Afghanistan: 20.000 rifugiati reinsediati nel Regno Unito secondo il piano del Primo Ministro – ma i critici dicono che non è abbastanza | notizie di politica

Il Regno Unito accoglierà fino a 20.000 afgani vulnerabili nei prossimi anni come parte di un programma di reinsediamento, dopo che i talebani hanno preso il controllo del loro paese.

Nell’ambito del nuovo schema su misura – modellato sul programma di reinsediamento settennale del Regno Unito per i rifugiati siriani – il primo ministro ha promesso a migliaia di afgani che hanno un disperato bisogno di essere trasferiti in Gran Bretagna.

Il governo mira a reinsediare fino a 5.000 afgani a rischio a causa dell’attuale crisi nel loro paese nel Regno Unito nel primo anno del programma.

Verrà data priorità a donne, ragazze, religiose e altre minoranze, che sono maggiormente a rischio di violazioni dei diritti umani e abusi da parte dei talebani.

immagine:
Boris Johnson parlerà ai parlamentari della crisi in corso in Afghanistan. Pic: Andrew Parsons / 10 Downing St

Johnson, che martedì sera ha parlato con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha svelato i piani in vista di un dibattito di emergenza di cinque ore alla Camera dei Comuni mercoledì. La crisi si apre in Afghanistan.

Ma il primo ministro ha già affrontato le richieste, anche da parte dei parlamentari Tory, per un impegno più generoso nell’accogliere gli afgani nel Regno Unito.

Il governo ha affermato che il piano dettagliato di reinsediamento rimarrà in fase di revisione oltre il suo primo anno, con l’offerta di un massimo di 20.000 afgani a lungo termine.

Tuttavia, l’ex ministro del governo David Davis, un contendente per la leadership del Partito conservatore, ha affermato che il Regno Unito dovrebbe cercare di accettare più di 50.000 afgani a causa della “responsabilità morale diretta” sulla scia dell’intervento militare di due decenni in Afghanistan.

READ  L'Arabia Saudita si prepara alla seconda gara del 2021

Il leader dell’SNP a Westminster, Ian Blackford, ha affermato che il Regno Unito dovrebbe mirare a concedere asilo a 35.000 o più rifugiati afgani, mentre i liberaldemocratici hanno affermato che il reinsediamento di 20.000 afgani in Gran Bretagna dovrebbe essere un “punto di partenza” e “non l’obiettivo”.

I laburisti hanno affermato che il piano di reinsediamento proposto dal governo “non risponde alla sfida” e rischia di “lasciare il popolo afghano in pericolo di vita”.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

Caos all’aeroporto di Kabul mentre la gente si aggrappa all’aereo

Oltre alle domande sull’impegno del Regno Unito nei confronti degli afghani vulnerabili, è probabile che Johnson affronti anche interrogazioni da parte della Camera dei Comuni sugli attuali sforzi per evacuare i cittadini britannici dall’Afghanistan, nonché sulla velocità con cui i talebani sono stati in grado di riprendere il controllo di Paese. Quasi 40 milioni di persone.

Il ministro degli Esteri Dominic Raab potrebbe dover affrontare domande sul motivo per cui era all’estero in vacanza quando i talebani sono entrati nella capitale afgana, Kabul.

Il programma di reinsediamento siriano ha visto 20.000 rifugiati trasferirsi nel Regno Unito tra il 2014 e la sua chiusura all’inizio di quest’anno.

Il ministero dell’Interno ha riconosciuto che il nuovo piano per l’Afghanistan deve affrontare “sfide significative” a causa del “quadro complesso” nel paese, ma ha affermato che i ministri stanno “lavorando rapidamente” per affrontare tali ostacoli.

Il Primo Ministro dovrebbe discutere con altri leader mondiali – in un incontro virtuale del G7 nei prossimi giorni – come sviluppare un sistema per identificare le persone più a rischio in Afghanistan.

READ  La partecipazione del rappresentante Ilhan Omar suscita reazioni violente | Donald Trump News

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

I talebani tengono la prima conferenza stampa

Il nuovo schema per l’Afghanistan è separato dall’attuale politica di reinsediamento e assistenza afghana (ARAP), che rende qualsiasi personale britannico attuale o precedente che lavora in Afghanistan – le cui vite sono considerate a grave rischio – una priorità per il trasferimento nel Regno Unito.

Si prevede che circa 5.000 ex dipendenti afghani e i loro familiari saranno trasferiti nel Regno Unito entro la fine di quest’anno nell’ambito del programma di reinsediamento abbreviato.

Da giugno, oltre 2.000 ex dipendenti afghani e le loro famiglie sono già stati reinsediati nel Regno Unito in base alla politica.

Continuano i lavori per evacuare i cittadini britannici, le loro famiglie e l’ex personale afghano dall’Afghanistan per viaggi militari.

mezzo Avvertimenti su uno “spettacolo dell’orrore” nella capitale afghana, Kabul Mentre le persone lottano per raggiungere gli aerei per lasciare il paese, l’uomo responsabile delle operazioni di evacuazione nel Regno Unito ha ammesso che spettava a coloro in fuga raggiungere l’aeroporto della città.

“Gran parte di quel volo è in realtà loro”, ha detto il viceammiraglio Sir Ben Key, comandante delle operazioni congiunte, fornendo una chiara valutazione di quanto sia fatiscente l’Afghanistan sotto il controllo dei talebani.

Ha aggiunto: “È abbastanza chiaro che i talebani sono ora i principali fornitori di sicurezza in tutto l’Afghanistan, e questo è un dato di fatto”.

Da sabato, 520 cittadini britannici, diplomatici ed ex personale afghano hanno lasciato il Paese con voli militari britannici.

Un totale di 6.000-7.000 cittadini britannici, persone idonee e personale dell’ARAP potrebbe dover essere evacuato, ha detto Sir Benn, anche se ha ammesso che “non sappiamo davvero” quanto tempo il Regno Unito dovrebbe farli uscire dal paese.

READ  Argentina earthquake: 6.4 earthquake strikes San Juan Province, no tsunami warning issued

Il ministero dell’Interno ha affermato che il nuovo programma di reinsediamento per i rifugiati afghani “non comprometterà la sicurezza nazionale” e che chiunque arrivi sulla strada dovrà superare severi controlli di sicurezza.

Commentando lo schema, il Primo Ministro ha dichiarato: “Abbiamo un debito di gratitudine verso tutti coloro che hanno lavorato con noi per rendere l’Afghanistan un posto migliore negli ultimi 20 anni.

“Molti di loro, in particolare le donne, hanno ora un disperato bisogno del nostro aiuto. Sono orgoglioso che il Regno Unito sia stato in grado di mettere in atto questo per aiutare loro e le loro famiglie a vivere in sicurezza nel Regno Unito.

“La soluzione migliore per tutti è un Afghanistan che funzioni per tutti gli afgani.

“Ciò significa che la comunità internazionale si sta unendo per stabilire solide condizioni politiche per il futuro governo del Paese.

Ciò significa concentrare i nostri sforzi sull’aumento della resilienza della regione per prevenire un’emergenza umanitaria.

Il ministro degli Interni Priti Patel ha affermato che il piano “salverà vite”.

“Non abbandoneremo le persone che sono state costrette a fuggire dalle loro case e che ora vivono nel terrore di ciò che potrebbe accadere dopo”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *