Afghanistan: l’Occidente potrebbe affrontare un altro 11 settembre e una crisi di massa di rifugiati se abbandona il paese, afferma il consigliere per la sicurezza del Pakistan | notizie dal mondo

Il consigliere per la sicurezza nazionale del Pakistan ha indicato che l’Occidente avrebbe dovuto affrontare altri attacchi dell’11 settembre se avesse abbandonato l’Afghanistan per la seconda volta.

E il dottor Muayyad Yusuf ha lanciato il duro avvertimento in un momento in cui la coalizione internazionale sta lottando per far uscire il resto delle sue forze dal paese, dopo la vergognosa sconfitta inflitta al paese. talebani.

Il dottor Youssef ha detto a Sky News che l’abbandono del paese potrebbe anche causare una grande ondata di rifugiati.

foto:
Bandiere pakistane e talebane dalla loro parte in corrispondenza di un valico di frontiera a Chaman, Pakistan

Ha detto che quando i sovietici si sono ritirati nel 1989, l’Occidente ha voltato le spalle alla regione e ha permesso che diventasse un rifugio sicuro per i terroristi.

Pakistan Non ha ancora riconosciuto i talebani ma esorta la comunità internazionale a “impegnarsi” per evitare un vuoto di sicurezza.

Il dottor Youssef ha detto che è tempo che il mondo ascolti e si unisca per evitare gli errori del passato.

“Se non ci sono soldi AfghanistanSe non c’è giudizio, se ISIS, al-Qaeda e altri prendono piede, cosa pensi che accadrà?

Combattenti talebani pattugliano le strade di Kabul.  Pic: AP
foto:
I leader occidentali potrebbero non avere altra scelta che accettare i talebani come nuovi leader dell’Afghanistan PIC: AP

“E a proposito, lascia che te lo dica, questo non sarà limitato alla regione. Ho letto da qualche parte, e penso che sia uscita una frase, che il problema dell’immigrazione dovrebbe essere limitato alla regione, non lo sarebbe.

“Gli immigrati fluiranno e il terrorismo fluirà e nessuno di noi lo vuole, quindi non commettiamo di nuovo quell’errore.

READ  What Zoom is doing to campus conflicts about Israel and freedom of expression

“I pericoli di abbandono, emersi negli anni ’90, c’è stato un crollo della legge e dell’ordine, c’è stato un crollo della sicurezza, c’erano terroristi internazionali che prendevano la strada, c’era una crisi economica, c’era un problema di governance e a alla fine della giornata c’era il 911. “

Non c’è ancora stato un massiccio afflusso di rifugiati fuori dal paese, ma centinaia di migliaia sono stati sfollati interni e c’è già il rischio che questa situazione umanitaria peggiori rapidamente.

Rifugiati afgani arrivano in Virginia, negli Stati Uniti, dopo essere fuggiti dalla loro patria Immagine: Tom Williams/CQ Roll Call via AP Images
foto:
Rifugiati afgani arrivano in Virginia, negli Stati Uniti, dopo essere fuggiti dalla loro patria Immagine: Tom Williams/CQ Roll Call via AP Images

L’orribile attacco di giovedì di ISIS Khorasan In aeroporto si fa chiarezza sulla posta in gioco.

Il governo pakistano sostiene che lavorando con i talebani invece di isolarli, possono mantenere la sicurezza nel paese e impedire che l’Afghanistan scivoli nella guerra civile come ha fatto in passato.

Islamabad è in prima linea nella campagna di pubbliche relazioni cercando di sostenere la propria causa in un momento in cui molte capitali occidentali vedono come una delle ragioni del fallimento del progetto di costruzione della nazione negli ultimi 20 anni.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

Sky riferisce Adam Parsons dalla base aeronautica di Ramstein in Germania, dove migliaia di rifugiati afgani stanno aspettando di essere trasportati negli Stati Uniti per iniziare una nuova vita.

Lo stato è accusato di fare un “doppio gioco” – apparire come un potente alleato e allo stesso tempo sponsorizzare il gruppo armato e fornire rifugio e sostegno.

READ  Un'auto fuma nel momento in cui sorvola il ponte e si schianta sull'autostrada proprio davanti al camion

Si presume che la ragione di questa dualità sia che il Pakistan ha interesse a vedere i governanti islamici – non un governo democratico – a Kabul come un modo per aumentare la profondità e l’influenza strategica nella sua battaglia perpetua contro il suo potente vicino a est, l’India.

Ma il governo pakistano sostiene che queste accuse “non sono basate sulla realtà” e vengono utilizzate come “capro espiatorio” per i fallimenti e i giudizi sbagliati degli altri.

L’argomento che fa è che in primo luogo non c’era una soluzione militare per l’Afghanistan, e quindi una tale vittoria era illusoria.

Combattenti talebani fanno la guardia a un posto di blocco nel quartiere di Wazir Akbar Khan nella città di Kabul.  Pic: AP
foto:
Combattenti talebani fanno la guardia a un posto di blocco nel quartiere Wazir Akbar Khan di Kabul. Pic: AP

Afferma inoltre che, dopo l’Afghanistan, è la più grande vittima della cosiddetta guerra al terrore, dove sono state uccise fino a 80.000 persone e due milioni di sfollati interni.

Il fatto è che molto probabilmente l’Occidente dovrà riconoscere i nuovi governanti barbuti in Accettazione.

Abbiamo già visto nel microcosmo che questo contrasta con le umilianti forze internazionali che devono coordinarsi con il gruppo durante il ponte aereo.

Poi c’è la domanda più grande: impegnarsi con i talebani o non impedire a gruppi come l’ISIS di rafforzarsi nella regione?

Entrambi sono radicali islamici sunniti, ma tra loro c’è grande animosità.

Il Pakistan pensa certamente che il nostro nemico ventennale potrebbe diventare nostro amico in quella battaglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *