Adam Hastings salta le partite del Sei Nazioni contro Irlanda e Italia

Adam Hastings salterà la serie di sei nazioni scozzesi contro l’Italia domenica 14 marzo e sabato 20 marzo, dopo essere stato squalificato per tre partite a causa del suo cartellino rosso per una partita pericolosa quando hanno battuto il Glasgow Warriors Pro 14 a Leinster domenica sera.

Un comitato disciplinare PRO14 guidato da un ufficiale giudiziario Owen Rice James (WRU) ha concluso:

“Si è verificata una brutta azione. Il reato è stato ritenuto idoneo per un punto di ingresso intermedio, il che significava una sospensione di sei settimane per il reato, ma è stato determinato che l’accettazione del gioco sbagliato da parte del giocatore ha fattori attenuanti, tra cui un rimpianto immediato e sincero. , cooperazione Azione disciplinare e chiara documentazione disciplinare, Garantito per ridurre le autorizzazioni del 50 per cento in base alle norme disciplinari.

“Il giocatore è stato sospeso dalla partecipazione alle tre partite significative successive. Se una partita deve essere posticipata o annullata durante la finestra di queste partite, Player e Pro 14 devono inviare l’attrezzatura aggiornata all’ufficiale giudiziario in modo che una data di ritorno possa essere informati.

“Il giocatore è libero di giocare dalla mezzanotte di domenica 21 marzo 2021”.

Le tre partite elencate nel rapporto sono il round 14 del Guinness Pro 14 di Glasgow Warriors contro Zebra questo fine settimana, il match del round 15 contro Osprey il prossimo fine settimana e lo scontro del Sei Nazioni della Scozia contro l’Italia.

PRO14 ha poi spiegato che la partita degli Ospreys e la partita della Scozia contro l’Italia erano considerate una partita ai fini della sospensione. “Sunday Midnight” significa anche l’inizio di domenica, il che significa che Hastings può giocare nella partita contro i Glasgow’s Dragons, che inizia alle 15:00.

READ  Natale, vacanze in Italia e si sposta verso la Zona Rossa nei giorni pre-festivi


Identificato da Glasgow Rory Dorje e Ally Miller

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *