A Euro 2020, un promemoria che il bene può essere grande

Cominciamo con alcuni esercizi di pensiero. Un fatto puramente ipotetico, del tutto soggettivo, in definitiva inconcludente, lo ammetto, ma comunque: ora che entrambi i presunti contendenti alla vittoria del Campionato Europeo hanno mostrato almeno un po’ della loro mano, quanto sarebbe competitivo uno di loro se si lanciasse un paracadute -Come sono, in Champions?

Istintivamente, sembra che almeno la Francia se la caverà bene. La prima linea di Antoine Griezmann, Karim Benzema e Kylian Mbappe è come qualsiasi linea d’attacco con tre giavellotti in una partita di club.

Paul Pogba e Adrien Rabiot contribuiscono tutti con stile, grinta e immaginazione al loro centrocampo. Il N’Golo Kanté, a questo punto della storia, sembra essere la base di ogni squadra che batte il mondo. La difesa non è esattamente stellare, ma Didier Deschamps ha messo a segno un’ostinata serie di vittorie consecutive intorno a Raphael Varane e Presnel Kimpembe, entrambi provati interpreti dell’élite calcistica. E se trova uno dei due carenti, Deschamps ha a sua disposizione una vasta gamma di alternative. Sulla carta, quindi, la Francia potrebbe essere considerata una contendente, il tipo di squadra che – con il vento favorevole – potrebbe essere in grado di battere in astuzia Manchester City, Bayern Monaco e Chelsea.

L’unica sfida è lo stile: nonostante tutto il suo talento in eccesso, France Deschamps è una proposta intrinsecamente interattiva, un approccio che è stato generalmente respinto dai club più importanti del calcio. (Ecco perché Jose Mourinho, il suo sommo sacerdote, ora è a Roma, arenato al secondo posto.)

Tuttavia, la Francia andrà oltre la maggior parte dei suoi concorrenti. Il Portogallo ha una difesa coerente e un attacco devastante, ma il suo centrocampo è limitato. Il metodo di pressatura semi-consolidato della Germania sarà battuto da una macchina più liscia o snella o raccolto da un punzone.

READ  I pasti all'aperto potrebbero aiutare a ricostruire il reddito di Little Italy?

L’Inghilterra sta perdendo troppe occasioni, il Belgio troppo vecchio, troppo lento. L’Italia ha pochissima esperienza e l’Olanda pochissima. La Spagna ha davanti Alvaro Morata.

Ci sono, naturalmente, buone ragioni per queste debolezze, questi difetti comparativi. Le squadre nazionali non possono risolvere la carenza di una posizione specifica, o anche di una vasta area del campo, uscendo e comprando qualcuno per colmare il vuoto. I loro sistemi tattici sono, necessariamente, meno sviluppati di quelli delle migliori squadre di club perché i loro allenatori hanno così poco tempo con i loro giocatori.

Ovviamente niente di tutto ciò ha importanza. La Francia non dovrà mai giocare contro il Manchester City. Il Real Madrid non avrà la possibilità di segnare una vittoria immeritata sull’Inghilterra. Quando una di queste squadre viene annunciato, tra tre settimane, il vincitore del titolo Euro 2020 a Wembley, non sminuirà il suo successo perché non è migliore del Bayern Monaco.

Sono infatti i difetti che caratterizzano tutte le squadre internazionali a conferire in qualche modo il loro fascino ai tornei. A prima vista, la Francia supera tutti i suoi concorrenti, ma non è perfetta e si trattiene. Ha dei punti deboli, quelli che hanno maggiori probabilità di essere svelati e sfruttati in una singola partita, più di una volta a eliminazione diretta nel corso del campionato, o anche in casa e fuori casa per le fasi finali di Champions League.

Almeno in uno dei tornei estivi, è un punto di forza, non una debolezza, del calcio internazionale per cui non è soggetto alle stesse divisioni del gioco per club, dove poche squadre hanno immagazzinato così tanti giocatori e tanto talento sono nel. È, infatti, intoccabile da tutti tranne che da una manciata di concorrenti. Il divario tra le grandi squadre internazionali e solo i buoni club è molto più piccolo di quello tra i migliori club e qualsiasi altra squadra.

READ  I funerali di Roma protestano mentre le bare si accumulano nei cimiteri

Con le eccezioni – in particolare la squadra spagnola che ha vinto tre campionati consecutivi tra il 2008 e il 2012 – la maggior parte delle squadre che si sono affermate sulla scena internazionale sono imperfette. La maggior parte di loro, nella migliore delle ipotesi, sarebbe considerata ampiamente accettata se affrontasse i migliori club. Solo pochi raggiungeranno i quarti di finale di Champions League.

Questo non è qualcosa di cui dovresti lamentarti. Semmai, dovrebbe essere incoraggiato. Ma significa che quando ci sistemiamo in un torneo come Euro o Copa America, dobbiamo ricordare che non è necessario essere grandi per vincerlo; che le aspettative che sviluppiamo nel corso di una stagione di club non sono particolarmente rilevanti; Che, a livello internazionale, non puoi cancellare una squadra perché non ha un bell’aspetto, perché a volte, ogni due anni, basta essere bravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *