiornamenti in tempo reale di SpaceX e tracker video

La scorsa settimana, la capsula SpaceX Crew-2 era abbastanza chiara sulla strada di casa, ma una cosa si era messa in mezzo: il suo bagno. Mentre l’auto viene evacuata per tornare a terra, la toilette rimarrà offline per tutta la durata del viaggio.

Se gli astronauti avessero bisogno di andare, dovrebbero portarlo o usare i pannolini degli astronauti inclusi nelle loro tute di volo come emergenza.

“Naturalmente questo non è ottimale, ma siamo pronti a gestirlo mentre siamo a bordo del Dragon sulla via di casa”, ha detto Kay Megan MacArthur, pilota della missione Crew-2, durante una conferenza stampa venerdì.

La capsula a forma di ghianda è un po’ più grande di un pickup a terra; Non ha un bagno adeguato. Ha invece un water con un tubo e dei ventilatori integrati in uno degli scomparti della navicella spaziale che creano un’aspirazione per garantire che i rifiuti viaggino nella giusta direzione nell’assenza di gravità dello spazio.

A settembre, SpaceX ha scoperto una perdita di servizi igienici su un’altra delle sue capsule durante Inspiration 4, il volo orbitale di tre giorni di astronauti privati ​​che non erano attraccati alla stazione spaziale, secondo Bill Gerstenmaier, il vicepresidente dell’azienda che ne ha discusso. Problemi al bagno durante una conferenza stampa in ottobre.

Gerstenmaier ha detto che un tubo dalla toilette della capsula ha incanalato i rifiuti in un serbatoio interno, rompendosi e perdendo fluido in un ventilatore, inviando l’urina in tutta l’area sotto il pavimento interno della capsula.

Quando gli ingegneri di SpaceX hanno scoperto il difetto, hanno incaricato gli astronauti sulla stazione spaziale di ispezionare la capsula Crew 2. Hanno trovato tracce simili di urina sotto il pavimento interno, che i funzionari temono possano corrodere alcune parti della capsula di alluminio e rappresentare un rischio per la sicurezza per la Volo di ritorno.

READ  Il CDC dice: non accettare o incubare mai il pollame - di nuovo

Gli ingegneri di SpaceX hanno condotto esperimenti sul campo per verificare se l’urina, che è mescolata con un composto per la rimozione dell’ammoniaca chiamato oxone, può corrodere l’alluminio. Il signor Gerstenmaier ha detto che le parti sono rimaste in una camera che simulava le condizioni di umidità a bordo della stazione spaziale “per un lungo periodo di tempo”.

Dall’esperimento e dai controlli sulla capsula Inspiration4, SpaceX ha scoperto che la miscela urina-oxon ha avuto scarso effetto sulle parti in alluminio a causa dei rivestimenti pesanti sulla Crew Dragon che sono un “significativo agente blocca-liquido”, Sarah Walker, missione SpaceX Crew Dragon manager di gestione Reporters durante una conferenza stampa.

La signora Walker ha aggiunto: “Sapevamo che il liquido evaporava in appena un paio di giorni e questo limita davvero l’effetto che abbiamo notato durante tutte le ispezioni post-volo”.

I funzionari della NASA erano d’accordo con i risultati degli esperimenti e consideravano l’equipaggio 2 sicuro per tornare sulla Terra. SpaceX ha proposto una soluzione permanente per le future capsule Crew Dragon che dovrebbe garantire che il tubo dell’urina non si ritragga.

La perdita del gabinetto sulla capsula Crew-2 è ancora presente, il che significa che gli astronauti che rispondono alla chiamata della natura in orbita dovrebbero usare “biancheria intima”, ha detto ai giornalisti il ​​31 ottobre Steve Stitch, direttore del Commercial Crew Program della NASA, nelle loro tute aeree.

“Il nostro obiettivo è non utilizzare affatto il sistema per il ritorno a casa, a causa di ciò che abbiamo visto con l’interrogante”, ha affermato Stitch. “Ogni volta che l’equipaggio indossa la biancheria intima, indossa la biancheria intima in quella tuta, ed è un breve incarico a casa, quindi è tipico per loro indossare biancheria intima e possono usarli sulla strada di casa”.

READ  Un'immagine dalla Stazione Spaziale Internazionale che mostra la velocità con cui si muove la stazione spaziale

“Il viaggio nello spazio è pieno di tante piccole sfide”, ha affermato il dott. MacArthur. “Questo è solo un altro che incontreremo e di cui ci prenderemo cura durante la nostra missione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *