Accordi degli Stati Uniti con Austria, Francia, Italia, Spagna e Regno Unito per evitare gli obblighi della Sezione 301 Kelly Tri & Warren LLP

Oggi, l’Ufficio del Rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USDR) ha annunciato l’ultimo accordo in sospeso di USDR con cinque paesi – Austria, Francia, Italia, Spagna e Regno Unito – sulle attività relative alla tassa sui servizi digitali (DST). Ai sensi della Sezione 301 del Trade Act, 1974. Come risultato di questo accordo, questi paesi eviteranno il 25% di tasse su determinate importazioni negli Stati Uniti.

Abbiamo già riferito sulle indagini Qui e Qui, Le attività relative all’ora legale di questi paesi (segnalate in India e Turchia) comportano o limitano il commercio statunitense e sono discriminatorie e incoerenti con i principi in vigore della tassazione internazionale.[1] Nel marzo 2021, con i risultati conclusivi dell’indagine, Elenchi proposti da USTR I soggetti soggetti all’opinione pubblica e al controllo per Austria, India, Italia, Spagna, Turchia e Regno Unito sono soggetti a un dazio all’importazione aggiuntivo del 25%. Nel giugno 2021, l’USTR ha annunciato che avrebbe sospeso le attività tariffarie proposte per 180 giorni per sei giorni ciascuno. L’USTR, dopo aver esaminato le attività DST della Francia prima e separatamente, ha deciso di imporre una tariffa aggiuntiva del 25% su alcune importazioni francesi nel giugno 2020 e nel gennaio 2021, ha deciso di sospendere ciò che era in attesa di ulteriori negoziati.

Il Accordo Le tariffe proposte dalla Sezione 301 degli Stati Uniti sono state raggiunte oggi con Austria, Francia, Italia, Spagna e Regno Unito. India e Turchia non hanno aderito all’accordo. I cinque paesi coinvolti nel “compromesso politico” raggiunto non dovranno ritirare le misure DST esistenti. Invece, questi paesi hanno riconosciuto che le società statunitensi non ricevono alcuna responsabilità DST prima dell’attuazione del pilastro 1 dell’accordo fiscale globale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Pilastro 1. Il Global Tax Agreement dell’OCSE è un programma storico e multidisciplinare di riforma fiscale volto a raccogliere le sfide dell’economia digitale e ottenere l’alto livello di sostegno politico del G7, del G20 e dei 136 membri dell’OCSE. Il pilastro 1 dell’accordo OCSE riguarda l’allocazione dei profitti dei servizi digitali delle aziende a una struttura globale. Secondo l’accordo di sezione 301 di oggi, una volta entrato in vigore il primo pilastro dell’OCSE (2023), gli Stati Uniti si uniranno ai cinque paesi nel ritiro delle imposte sui servizi digitali individuali.

READ  Non mi sono accorto del motore prima dell'Italia - Gioco

La decisione dell’USTR di sospendere ulteriormente la controversa soluzione soddisfacente o le misure tariffarie prima di quel momento, con effetto dal 30 novembre 2021, si tradurrà in un dazio del 25% sulle importazioni dall’India e dalla Turchia.


[1] L’USDR ha anche esaminato le attività DST di Brasile, Repubblica Ceca, Unione Europea e Indonesia. Nel marzo 2021, l’USTR ha annunciato che avrebbe sospeso queste indagini e, senza azione, nessuna delle quattro giurisdizioni sotto inchiesta avrebbe adottato o attuato politiche relative all’ora legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *