Afghanistan: Boris Johnson e Dominic Raab continuano a lottare per una risposta internazionale alla crisi | notizie di politica

I ministri continuano a lottare per una risposta internazionale coordinata alla crisi in Afghanistan dopo la drammatica presa del potere da parte dei talebani.

Il primo ministro Boris Johnson mercoledì sera ha ripreso la sua serie di chiamate con i leader mondiali dopo che il paese dell’Asia centrale è caduto nelle mani del gruppo estremista.

Ha parlato con il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi, dopo aver avuto colloqui questa settimana con i leader di Francia, Germania, Stati Uniti e Pakistan.

immagine:
Dominic Raab parlerà con i ministri degli Esteri del G7

Anche il ministro degli Esteri Dominic Raab ha continuato i suoi sforzi per trovare una risposta globale comune parlando con i suoi omologhi indiani e statunitensi.

Tuttavia, Raab ha ricevuto richieste di dimissioni dai legislatori dell’opposizione dopo le accuse secondo cui la scorsa settimana non era riuscito a chiedere immediatamente al ministro degli esteri afghano un aiuto urgente per l’evacuazione degli interpreti afgani che lavoravano con l’esercito britannico.

Secondo il Daily Mail, venerdì i funzionari hanno consigliato al ministro degli Esteri di parlare con Hanif Atmar mentre i talebani avanzavano a Kabul, mentre era in vacanza con la sua famiglia a Creta.

Ma il giornale ha detto che ai funzionari è stato detto che Raab non era disponibile e che un altro ministro degli Esteri avrebbe dovuto parlare con Atmar.

Il rapporto affermava che Raab aveva finito per non parlare con la sua controparte afghana almeno fino al giorno successivo, dopo che il ministero degli Esteri afghano si era rifiutato di telefonare al giovane ministro britannico.

READ  Gli Stati Uniti si preparano a imporre nuove sanzioni alla Russia ed espellere i funzionari per il massiccio attacco hacker di Solarwinds | Notizie dagli Stati Uniti

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha dichiarato: “Il Segretario di Stato è stato in contatto con una serie di altre chiamate e quella chiamata è stata delegata a un altro ministro”.

Il ministro degli Interni ombra dei laburisti, Nick Thomas Symonds, ha accusato Raab di “inosservanza dei propri doveri”, aggiungendo: “Non fare una chiamata ha messo in pericolo la vita dei nostri coraggiosi traduttori, avendo servito così coraggiosamente con i nostri militari. È assolutamente vergognoso”.

Giovedì Raab parteciperà a una riunione virtuale dei ministri degli esteri del G7.

Ciò precederà l’incontro virtuale programmato dei leader del G7 all’inizio della prossima settimana, che si terrà più di sette giorni dopo l’acquisizione da parte dei talebani della capitale afgana, Kabul.

I colloqui virtuali arrivano mentre i leader europei lottano per nascondere la loro frustrazione per la gestione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden del ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan.

Tuttavia, Biden ha continuato a sfidare la sua decisione di ritirare i soldati americani e mercoledì sera, ancora una volta, si è rifiutato di rispondere alle domande dopo una dichiarazione televisiva in diretta dalla Casa Bianca.

La telefonata di Johnson con Draghi è arrivata dopo che il Primo Ministro lo ha fatto Ha affrontato una raffica di critiche da parte dei parlamentari di tutti i partiti – compresi i conservatori senior – mercoledì alla Camera dei Comuni.

Il Primo Ministro ha usato il suo discorso al Parlamento e ha promesso di raddoppiare gli aiuti del Regno Unito all’Afghanistan quest’anno a 286 milioni di sterline.

Il governo, che ha ridotto il budget complessivo per gli aiuti esteri del Regno Unito, chiede anche ad altri paesi di aumentare gli aiuti umanitari all’Afghanistan.

Downing Street ha affermato che Johnson, nei suoi colloqui con Draghi, “ha delineato la sua proposta in cinque punti affinché la comunità internazionale sostenga il popolo afghano e contribuisca alla stabilità regionale”.

READ  La coalizione polacca è minacciata dal voto del parlamento sul disegno di legge sui media | Polonia

La priorità immediata e continua per molti paesi è quella di evacuare i propri cittadini da Kabul, con l’avvertimento degli Stati Uniti mercoledì sera che non possono garantire un passaggio sicuro per loro. Cercando di raggiungere l’aeroporto della città.

Gli Stati Uniti hanno anche affermato di non avere attualmente la capacità di evacuare un gran numero di americani al di fuori di Kabul.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

Biden respinge le domande sull’Afghanistan

Alle 8 del mattino di mercoledì, il Regno Unito aveva evacuato quasi 1.200 persone da Kabul su voli militari.

Ciò include circa 300 cittadini britannici, con altri 900 per lo più reinsediati nell’ambito del programma per gli afgani impiegati localmente dal Regno Unito, insieme a un piccolo numero di afgani dipendenti da cittadini britannici.

Il governo ha anche promesso di accogliere fino a 5.000 degli afgani più vulnerabili del Regno Unito nel primo anno del suo elaborato programma per i rifugiati e fino a 20.000 nei prossimi anni.

Segui il podcast quotidiano su podcast della mela, Podcast di Google, spotificare, Altoparlante

Un portavoce di Downing Street ha dichiarato: “Il primo ministro ha presentato oggi l’importante offerta del Regno Unito per affrontare la crisi umanitaria in Afghanistan, raddoppiando la nostra assistenza umanitaria alla regione e creando uno dei programmi di asilo più generosi della storia britannica.

Ha inoltre delineato la più ampia strategia del Regno Unito per l’Afghanistan e la regione, compresa la necessità di unire la comunità internazionale dietro un piano chiaro per affrontare il regime dei talebani in modo unificato e coordinato.

READ  'Ladri acrobatici' usano Instagram per conquistare le case delle celebrità a Milano Italia

“Ora chiediamo ai nostri partner internazionali di rispettare gli impegni del Regno Unito e di collaborare con noi per fornire un’ancora di salvezza alle persone più vulnerabili in Afghanistan”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *